Il virus del "nazionalismo di crisi"

Quale ruolo potrebbe svolgere l'educazione alla pace e alla cittadinanza globale nell'affrontare le risposte nazionaliste a una crisi globale condivisa come il COVID-19? 

di Werner Wintersteiner

“Padronanza sulla natura? Non siamo ancora in grado di controllare la nostra stessa natura, la cui follia ci spinge a dominarla mentre perdiamo il nostro autocontrollo. […] Possiamo uccidere i virus, ma siamo indifesi di fronte a nuovi virus, che ci scherniscono, subiscono mutazioni e rinnovamenti. Anche per quanto riguarda batteri e virus, siamo costretti a fare un patto con la vita e la natura». -Edgar Morin1

“L'umanità ha bisogno di fare una scelta. Percorreremo la via della disunione o adotteremo la via della solidarietà globale?" – Yuval Noah Harari2 

"Nazionalismo della crisi"

La crisi di Corona ci mostra lo stato del mondo. Ci mostra che la globalizzazione ha finora portato interdipendenza senza solidarietà reciproca. Il virus si sta diffondendo a livello globale e combatterlo richiederebbe sforzi globali a molti livelli. Ma gli stati reagiscono con la visione del tunnel nazionale. Qui l'ideologia (nazionalista) trionfa sulla ragione, a volte anche sulla limitata ragione economica o di politica sanitaria. Nemmeno nell'autoproclamata “potenza della pace Europa”, l'Unione Europea, c'è un senso di coesione. "Gli Stati membri sono attanagliati dal nazionalismo della crisi", come afferma molto appropriatamente il giornalista austriaco Raimund Löw.3

Al contrario, una prospettiva di cittadinanza globale sarebbe appropriata alla crisi globale. Ciò non significa un'illusoria "prospettiva globale", che nemmeno esiste, ma significa abbandonare il "nazionalismo metodico" (Ulrich Beck) e rinunciare al "riflesso" del nazionalismo, del patriottismo locale e dell'egoismo di gruppo, almeno nella percezione di il problema. Significa anche rinunciare all'atteggiamento di "prima l'America, prima l'Europa, prima l'Austria" (ecc.) nel giudicare e nell'agire e adottare la giustizia globale come principio guida. È chiedere troppo? Questo non è altro che l'intuizione che noi come nazione, come stato o come continente non possiamo salvarci individualmente quando ci troviamo di fronte a sfide globali. E che quindi abbiamo bisogno sia di un pensiero globale che di strutture politiche globali.

Che non sia mai stato facile contrastare questi riflessi identitari è ben illustrato nella commedia Der Weltintergang (Fine del mondo) (1936) del poeta austriaco Jura Soyfer. Sullo sfondo dell'ascesa del nazionalsocialismo, disegna uno scenario di assoluta minaccia, ovvero il pericolo dell'estinzione dell'umanità. Ma come reagiscono le persone? Si possono individuare tre fasi: la prima reazione è la negazione, poi il panico, e infine un (poco significativo) attivismo a tutti i costi.4 Primo, i politici non credono agli avvertimenti della scienza. Ma mentre la catastrofe si avvicina innegabilmente, nessuna solidarietà può essere osservata, così che insieme possiamo forse scongiurare il pericolo, dopo tutto. Né tra gli Stati, né all'interno delle singole società. Piuttosto, i più ricchi ancora una volta traggono profitto dalla situazione emettendo un "vincolo del giorno del giudizio" e investendo in un'astronave malvagiamente costosa per salvarsi individualmente. Dopotutto, solo un miracolo può scongiurare il destino. La cometa, inviata per distruggere la terra, se ne innamora e quindi la risparmia. Lo spettacolo è un appello indiretto ma urgentissimo alla solidarietà globale.

Oggi, ovviamente, tutto è completamente diverso. La crisi del COVID-19 non è la fine del mondo e la maggior parte dei governi sta compiendo ogni sforzo per adottare tutte le misure necessarie per rallentare la diffusione del virus fino al punto in cui ora è possibile costruire contromisure. E in Austria si cerca di attutire gli effetti a livello sociale e generazionale. Tuttavia, soprattutto in una situazione eccezionale come questa, non dobbiamo essere completamente assorbiti nell'affrontare la vita di tutti i giorni; più che mai, abbiamo bisogno di osservazione critica e pensiero critico. Dopotutto, il virus corona rende improvvisamente possibile limitare i diritti fondamentali che sarebbero impensabili in tempi normali.

Tuttavia, soprattutto in una situazione eccezionale come questa, non dobbiamo essere completamente assorbiti nell'affrontare la vita di tutti i giorni; più che mai, abbiamo bisogno di osservazione critica e pensiero critico.

Possiamo chiederci, ad esempio: è davvero tutto molto diverso dall'opera teatrale di Jura Soyfer? Non conosciamo già i comportamenti che il poeta descrive – negazione, panico, azionismo – dalla crisi climatica? Cosa stiamo facendo per garantire che gli errori che finora ci hanno impedito di arginare efficacemente il cambiamento climatico non si ripetano nell'attuale crisi? Soprattutto: dov'è la nostra solidarietà vista la nostra tanto decantata “comune sorte terrena?” Perché in un punto la nostra realtà differisce molto nettamente dallo spettacolo teatrale: nessun miracolo ci salverà.

Gli effetti drastici della visione a tunnel ristretta (nazionale o eurocentrica) verranno ora mostrati con alcuni esempi.

Percezione: un "virus cinese?"

Solo quando l'epidemia si è diffusa in Italia ci siamo ricordati che globalizzazione significa interdipendenza complessa, non solo di collegamenti commerciali, filiere produttive e flussi di capitali, ma anche di virus.

La visione ristretta offusca già la nostra percezione del problema. Per settimane, se non mesi, abbiamo potuto osservare l'epidemia di corona, ma l'abbiamo liquidata come un affare cinese che ci riguarda solo marginalmente. (Naturalmente, anche i primi tentativi di insabbiamento da parte del governo cinese hanno contribuito a questo). Il presidente Trump ora parla in modo abbastanza specifico del "virus cinese", avendolo originariamente soprannominato un "virus straniero".5 E ricordiamo le prime “spiegazioni” per lo scoppio della malattia: le discutibili abitudini alimentari dei cinesi e le pessime condizioni igieniche nei mercati selvaggi. Il sottofondo moralistico e anche razzista non poteva essere ignorato. Solo quando l'epidemia si è diffusa in Italia ci siamo ricordati che globalizzazione significa interdipendenza complessa, non solo di collegamenti commerciali, filiere produttive e flussi di capitali, ma anche di virus. Non vogliamo però prendere atto del fatto che i nostri metodi di allevamento intensivo provocano già epidemie con una certa regolarità e favoriscono una resistenza dei batteri agli antibiotici, di cui si parla ancora poco ma che è già mortale mille volte l'anno , e che il nostro intero stile di vita aumenta quindi i rischi esistenti su scala globale.

Azione: “Ognuno per sé” come soluzione?

Corona ha confermato ancora una volta quanto già osservato lo scorso anno in occasione della prima discussione veramente globale sulla crisi climatica: le minacce globali non portano automaticamente alla solidarietà globale. In ogni crisi reagiamo in linea di principio, cioè se non abbiamo stabilito in precedenza altri meccanismi, non secondo il motto "restiamo uniti", ma secondo la massima "ognuno per sé". Quindi non c'è da meravigliarsi se la maggior parte degli stati considerava la chiusura delle frontiere la prima e più efficace misura per arginare la diffusione della corona. Si dirà che la chiusura delle frontiere è una scelta ragionevole, perché i sistemi sanitari sono organizzati su base nazionale e non sono disponibili altri strumenti. Questo è vero, ma non è tutta la verità. Invece di chiusure generalizzate delle frontiere, non sarebbe più sensato isolare le "regioni" colpite e farlo esclusivamente sulla base del rischio per la salute, vale a dire, se necessario, a livello transfrontaliero? Il fatto che ciò non sia possibile al momento è, dopo tutto, un'indicazione di quanto sia imperfetto il nostro sistema internazionale. Abbiamo creato problemi globali, ma non abbiamo creato meccanismi per soluzioni globali. C'è l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ma ha pochissime competenze, è finanziata solo al 20% dai paesi membri e dipende quindi da donatori privati, comprese le aziende farmaceutiche. Il suo ruolo fino ad oggi nella crisi di Corona è controverso. E nemmeno gli Stati membri dell'UE sono stati in grado di sviluppare un sistema sanitario paneuropeo in alcun modo. La politica sanitaria è di competenza nazionale. E non sono state create strutture adeguate per il meccanismo di protezione civile dell'UE, adottato nel 2001. Ecco perché stiamo rispondendo come abbiamo fatto nella “crisi dei rifugiati” – chiusura delle frontiere. Ma funziona ancora meno bene con un virus che con le persone in fuga.

L'egoismo (nazionale) va anche oltre. Un esempio speciale è probabilmente il caso delle aree di sport invernali tirolesi in Austria. A quanto pare il ritardo dell'industria del turismo tirolese e delle autorità sanitarie è responsabile di decine di contagi di sciatori internazionali, che hanno causato un effetto valanga in diversi paesi. Nonostante gli avvertimenti dei medici di emergenza, delle autorità sanitarie islandesi e del Robert Koch Institute, lo sci non è stato interrotto immediatamente né gli ospiti sono stati isolati. Nel frattempo i tribunali si stanno già occupando del caso. “Il virus è stato portato dal Tirolo nel mondo con gli occhi di chi guarda. Sarebbe troppo tardi per ammetterlo e scusarsi per questo”, ha giustamente detto un albergatore di Innsbruck.6 È quindi uno dei pochi ad affrontare la responsabilità internazionale dell'Austria e quindi l'idea di solidarietà mondiale.

L'impatto negativo su noi stessi di questo atteggiamento di isolamento nazionale, condiviso dall'Austria, si è manifestato durante le settimane di crisi di metà marzo 2020: il divieto di esportazione tedesco di attrezzature mediche, revocato dopo le proteste, ha impedito per una settimana l'urgente necessità e già pagato per il materiale importato in Austria.7 Ancor più grave è la situazione dell'assistenza domiciliare agli anziani e ai malati, dove il nostro Paese dipende da caregiver provenienti dai Paesi UE (vicini). Tuttavia, a causa della chiusura delle frontiere, non possono più svolgere i loro compiti nel modo consueto.

Nel frattempo, l'Unione europea, che a quanto pare è passata a un'operazione di emergenza, ha almeno ottenuto che il commercio di apparecchiature mediche all'interno dell'UE sia stato nuovamente completamente liberalizzato, mentre allo stesso tempo le esportazioni dall'Unione sono limitate8. Un processo di apprendimento? Forse. Ma questo non è in definitiva un egoismo europeo piuttosto che nazionale? E la prova della solidarietà internazionale arriverà solo quando l'Africa sarà più fortemente colpita dal Corona!

La mancanza di solidarietà europea ha avuto l'impatto peggiore sull'Italia. I paesi dell'Unione Europea, sebbene colpiti più tardi dell'Italia, sono preoccupati di se stessi da molto tempo. “L'Ue abbandona l'Italia nel momento del bisogno. In una vergognosa abdicazione di responsabilità, i paesi dell'Unione Europea non hanno fornito assistenza medica e forniture all'Italia durante un'epidemia", afferma un commento sulla rivista statunitense Politica estera, senza contare che anche gli Usa hanno ignorato la richiesta di aiuto dell'Italia.9 Cina, Russia e Cuba, invece, hanno inviato personale medico e attrezzature. La Cina sostiene anche paesi europei come la Serbia, che sono stati lasciati soli dall'UE. Questo è interpretato da alcuni media come la politica del potere cinese.10 Comunque sia, l'UE avrebbe il potere di aiutare anche un paese candidato!

Una situazione bizzarra si è verificata anche sull'isola d'Irlanda, dove – finché la Brexit non sarà ancora del tutto completata – il confine tra la Repubblica e l'Irlanda del Nord britannica non è percepibile nella vita di tutti i giorni. Con Corona, questo è cambiato. Per un po' Dublino, come la maggior parte degli Stati Ue, ha introdotto rigide restrizioni ai contatti, il primo ministro britannico Boris Johnson non lo ha ritenuto necessario per molto tempo (l'ideologia dell'“immunità di gregge”) e ha lasciato aperte le scuole, anche nell'Irlanda del Nord. Ciò ha spinto il corrispondente della radio austriaca (ORF) a fare il seguente commento: “Ancora una volta, si tratta di mostrare quanto sei britannico. […]” Con il coronavirus, l'identità stessa sembra essere al di sopra della geografia. È strano che un confine invisibile decida se i bambini vanno o meno a scuola.11

Negligenza: chi altro parla dei rifugiati?

In tutte le misure prese dal governo austriaco, per quanto sensate possano essere, colpisce che non si parli quasi mai delle persone più povere e senza legge della società, persone che vivono nei quartieri dei rifugiati nel nostro paese, a volte in spazi molto ristretti , e che probabilmente sono particolarmente a rischio in caso di infezione. L'asilo e la migrazione sono passati in secondo piano nelle cronache dei media. La miseria dei profughi sull'isola di Lesbo – anche all'interno dell'UE – sembra essere stata respinta dalla cronaca quotidiana ora che siamo così impegnati con noi stessi. Stati come la Germania, che fino a poco tempo fa si era dichiarata disposta ad accogliere giovani e famiglie non accompagnati, hanno rinviato il progetto. E comunque l'Austria non ha mai voluto partecipare a questa iniziativa. Persino gli appelli urgenti dell'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati e della società civile europea per l'evacuazione dei campi profughi in Grecia sono rimasti finora inascoltati.12 Nella crisi, l'egoismo nazionale sta avendo conseguenze particolarmente fatali. Lo scrittore Dominik Barta dimostra vividamente cosa significhi in pratica la mancanza di cittadinanza nel caso della crisi di Corona:

“Il milanese morto di coronavirus muore nel suo Paese, per mano di medici stremati che gli hanno parlato italiano finché hanno potuto. Sarà sepolto nella sua comunità e pianto dalla sua famiglia. Il rifugiato di Lesbo morirà senza che un medico lo abbia mai visto. Lontano dalla sua famiglia, come si suol dire, perirà. Un morto senza nome che verrà prelevato dal campo in un sacchetto di plastica. Il rifugiato siriano o curdo o afgano o pakistano o somalo sarà un cadavere dopo la sua morte, custodito in una tomba non personalizzata. Semmai, sarà incluso nella serie anonima di statistiche. […] Noi europei, soprattutto in tempo di crisi, sentiamo lo scandalo di un'esistenza completamente priva di diritti?13  

Vantando: “Guerra” contro Corona?

I governi di tutto il mondo hanno “dichiarato guerra” al coronavirus. La Cina ha iniziato, con lo slogan del presidente Xi Jinping, "lascia che la bandiera del partito sventoli alta sulla prima linea del campo di battaglia".14 Qualche altro campione: “La Corea del Sud dichiara 'guerra' al coronavirus”; "Israele fa guerra al coronavirus e mette in quarantena i visitatori"; "La guerra di Trump contro il coronavirus sta funzionando" ecc. E il presidente Macron in Francia: "Siamo in guerra, la guerra della salute, attenzione, stiamo combattendo […] contro un nemico invisibile. …] E poiché siamo in guerra, d'ora in poi ogni attività del governo e del parlamento deve essere orientata alla lotta contro l'epidemia».15 Anche il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ritiene che questo vocabolario dovrebbe essere utilizzato per attirare l'attenzione sulla gravità della situazione.16

Questa militarizzazione del linguaggio, per nulla consona alla causa – la lotta alla pandemia – ha comunque una funzione. Da un lato, ha lo scopo di aumentare l'accettazione sociale per misure drastiche che limitano le libertà civili. In una guerra, dovremmo semplicemente accettare una cosa del genere! In secondo luogo, crea anche l'illusione che possiamo tenere il virus sotto controllo una volta per tutte. Perché le guerre si combattono per vincerle. "Vinceremo e saremo moralmente più forti di prima", ha annunciato pomposamente Macron, ad esempio, che è sottoposto a una forte pressione politica interna a causa della sua politica sociale. Che il virus sia arrivato per restare, e che probabilmente dovremo conviverci in modo permanente, non lo dice.

Parlare di guerra è come parlare di chiudere le frontiere. Entrambi hanno anche un significato simbolico da non sottovalutare. Celebra il ritorno della sovranità statale. Perché la globalizzazione dell'economia ha portato i governi nazionali ad avere sempre meno influenza sullo sviluppo economico in patria ea non essere in grado di offrire ai propri cittadini protezione contro la declassificazione, la disoccupazione e cambiamenti drastici nella vita. Con Corona stiamo vivendo una rinazionalizzazione della politica e con essa un nuovo ambito per i governi. E così parlano di guerre che vogliono vincere e quindi proclamano quanto sono potenti.

Risposte: “Cosmopolitismo politico”

Tutto l'egoismo nazionale sopra menzionato è allo stesso tempo accompagnato da una grande disponibilità, cordialità e solidarietà all'interno della società, ma anche da un sostegno transfrontaliero. Questa volontà di mostrare solidarietà ha trovato espressione pubblica in varie forme. Tuttavia, la mancanza di strutture politiche transnazionali e il "nazionalismo metodico" attualmente impediscono ancora a questa volontà di mostrare solidarietà di raggiungere una corrispondente efficacia globale. In questo contesto, la magnifica cooperazione mondiale della scienza medica nella crisi della Corona mostra quale potenziale di solidarietà globale è già disponibile oggi. E sembra che anche la cooperazione delle regioni al di sotto del livello statale funzioni: i pazienti dell'Alsazia francese gravemente colpita sono stati portati nella vicina Svizzera o nel Baden-Württemberg (Germania).17

È significativo che uno dei pochi che fa costantemente globale proposte politiche per frenare il corona è il miliardario Bill Gates, tra tutti, che già a febbraio (quando molti di noi speravano ancora di cavarsela francamente) in un articolo del New England Journal of Medicine18 chiedeva che gli stati ricchi aiutassero quelli più poveri. I loro sistemi sanitari deboli potrebbero diventare rapidamente sovraccarichi e avrebbero anche meno risorse per assorbire le conseguenze economiche. Le attrezzature mediche e soprattutto i vaccini non dovrebbero essere vendute con il massimo profitto possibile, ma dovrebbero prima essere messe a disposizione delle regioni che ne hanno più bisogno. Con l'aiuto della comunità internazionale, l'assistenza sanitaria dei paesi a basso e medio reddito (LMIC) deve essere strutturalmente innalzata a un livello più alto per essere preparati a ulteriori pandemie. Qui si ripete in modo quasi classico la costellazione problematica, ovvero che gli stati – che rivendicano per sé democrazia e giustizia sociale – perseguono una politica strettamente nazionalistica lasciando l'impegno globale alle grandi corporazioni (e ai loro interessi). Anche la Fondazione Bill Gates, il cui impegno per le questioni sanitarie è indiscusso, è in parte finanziata dai profitti delle aziende che – producono cibo spazzatura.19

Questo non significa altro che applicare alla politica estera i principi democratici che si applicano all'interno dei nostri Stati, al fine di sostituire la legge prevalente del più forte con la forza della legge.

Nella situazione attuale, la critica ai percorsi speciali nazionali può sembrare un appello morale senza speranza. Ma gli spunti che Corona (ancora una volta) ci regala non sono nuovi. Già decenni fa, scienziati come Carl Friedrich Weizsäcker o Ulrich Beck hanno propagato il concetto di "politica interna mondiale". Questo non significa altro che applicare alla politica estera i principi democratici che si applicano all'interno dei nostri Stati, al fine di sostituire la legge prevalente del più forte con la forza della legge. Anche a questo scopo devono essere create strutture adeguate. Il filosofo tedesco Henning Hahn chiama questo "cosmopolitismo politico", che deve integrare un "cosmopolitismo morale" già esistente.20 Non è l'unico a sostenere l'"utopia realistica di un regime globale dei diritti umani". In altre parole: le forze della scienza e della società civile che lavorano per una democratizzazione della società mondiale, per una cittadinanza globale, ci sono già. Tuttavia, hanno ancora troppo poco peso politico, anche se l'ex segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon ha cercato di convincere gli stati del mondo di questo orientamento con il suo appello “Dobbiamo promuovere la cittadinanza globale” nel 2012.21 Nel nostro caso specifico, ciò significa che dobbiamo creare strutture e meccanismi o rafforzare quelli esistenti, come l'OMS, al di fuori dei tempi di crisi, in modo che possano fornire un coordinamento globale e assistenza reciproca in caso di epidemie e pandemie. Perché questa è la conditio sine qua non per superare effettivamente il riflesso “ognuno per sé”. Dopotutto, gli esperti sanitari hanno avvertito al più tardi con la crisi dell'Ebola nel 2015 che non è una questione di se, ma solo di quando, fino allo scoppio della prossima pandemia.22

Apprendimento: “Essere sul pianeta”

Abbiamo goduto sconsideratamente dei benefici della globalizzazione. Mentre la crisi climatica e i movimenti politici come Venerdì per il futuro ci hanno ricordato con forza che così facendo stiamo vivendo a spese della vasta massa dei più poveri del mondo ea spese delle generazioni future. Tuttavia, questa vaga intuizione non ha ancora portato a conseguenze corrispondenti. Non vogliamo rinunciare così facilmente al nostro "modo di vivere imperiale" (Ulrich Brand). Ma forse l'attuale pandemia può portarci a una visione più profonda. Dopotutto, abbiamo adottato misure drastiche in pochi giorni, mentre eravamo fin troppo titubanti nell'affrontare la lotta al cambiamento climatico. E quindi la comprensione che dobbiamo agire insieme non è nuova. Già 30 anni fa Milan Kundera metteva in guardia contro l'euforia del "mondo unico", che in ultima analisi non è altro che una "società del rischio mondiale" (Ulrich Beck): "L'unicità dell'umanità significa che nessuno può sfuggire da nessuna parte .”23

Sulla base di considerazioni simili, il filosofo francese Edgar Morin ha coniato i termini "fato terreno comune" e "terra patria". Dobbiamo renderci conto che dipendiamo gli uni dagli altri in tutto il mondo. Oggi non possono più esistere percorsi speciali nazionali per i grandi problemi mondiali. Se vogliamo avere un futuro, sosteneva Morin, non possiamo evitare un cambiamento radicale dei nostri stili di vita, della nostra economia e della nostra organizzazione politica. Senza rinunciare agli Stati nazionali, è necessario creare strutture transnazionali e globali. Ma – e questo è cruciale – dovremmo anche sviluppare una cultura diversa per riempire di vita queste strutture. Per prendere sul serio il “comune destino terreno”, disse:

“Dobbiamo imparare ad 'esserci' sul pianeta – ad essere, a vivere, a condividere, a comunicare ea comunicare gli uni con gli altri. Le culture chiuse in se stesse hanno sempre saputo e insegnato questa saggezza. D'ora in poi, dobbiamo imparare ad essere, vivere, condividere, comunicare e comunicare come esseri umani del pianeta Terra. Dobbiamo trascendere, senza escludere, le identità culturali locali e risvegliarci al nostro essere cittadini della Terra”.24

Se la crisi della corona porta a questa intuizione, allora probabilmente abbiamo tratto il meglio da ciò che si può fare di una tale catastrofe.


L'autore

Professore universitario in pensione Dr. Werner Wintersteiner, è stato il fondatore e direttore di lunga data del Centro per la ricerca sulla pace e l'educazione alla pace presso l'Università Alpen-Adria di Klagenfurt, in Austria; è membro del gruppo direttivo del Master di Klagenfurt “Global Citizenship Education”.


Note

1 Edgar Morin/Anne Brigitte Kern: Patria Terra. Un manifesto per il nuovo millennio. Cresskill: Hampton press 1999, p. 144-145.

2 http://archive.is/mGB55

3 Der Falter 13/2020, pag. 6.

4 Cfr. anche il riferimento al sociologo Philipp Strong, che ha diagnosticato comportamenti molto simili nelle crisi, in: https://www.wired.com/story/opinion-we-should-deescalate-the-war-on-the-coronavirus/

5 https://www.politico.com/news/2020/03/18/trump-pandemic-drumbeat-coronavirus-135392

6 Steffen Arora, Laurin Lorenz, Fabian Sommavilla in: The Standard online, 17.3.2020.

7 https://www.wienerzeitung.at/nachrichten/politik/oesterreich/2054840-Deutschland-genehmigte-Ausfuhr-von-Schutzausruestung.html

8 NZZ, 17. 3. 2020.

9 Politica estera, 14. 3. 2020, https://foreignpolicy.com/2020/03/14/coronavirus-eu-abbandoning-italy-china-aid/

10 Es. Der Tagesspiegel, 19. 3. 2020: "Come la Cina si sta assicurando l'influenza in Europa nella crisi della corona".

11 Martin Alioth, ORF Mittagsjournal, 17. 3. 2020.

12 Si trova ad esempio su: www.volkshilfe.at

13 Dominik Barta: Viren, Völker, Rechte [virus, popoli, diritti]. In: Lo standard, 20. 3. 2020, p. 23.

14 China Daily, qui di seguito: https://www.wired.com/story/opinion-we-should-deescalate-the-war-on-the-coronavirus/

1f https://fr.news.yahoo.com/ (traduzione propria).

16 Discorso "Dichiarare guerra al virus", 14 marzo 2020. https://www.un.org/sg/en

17 Badische Zeitung, 21 marzo 2020. https://www.badische-zeitung.de/baden-wuerttemberg-nimmt-schwerstkranke-corona-patienten-aus-dem-elsass-auf–184226003.html

18 https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMp2003762?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=newsletter_axiosam&stream=top

19 https://www.infosperber.ch/Artikel/Gesundheit/Corona-Virus-Das-Dilemma-der-WHO

20 Henning Hahn: Politischer Kosmopolitismus. Berlino/Boston: De Gruyter 2017.

21 UNO Generalsekretär Ban Ki-moon, 26 settembre 2012, in occasione del lancio della sua iniziativa "Global Education First" (GEFI). https://www.un.org/sg/en/content/sg/statement/2012-09-26/secretary-generals-remarks-launch-education-first-initiative

22 https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMp1502918

23 Milan Kundera: Die Kunst des Romans. Francoforte: Fischer 1989, 19.

24 Morin 1999, come Nota 1, p. 145.

close

Unisciti alla campagna e aiutaci a #SpreadPeaceEd!

Sii il primo a commentare

Partecipa alla discussione ...