Il problema del chiodo: patriarcato e pandemie

Quando l'unico strumento a portata di mano è un martello, tutti i problemi sembrano chiodi.

Introduzione dell'editore

Poiché l'educazione alla pace affronta una terza minaccia esistenziale per il nostro pianeta, vediamo la necessità di ricordare a noi stessi l'importanza essenziale di pensare in modo olistico, ecologico e in termini di interrelazioni tra i popoli della Terra e tra quei popoli e la Terra che condividono. Ricordiamo a noi stessi quanto sia importante essere consapevoli non solo di ciò che pensiamo, ma di come pensiamo e degli strumenti concettuali con cui pensiamo. Mentre riflettiamo sulle relazioni integrali tra e tra la guerra e il potenziale di annientamento nucleare, la crisi climatica e ora le pandemie presenti e probabilmente future, dobbiamo attingere a tutto ciò che abbiamo appreso sull'educazione alla trasformazione. Ora abbiamo bisogno di evocare i nuovi apprendimenti che sono richiesti, mentre diventiamo più acutamente consapevoli delle dimensioni e delle possibilità delle pandemie. Come spesso ricordiamo a noi stessi, gli umani abitano ancora questo pianeta, il pianeta non deve morire e le guerre sono finite. Troviamo speranza nella nostra capacità di apprendere che ha reso possibile la sopravvivenza.

In questo editoriale, Betty Reardon ci esorta a intraprendere questa nuova sfida di apprendimento con una valutazione del linguaggio e delle immagini con cui pensiamo al mondo e formuliamo strategie per cambiarlo, in modo che le guerre possano finire, le pandemie siano contenute e noi e i nostri pianeta potrebbe continuare a vivere. Crediamo che questa comunità di educazione alla pace possa raccogliere la sfida; così come quelli i cui messaggi troverete nei post di accompagnamento convergenti con il messaggio di Betty. Nella convinzione che i nostri lettori condividano questa convinzione, proponiamo questa sfida di apprendimento.

.

di Betty Reardon

Un articolo in prima pagina del New York Times di domenica sulla risposta del presidente americano alla catastrofe di Corona ha concluso:

Quindi il signor Trump, con la sua recente descrizione di una guerra da vincere contro un "nemico straniero", sta cercando una dinamica che gli sia familiare, personificando il virus come un avversario da battere, inquadrandolo come il tipo di crisi che sa come affrontare. "Sta cercando di trasformarlo in una situazione di vittoria e sconfitta", ha detto. (Gwenda Blair, biografa di Trump) “È così che vede il mondo: i vincitori, lui ei perdenti di tutti gli altri. Sta cercando di trasformare il coronavirus in un perdente e se stesso in un vincitore". (Abituato ad affrontare le sfide con spavalderia e forza, Trump affronta una crisi diversa da prima - NY Times, 21 marzo 2020)

Quello che lei e altri osservatori potrebbero aver notato è che designarsi un leader di guerra rivendica anche il mantello dell'eroe, un'altra caratteristica del sistema bellico, che apre la porta agli eccessi autoritari, così come le crisi catastrofiche nel corso della storia. Questa è la via del patriarcato, l'istituzione che ha dato origine al sistema bellico per assicurarne la perpetuazione, infettando la psiche umana tanto profondamente quanto le nostre abitudini, le nostre relazioni e, in modo più distruttivo, i nostri modi di pensare. POTUS non è l'unico tra noi che vede la famiglia umana divisa in vincitori e vinti; non è il primo leader a designare una sfida o un problema come "il nemico", invocando senza esclusione di colpi nel concorso. La maggior parte di noi ha un certo grado della visione patriarcale del mondo della biforcazione sociale e della disuguaglianza umana in agguato nella nostra coscienza. Questo potrebbe essere un momento, poiché siamo sequestrati dalle "normali" spese quotidiane dei nostri giorni su questo fragile pianeta, in cui potremmo scavare nelle nostre teste per vedere come pensiamo alla sfida e alla lotta. Dedichiamo un po' di questo tempo a riflettere sulle alternative ai concetti e alle metafore del conflitto letale e del trionfalismo che pervadono il pensiero e la pianificazione con cui affrontiamo questo e gli altri maggiori pericoli per il benessere e la sopravvivenza umana.

Abbiamo rimandato a lungo l'affrontare le minacce esistenziali del cambiamento climatico e del precipizio nucleare. E anche ora che tutte le risorse e l'energia sono urgentemente necessarie nella lotta contro il COVID-19, continuano a essere condotte guerre dispendiose dirette alla morte, provocando un appello di cessate il fuoco da parte del Segretario Generale delle Nazioni Unite (vedi Notizie ONU - COVID-19: il capo delle Nazioni Unite chiede un cessate il fuoco globale per concentrarsi sulla "vera lotta delle nostre vite", 23 marzo 2020).

Ora è dolorosamente chiaro che non possiamo più permetterci la guerra. La guerra deve essere abolita come ci è stato ordinato dal Pres. Kennedy nel 1963. Più immediatamente chiaro è che abbiamo evitato troppo a lungo ciò che avrebbe dovuto essere inteso come inevitabile per tutto il secolo successivo all'influenza spagnola. Certamente, dall'esperienza dell'Ebola dell'ultimo decennio, avremmo dovuto prepararci a una pandemia, come sottolinea Bill Gates nel suo discorso TED pubblicato qui:

Non solo il suo discorso è stato profetico riguardo a questo romanzo Coronavirus, ma ci ha giustamente avvertito che le pandemie non sono probabilmente eventi occasionali come ha affermato POTUS nella conferenza stampa di domenica. Alla luce di questa probabilità, gli educatori alla pace potrebbero ben prestare maggiore attenzione allo sviluppo delle capacità di anticipazione e alle proiezioni di alternative al sistema di guerra che abbiamo a lungo sostenuto come obiettivi di apprendimento essenziali.

Gates ci offre anche alcune possibilità pratiche per il passaggio a quella che abbiamo chiamato "sicurezza smilitarizzata", (cioè sicurezza che non dipende dalla capacità di infliggere violenza letale) poiché propone come forze addestrate e mobilitate possano servire per affrontare le sfide dell'umanità. sicurezza come le pandemie, a lungo ignorate se non addirittura negate dai fautori di una sicurezza altamente militarizzata. Ma non, come sottolinea, dai militari stessi che hanno tali piani relativi alle possibilità di guerra biologica. Ci si chiede se quando questa amministrazione ha tagliato la sezione epidemica della Homeland Security, abbia ridotto anche la ricerca sulle armi biologiche. Gates, tuttavia, non suggerisce che la spesa eccessiva per lo sviluppo di armi possa essere convertita per affrontare questa minaccia molto reale che le pandemie rappresentano per la sicurezza umana. Tuttavia, il suo messaggio preveggente ci sfida a pensare alla lotta umana in termini diversi dalla guerra. come fa Tony Jenkins in una recente e-mail che commenta lo stesso annuncio POTUS che ha ispirato l'articolo del New York Times sopra citato.

Tony riflette sul passaggio a un linguaggio meno alienante e separante come dal "distanziamento sociale" al "distanza fisica", riconoscendo che i nostri legami sociali rimangono vitali e forti di fronte a questa crisi; dalla "guerra a un virus" alla "guarigione di una nazione malata". Se chiamiamo le cose in modo diverso, possiamo pensare in modo diverso. Saremo meglio messi in grado di affrontare quello che è veramente "un pericolo chiaro e presente".

La mia tendenza è quella di riflettere su concetti e metafore che affermano la vita come si trovano nell'arte, nell'agricoltura e nella riproduzione della vita animale; pensare meno a combattere un problema e più a coltivare un'alternativa. Mi ritrovo a tornare alla metafora del concepimento, della nascita e del nutrimento che ha concluso Sessismo e sistema bellico (Teachers College Press 1985) in cui sostenevo come convergenza di quei valori positivi che persino il patriarcato permetteva di prosperare nelle sue oppressive assegnazioni di genere biforcute. È più probabile che la convergenza rafforzi i sistemi sociali rispetto alle separazioni e alla designazione dei nemici che li ha così indeboliti. Sviluppare una più profonda autocoscienza di noi stessi e dei nostri sistemi potrebbe anche essere frutto delle riflessioni che coltiviamo mentre ci “ripariamo” dal virus. La coerente consapevolezza di sé e sociale è l'assicurazione di un sistema sociale. La fattibilità di qualunque sistema trasformato possiamo portare avanti dipenderebbe dalla "continua riflessione e sfida alle sue regole e strutture e dalla sua capacità di cambiare in risposta a nuove condizioni". (Sessismo e sistema bellico pag. 97) La tendenza del patriarcato ad auto-replicarsi, e quando viene sfidato a raddoppiare le risposte militariste, rende nettamente evidente la sua mancanza sia di quell'autocoscienza che di un linguaggio appropriato attraverso il quale concettualizzare un'alternativa che sostenga la vita.

Molti movimenti per la pace e la giustizia hanno chiesto di utilizzare questo momento critico per riflettere, pianificare e imparare la strada per un futuro più positivo. Un contributo che noi, educatori di pace, potremmo dare a questo processo è la riflessione sulle possibilità di un linguaggio alternativo e di metafore verso le quali i linguisti e le femministe della pace hanno a lungo cercato di persuaderci a focalizzare la nostra attenzione. Quali sostituzioni per il normale linguaggio bellicoso e le metafore potrebbero suggerire i lettori di questo post? E altrettanto essenziale, come potremmo cambiare il nostro pensiero, il nostro discorso e i nostri comportamenti per manifestare quei cambiamenti concettuali? Per favore condividi le tue riflessioni su queste domande, in modo che possiamo sviluppare insieme un linguaggio appropriato con cui concettualizzare e lottare per un'alternativa al sistema di guerra patriarcale. Limitiamo l'uso del martello comprendendo che le nostre sfide sono più complesse e diverse dei chiodi di qualsiasi dimensione.

close

Unisciti alla campagna e aiutaci a #SpreadPeaceEd!

1 Commenti

  1. Tony nell'articolo era il tuo nome Tony Jenkins che doveva essere collegato a un tuo articolo? Se è così, non è successo.

Partecipa alla discussione ...