#abolizione nucleare

"The New Nuclear Era" è una serie di post della durata di una settimana (giugno 2022) destinata a fungere da introduzione all'educazione all'eliminazione delle armi nucleari e a ispirare gli educatori alla pace ad affrontare l'urgenza di un rinnovato movimento della società civile per il abolizione delle armi nucleari. La serie commemora e riflette sui 40th anniversario della più grande manifestazione contro la guerra e le armi nella storia del movimento per la pace del 20° secolo, la marcia di 1 milione di persone per l'abolizione delle armi nucleari che ha avuto luogo a Central Park a New York City il 12 giugno 1982.

Ti consigliamo di rivedere i post in ordine poiché sono strutturati come una sequenza di apprendimento:

  1. Un altro anno, un altro dollaro: riflessioni preliminari sul 12 giugno e sull'abolizione nucleare
  2. La nuova era nucleare: un imperativo di educazione alla pace per un movimento della società civile
  3. Le armi nucleari sono illegali: il Trattato del 2017
  4. Armi nucleari e guerra in Ucraina: una dichiarazione di preoccupazione
  5. La Nuova Realtà Nucleare”
  6. "Trasformare la paura in azione": una conversazione con Cora Weiss
  7. Commemorazione e impegno: documentare il 12 giugno 1982 come Festival per la vita

Oltre alla serie "The New Nuclear Era", troverai di seguito anche un ampio archivio di post sull'abolizione nucleare adatti all'adozione a fini di peacelearning.

Quello che so sulla vita umana come downwinder nucleare

Mary Dickson è una sopravvissuta ai test sulle armi nucleari. Nel corso dei decenni trascorsi dai primi test presso il sito di test del Nevada, le vittime dei test nucleari hanno subito la morte, la durata della vita limitata e vite di dolore e disabilità fisica. Dickson cerca responsabilità e riparazioni per altre vittime, fattori da considerare nella valutazione dell'etica della politica nucleare.

Minacce nucleari, sicurezza comune e disarmo (Nuova Zelanda)

Nel 1986 il governo della Nuova Zelanda ha adottato le linee guida degli studi sulla pace per introdurre l'educazione alla pace nel curriculum scolastico. L'anno successivo, il parlamento ha adottato una legislazione che vieta le armi nucleari, cementando nella politica un passaggio verso una politica estera basata sulla sicurezza comune. In questo articolo, Alyn Ware commemora il 35° anniversario della legislazione antinucleare, mette in evidenza il collegamento tra l'educazione alla pace e il cambiamento nella politica di sicurezza e raccomanda ulteriori azioni al governo e ai neozelandesi per aiutare a eliminare le armi nucleari a livello globale.

Lo stoccaggio nucleare è vietato dal Trattato di proibizione nucleare

Gli educatori alla pace che si occupano di questioni relative al disarmo dovrebbero avere familiarità con lo Stockholm Peace Research Institute (SIPRI) e il suo lavoro altamente apprezzato su un'ampia gamma di questioni relative alle armi e agli armamenti. Coloro che affrontano la problematica delle armi nucleari e il movimento per la loro eliminazione troveranno qui utile materiale didattico nella ricerca del SIPRI sullo stoccaggio.

Commemorazione e impegno: documentare il 12 giugno 1982 come Festival per la vita

“In Our Hands”, un film di Robert Richter, documenta sia la gioia che la consapevolezza che hanno caratterizzato la marcia del 12 giugno 1982 per l'abolizione del nucleare; gioia generata dall'enorme energia positiva trasudata dai manifestanti e dalla consapevolezza delle dure realtà articolate da così tanti che sono stati intervistati dal regista. Il film è presentato qui per sostenere l'apprendimento della pace e la riflessione a sostegno dell'azione per il futuro del movimento per l'abolizione nucleare.

"Trasformare la paura in azione": una conversazione con Cora Weiss

La mobilitazione del 12 giugno 1982 per l'abolizione delle armi nucleari fu un esercizio per trasformare la paura in azione. Questa conversazione con Cora Weiss, Robert Richter e Jim Anderson rivisita la marcia e la manifestazione di 1 milione di persone a New York ed esplora ciò che ha reso possibile la mobilitazione e le direzioni future del movimento per l'abolizione nucleare.

“La nuova realtà nucleare”

Robin Wright affronta "The New Nuclear Reality" invocando la necessità di "ideare un'architettura di sicurezza nuova o più stabile, con trattati, strumenti di verifica, supervisione e applicazione, per sostituire i modelli in erosione stabiliti dopo la fine dell'ultima grande guerra in Europa , settantasette anni fa”.

Armi nucleari e guerra in Ucraina: una dichiarazione di preoccupazione

La Nuclear Age Peace Foundation sostiene la richiesta di un movimento della società civile su larga scala per l'abolizione del nucleare e presenta una proposta per convocare un tribunale della società civile per affrontare le violazioni del diritto internazionale violate dagli stati possessori di armi nucleari. Incoraggiamo gli educatori alla pace a leggere la dichiarazione a sostegno dell'indagine sul potenziale di un tribunale della società civile.

Le armi nucleari sono illegali: il Trattato del 2017

La società civile globale deve mobilitarsi per portare i nostri governi a conformarsi al Trattato sulla proibizione delle armi nucleari, il nostro mezzo più efficace per prevenire un olocausto nucleare. È attraverso l'educazione alla pace che il trattato potrebbe essere reso noto al numero necessario di cittadini del mondo mobilitati a tale scopo.

La nuova era nucleare: un imperativo di educazione alla pace per un movimento della società civile

Michael Klare, un interprete ampiamente noto e rispettato delle questioni di sicurezza globale delinea i contorni di "The New Nuclear Era". Il suo saggio è una "lettura obbligata" per gli educatori alla pace, che dovrebbero essere consapevoli del suo resoconto dell'evoluzione della politica di sicurezza che ci ha portato a questa crisi attuale.

Un altro anno, un altro dollaro: riflessioni preliminari sul 12 giugno e sull'abolizione nucleare

Questo post introduce "The New Nuclear Era", una serie destinata a ispirare gli educatori alla pace ad affrontare le urgenze di un rinnovato movimento della società civile per l'abolizione delle armi nucleari. La serie è presentata in osservazione di due 40 anni, significativi sia per il campo dell'educazione alla pace che per il movimento per l'abolizione nucleare. 

Scorrere fino a Top