#Salute

L'impatto sproporzionato del COVID-19 sulle minoranze razziali ed etniche deve essere affrontato con urgenza

In questa Corona Connection, Michelle Bachelet, l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, chiede di agire per affrontare il razzismo strutturale rivelato da COVID-19 che ha colpito in modo sproporzionato le persone di origine africana e le minoranze in tutto il mondo. Il razzismo è un problema globale che richiederà un cambiamento sistemico di vasta portata.

L'impatto sproporzionato del COVID-19 sulle minoranze razziali ed etniche deve essere affrontato con urgenza Scopri di più »

Abbiamo bisogno di un approccio di salute pubblica alla strategia di sicurezza nazionale

Nell'ambito della strategia di sicurezza nazionale, il COVID-19 apre le porte a un possibile spostamento verso un approccio di salute pubblica e un modo di sviluppare strategie di sicurezza. Questo ci consente di vedere che il danno, la distruzione e la violenza transfrontalieri sono più sinonimo di una malattia contagiosa.

Abbiamo bisogno di un approccio di salute pubblica alla strategia di sicurezza nazionale Scopri di più »

Il virus del "nazionalismo di crisi"

Werner Wintersteiner sostiene che la crisi della Corona rivela che la globalizzazione ha finora portato interdipendenza senza solidarietà reciproca. Il virus si sta diffondendo a livello globale e combatterlo richiederà uno sforzo globale, ma gli stati stanno reagendo con una visione a tunnel nazionale. Al contrario, una prospettiva di cittadinanza globale sarebbe appropriata alla crisi globale.

Il virus del "nazionalismo di crisi" Scopri di più »

Investire in una vita sana e in comunità di apprendimento per bambini e giovani nativi

A causa di traumi storici, programmi cronicamente sottofinanziati e promesse non mantenute da parte del governo degli Stati Uniti, i giovani delle comunità di nativi americani sperimentano molte disparità educative, sanitarie ed economiche rispetto ai loro coetanei nella popolazione generale.

Investire in una vita sana e in comunità di apprendimento per bambini e giovani nativi Scopri di più »

Il dottor Herbert L. Abrams, che ha lavorato contro la guerra nucleare, muore a 95

Il dott. Herbert L. Abrams, radiologo presso le università di Stanford e Harvard, è morto il 20 gennaio nella sua casa di Palo Alto, in California. Aveva 95 anni. Il dott. Abrams è stato vicepresidente fondatore dell'International Physicians for the Prevention of Nuclear War, che nel 1984 ricevette il Premio Unesco per l'Educazione alla Pace e un anno dopo il Premio Nobel per la Pace. Nell'annunciare il premio, il Comitato Nobel ha affermato che il gruppo ha svolto un importante servizio "diffondendo informazioni autorevoli e creando una consapevolezza delle conseguenze catastrofiche della guerra atomica".

Il dottor Herbert L. Abrams, che ha lavorato contro la guerra nucleare, muore a 95 Scopri di più »

CDC assegna UofL $ 5.7 milioni per finanziare il centro di ricerca sulla prevenzione della violenza giovanile

(Articolo originale: The Lane Report, 20 novembre 2015) Louisville, Ky. – I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno premiato la Scuola di sanità pubblica e scienze dell'informazione dell'Università di Louisville

CDC assegna UofL $ 5.7 milioni per finanziare il centro di ricerca sulla prevenzione della violenza giovanile Scopri di più »

Scorrere fino a Top