Educazione alla pace per la cittadinanza: una prospettiva per l'Europa dell'Est

(Ripubblicato da: Pravdoshukach, 5 settembre 2021.)

Di Yurii Sheliazhenko

L'Europa orientale nei secoli 20-21 ha sofferto molto per la violenza politica e i conflitti armati. È tempo di imparare a vivere insieme in pace e alla ricerca della felicità.

L'approccio tradizionale per preparare i giovani alla partecipazione alla vita politica degli adulti nei paesi del partenariato orientale e della Russia era, ed è tuttora, una cosiddetta educazione patriottica militare. In Unione Sovietica, il cittadino ideale era visto come un leale coscritto che obbediva ai comandanti senza fare domande.

In questo paradigma, la disciplina militare era un modello per la vita civile escludendo il dissenso dalla sfera politica. Naturalmente, qualsiasi tipo di obiettori di coscienza al servizio militare, come i seguaci dell'"apostolo della nonviolenza" Lev Tolstoj e i protestanti popolari, sono stati repressi durante le campagne contro le "sette" e il "cosmopolitismo".

Le nazioni post-sovietiche hanno ereditato questo paradigma e tendono ancora ad allevare soldati piuttosto obbedienti che elettori responsabili. I rapporti annuali dell'Ufficio europeo per l'obiezione di coscienza (EBCO) mostrano che i coscritti nella regione hanno poche o nessuna possibilità di riconoscimento legale della loro denuncia di guerra e rifiuto di uccidere.

Come informa Deutsche Welle, nel 2017 alla conferenza internazionale di Berlino gli esperti hanno discusso dei rischi dell'educazione patriottica militare post-sovietica, che promuove l'autoritarismo in Russia e le politiche di estrema destra in Ucraina. Gli esperti hanno suggerito che entrambi i paesi hanno bisogno di una moderna educazione democratica alla cittadinanza.

Ancora prima, nel 2015, il Ministero degli esteri tedesco e l'Agenzia federale per l'educazione civica hanno sostenuto la Rete dell'Europa orientale per l'educazione alla cittadinanza (EENCE), una rete di organizzazioni ed esperti che mira allo sviluppo dell'educazione alla cittadinanza nella regione dell'Europa orientale, tra cui Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Georgia, Moldavia, Russia e Ucraina. I partecipanti alla rete firmano un memorandum, che esprime un impegno audace per le idee di democrazia, pace e sviluppo sostenibile.

L'idea di prevenire la guerra attraverso un'educazione civica alla cultura della pace può essere fatta risalire alle opere di John Dewey e Maria Montessori. È stato detto in modo eccellente nella Costituzione dell'UNESCO e ripetuto nella Dichiarazione del 2016 sul diritto alla pace adottata dall'Assemblea generale delle Nazioni Unite: “poiché le guerre iniziano nella mente degli esseri umani, è nella mente degli esseri umani che la difesa di pace deve essere costruito”.

L'impulso morale mondiale di educare alla pace era così potente che persino gli standard di educazione patriottica non sono stati in grado di impedire ad alcuni entusiasti educatori della pace nell'Unione Sovietica e nei paesi post-sovietici di insegnare alla prossima generazione che tutte le persone sono fratelli e sorelle e dovrebbero vivere in pace .

Senza apprendere le basi della nonviolenza, i popoli dell'Europa orientale probabilmente potrebbero versare molto più sangue durante la dissoluzione dell'impero comunista, i prossimi conflitti politici e socio-economici. Invece, Ucraina e Bielorussia hanno abbandonato le armi nucleari e la Russia ha distrutto 2 692 armi nucleari a raggio intermedio. Inoltre, tutti i paesi dell'Europa orientale tranne l'Azerbaigian hanno introdotto il servizio civile alternativo per alcuni obiettori di coscienza al servizio militare, che in pratica è difficilmente accessibile e di natura punitiva, ma è ancora un progresso rispetto al totale non riconoscimento sovietico dei diritti degli obiettori di coscienza.

Facciamo qualche progresso con l'educazione alla pace nell'Europa orientale, abbiamo il diritto di celebrare i successi e ci sono decine e centinaia di notizie nella nostra regione ogni anno sulle celebrazioni della Giornata internazionale della pace il 21 settembre nelle scuole e nelle università. Tuttavia, possiamo e dobbiamo fare di più.

Di solito, l'educazione alla pace non è esplicitamente inclusa nei curricula scolastici, ma i suoi elementi possono essere implementati in alcuni corsi di educazione formale, come le basi delle scienze sociali e umanistiche. Prendiamo, ad esempio, la storia del mondo: come insegnarla senza menzionare i movimenti per la pace nei secoli 19-20 e la missione delle Nazioni Unite per stabilire la pace sulla Terra? HG Wells ha scritto in "The Outline of History": "Un senso della storia come l'avventura comune di tutta l'umanità è necessario per la pace interiore come lo è per la pace tra le nazioni".

Caroline Brooks e Basma Hajir, autrici del rapporto 2020 “Educazione alla pace nelle scuole formali: perché è importante e come si può fare?”, spiegano che l'educazione alla pace cerca di fornire agli studenti la capacità di prevenire e risolvere i conflitti affrontando i loro cause profonde, senza ricorrere alla violenza, attraverso il dialogo e la negoziazione, e consentire ai giovani di diventare cittadini responsabili, aperti alle differenze e rispettosi delle altre culture. L'educazione alla pace comprende anche temi e questioni di cittadinanza globale, giustizia sociale e ambientale.

Nelle aule, nei campi estivi e in ogni altro spazio idoneo, discutendo di diritti umani o obiettivi di sviluppo sostenibile, formando la mediazione tra pari e altre competenze trasversali della vita sociale civile, educhiamo alla pace la prossima generazione di cittadini europei e le persone di Terra, pianeta madre di tutti gli umani. L'educazione alla pace dà più della speranza, anzi, dà una visione che i nostri figli e i figli dei nostri figli possono prevenire le paure e i dolori di oggi usando e sviluppando domani il meglio delle nostre conoscenze e pratiche di pace creativa e democratica per essere persone veramente felici.

Yurii Sheliazhenko è segretario esecutivo del Movimento pacifista ucraino, membro del consiglio di amministrazione dell'Ufficio europeo per l'obiezione di coscienza, membro del consiglio di amministrazione di World BEYOND War. Ha conseguito un Master in Mediazione e Gestione dei Conflitti nel 2021 e un Master in Giurisprudenza nel 2016 presso la KROK University, e un Bachelor of Mathematics nel 2004 presso la Taras Shevchenko National University di Kiev. Oltre alla partecipazione al movimento per la pace, è giornalista, blogger, difensore dei diritti umani e studioso di diritto, autore di decine di pubblicazioni accademiche e docente di teoria e storia del diritto.

Sii il primo a commentare

Partecipa alla discussione ...