Storie di costruzione della pace: collegare bambini e giovani a idee di costruzione della pace

Storie di pace – collegare bambini e giovani a idee per la costruzione della pace

di Ann Mason

Introduzione

Le storie di costruzione della pace sono storie, che costruiscono speranza e pace nei cuori e nelle menti, sono pensate per essere condivise soprattutto con i bambini. Le storie di costruzione della pace considerano molte questioni in relazione alla creazione della pace, ovvero la pace con noi stessi, la pace tra noi e la pace con l'ambiente (Mason, 2016). I temi della storia riflettono sulle disuguaglianze strutturali intrinseche che hanno perpetuato l'ingiustizia e la violenza e l'assenza di pace a livello personale, locale e globale. Piuttosto che concentrarsi sul perpetuare il cinismo, la paura o la disperazione, focalizzano intenzionalmente l'attenzione sulla costruzione della speranza e introducono processi non violenti e pacifici offrendo un mezzo semplice per la creazione di soluzioni fantasiose, non violente e collettive e introducono idee ai bambini che riflettono tutti gli aspetti della costruzione della pace, cioè costruzione della pace, mantenimento della pace, pratiche riparatrici, sostenibilità ambientale e, soprattutto, vita ed essere pacifici.

Una storia, Donald il Drake, è stato scritto in risposta all'incertezza sul futuro dei processi democratici negli Stati Uniti e al conseguente impatto sulla pace mondiale. Focalizza l'attenzione sull'esplorazione di come i cittadini possono tirare fuori il meglio dai loro leader eletti in modi pacifici e non violenti invece di permettere alla paura di dettare il pensiero e l'azione.

Una fusione e un equilibrio di molte voci diverse, quelle che hanno chiesto un cambiamento nel nostro modo di pensare alla pace e a come crearla, hanno anche richiesto per molti anni il miglioramento dei sistemi di leadership e governance in molti paesi in tutto il mondo. Le loro preoccupazioni espresse sulle forze globali e sul futuro del mondo hanno anche ispirato le persone ad agire in modi pacifici e non violenti per portare cambiamenti positivi. Allo stesso tempo, idee sullo sviluppo di a cultura della pace e educazione alla pace sono da tempo oggetto di dibattito internazionale. Molte di queste voci, le loro speranze espresse, sogni, preoccupazioni e conseguenti azioni positive, hanno fornito l'impulso per l'ideazione e lo sviluppo di molte storie di costruzione della pace che possono essere scaricate all'indirizzo www.brownmousepublishing.com.

L'intenzione è quindi quella di offrire un modo in cui adulti e bambini di tutti i giorni possano personalizzare la pace e costruire la propria pace. I potenti testi di Michael Jackson invitano tutti noi a...

…guarire il mondo e...crea un mondo migliore per te, per me e per l'intera razza umana.

Pace positiva

Le storie di costruzione della pace possono essere collegate alle idee che hanno guidato la ricerca di Johan Galtung, che negli anni Sessanta sviluppò i concetti di pace negativa (assenza di guerra) e pace positiva (assenza di violenza strutturale) (Harris & Morrison 2003, p52). Galtung (1996, 1997) ha anche sostenuto che violenza strutturale impedito agli individui di raggiungere il loro vero potenziale. violenza strutturale si è verificato quando la povertà, la discriminazione e l'oppressione, il sottosviluppo e l'analfabetismo hanno contribuito allo stato violento del mondo (Harris & Morrison 2003, p52). Le storie di costruzione della pace riflettono le intese di Galtung in relazione alla creazione di pace positiva nelle nostre case, comunità e in tutto il mondo.

Cura e compassione

Le storie di costruzione della pace riflettono anche sulle filosofie durature di Maria Montessori, che oltre ottant'anni fa sosteneva che le due capacità più essenziali per facilitare l'emergere di una cultura di pace, sono stati che e Spero. Le sue idee continuano ancora a permeare il pensiero e la pratica educativa. Montessori ha affermato che tutti i bambini possedevano tendenze innate verso compassione e che (Duckworth 2006, p85). Preoccupato per la crescita del fascismo, specialmente in Italia durante la seconda guerra mondiale, Montessori ha sottolineato l'importanza dell'educazione fornendo un processo per creare una pace sostenibile. Credeva che fosse controproducente lasciarlo ai politici. Seminare l'idea per lo sviluppo di una cultura di pace, si è concentrata su come vivere in pace piuttosto che sulla pace come assenza di guerra (Montessori 1949, p70). Capì anche che costruire comunità pacifiche implicava riformare la società. Le storie di costruzione della pace esplorano possibili modi di vivere e di essere pacifici iniziando con la scoperta pace con noi stessi.

Nella storia della costruzione della pace Donald il Drake, gli animali che vivono a Farmwell Farm vivono pacificamente insieme fino a quando Donald parla loro dei pericoli oltre il recinto che circonda la fattoria.

'Inerente alla parola pace è la nozione positiva di riforma sociale costruttiva.' – Montessori 1949, px

Concentrandosi sul nutrimento che e compassione le storie di costruzione della pace rispondono anche al lavoro di Nel Noddings, che ha proposto che cura umana e il ricordo della cura e di essere curato forniva la base di qualsiasi risposta etica, che lei sosteneva, era fondata sul femminile, nella ricettività, nella relazione e nella reattività, implicando un atteggiamento morale o un desiderio di bontà piuttosto che con qualsiasi ragionamento morale (Noddings 2003, p2). Annuisce credeva che la preoccupazione per l'altro dovrebbe essere la priorità e prevale su tutti i principi di ciò che è considerato morale o giusto (pagina 2004, p7). Noddings ha aggiunto che ogni bambino possedeva una speciale capacità di amore e tenerezza, anche di sentimento e reciprocità che si è sviluppata prima nel loro sviluppo rispetto al ragionamento (Noddings 2003, p120). Essendo intrinseche alle idee di costruzione della pace che guidano le trame della storia in corso e i finali alternativi, queste idee sono intrecciate con i pensieri e i comportamenti dei personaggi. In sostanza, le storie di costruzione della pace riconnettono deliberatamente i lettori, adulti o bambini, ai loro sé innocenti come bambini, incoraggiando l'apertura e la ricettività.

Donald il Drake deve accettare le conseguenze delle sue azioni, in particolare i disordini che crea a Farmwell Farm. La storia può seminare discussioni su che e compassione. Queste idee intrinseche alla creazione di felici, vinci finali, anche per Donald (Mason, 2016)!

Giustizia Sociale

Anche le storie di costruzione della pace si basano sul concetto di la giustizia sociale che iniziò ad emergere due secoli prima come risultato del pensiero di filosofi come Immanuel Kant (1724-1804). La sua teoria morale di la giustizia sociale era interessato all'azione giusta e sbagliata e al valore morale di un individuo (Calder 2005, p231). Kant credeva che un atto fosse sbagliato se violava il imperativo categorico o più semplicemente – fai agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te. Pertanto richiedeva agli individui di agire in modi che rispettassero l'uguale valore degli agenti morali da-

  • trattare le persone come fini piuttosto che come mezzi
  • considerare tutte le persone come agenti morali liberi, razionali e responsabili
  • comprendere che non importa quanto le persone differiscano come agenti morali, tutte hanno lo stesso valore (Goodman & Lesnick 2001, p65)

John Rawls, (1921-2002) il libertario, quasi duecento anni dopo, ampliò il pensiero utilitaristico di Bentham e Mill (doveri perfetti), il concetto di contratti sociali (Locke) e di Kant imperativo categorico, e ha sviluppato una teoria della moralità sostenibile la giustizia sociale che ha sottolineato i principi di giustizia come-

  • equità
  • dnon fa male (Kant)
  • beneficenza (Swift 2006, p10)

Questi pilastri ideologici fondamentali di giustizia sociale, incorporando i principi femministi di che e compassione, sono inerenti e sono considerate le idee più significative che guidano lo sviluppo di storie di costruzione della pace (Mason, 2016). Ma una volta che una storia è condivisa, i personaggi, i temi, le trame e i finali possono seminare discussioni in giro la giustizia sociale problemi soprattutto in relazione alla creazione pace l'uno con l'altro.

Donald il Drake sceglie di focalizzare l'attenzione di tutti gli animali della fattoria su ciò che è sbagliato piuttosto che su ciò che funziona bene in Farmwell Farm. Il panico e la paura che suscita creano solo angoscia, caos e relazioni tese. Quanto è giusto questo? Che male si sta facendo? Chi ne trarrà vantaggio? Sono tutte domande che possono sorgere dopo aver condiviso la storia con bambini e ragazzi.

Elementi essenziali nell'educazione alla pace

Secondo la ricercatrice per l'educazione alla pace, Betty Reardon (1999) educazione alla pace, il nucleo concettuale dell'edificio una cultura di pace, dovrebbe concentrarsi su diritti umani, democrazia e analisi critica dei processi politici, sociali, economici e ambientali globali alla base della coesione e della stabilità sociale. La riduzione, la prevenzione o l'eliminazione della guerra, sosteneva, era fondamentale. Costruire le condizioni per la pace e strategie che permettano di vivere in pace, ha aggiunto, erano i suoi principali obiettivi. Incastonato nella pietra angolare del suo lavoro è il concetto di diritti umani. La pace, quindi, si basa su un cambiamento nella coscienza umana. La cura per l'ambiente è stata giustamente collegata e inclusa con diritti umani e la giustizia sociale e considerato essenziale per la creazione di una cultura di pace. Le storie per la costruzione della pace cercano di supportare le idee di Reardon presentando storie che possono essere utilizzate per esplorare varie questioni locali, internazionali e ambientali e aiutare con lo sviluppo della coscienza della costruzione della pace. L'idea di Reardon era quella una cultura di pace potrebbe fornire la base fondamentale su cui costruire la pace rispetto alla consapevolezza ecologica, alla competenza culturale, all'azione globale, alla competenza nei conflitti e alla sensibilità di genere (Reardon 1999, pp30-31). Riflettendo le idee di Reardon, la trilogia di idee significative per la costruzione della pace, che forniscono l'impalcatura attorno alla quale vengono create le storie di costruzione della pace (Mason, 2016) cioè pace con noi stessi, pace gli uni con gli altri e pace con l'ambiente, può essere intrecciato e inteso come interdipendente.

Anche se la storia Donald il Drake si concentra principalmente sull'idea di costruzione della pace pace con gli altri, altre storie di costruzione della pace esplorano varie combinazioni di idee correlate e significative. Esaminando il concetto di diritti umani è quindi un'inclusione essenziale in ogni tema e trama di una storia di costruzione della pace, specialmente in relazione alla storia Donald il Drake.

Altre voci, come quella di Brigit Brock-Utne (2000), che affermavano che educazione ai diritti umani dovrebbe cercare di infondere un senso di dignità e responsabilità morale, può essere ascoltato anche durante la lettura di storie di costruzione della pace. Brock-Utne ha sostenuto che i principi essenziali di diritti umani dovrebbe non solo pervadere la pratica educativa, ma seminare l'interazione di idee, azioni e moralizzazione in relazione a come il futuro dovrebbe svolgersi nella costruzione di una società trasformata, più umana e pacifica. Ciò ha comportato il coinvolgimento degli studenti nel rispondere in modo compassionevole alla perdita di dignità di qualsiasi persona (Brock-Utne 2000, pp133&137) cioè nutrire un'etica della cura e compassione.

Donald il Drake presta poca attenzione ai diritti e ai bisogni degli altri animali né si preoccupa di come la loro vita sarà influenzata. Parla loro di paura, usandola come mezzo per unirli tutti, intrecciando queste parole con il suo desiderio di rendere Farmwell Farm di nuovo grande. Ma la fattoria è già rinomata in tutto il paese per essere eccezionale. Quindi, Donald mostra compassione per gli altri animali che vivono a Farmwell Farm? Le sue motivazioni sono egoistiche?

Aprire cuori e menti

Le storie di costruzione della pace riflettono anche la voce di Parker Palmer (2004), che ha influenzato il pensiero educativo e proposto processi che avrebbero reso possibile l'ascesa di nuovi individui che possedevano '…. un senso di sé più ampio di quello portato in esso – impariamo che il sé non è un pezzo di terreno da difendere, ma una capacità da ampliare' (p38). Azione nonviolenta or non fare del male implicava l'impegno ad agire sempre in modi che onorassero e riverissero l'anima (p170). Azione nonviolenta potrebbe non cambiare il mondo, ha aggiunto, ma credeva che gli individui fossero sempre cambiati quando mettevano in atto riverenza e rispetto per gli altri (p172). Palmer ha aggiunto che tutti potrebbero essere operatori di pace nelle loro famiglie e comunità, ma solo quando hanno trovato la pace dentro di sé (p174), che risulta essere la prima premessa su cui sono state create la maggior parte delle storie di costruzione della pace (Mason, 2016).

'L'anima dell'umanità è come un uccello con due ali; un'ala è saggezza, l'altra compassione. L'uccello volerà solo se entrambe le ali sono in perfetto equilibrio.' – Antico detto buddista

Le idee più significative di Palmer, quelle che hanno ulteriormente guidato la creazione di storie di costruzione della pace e l'impalcatura che le sostiene, riguardano la sua espansione del concetto di paradosso di Bohr (Palmer 1998, p63). Sosteneva che la giusta comprensione della verità da parte di una persona non era determinata dividendo il mondo in "aut aut", ma "abbracciando ogni cosa o pensando di nuovo al mondo insieme" (Palmer 1998, pp 63-64). Palmer ha definito questo processo come un collegamento di teste e cuori. Consapevole che le menti non erano in grado di sentire e i cuori non erano in grado di pensare, il processo associato ha quindi collegato il pensiero e il sentimento come se il cuore e la mente di un individuo operassero come uno (pp66 e 83). Ragionamento morale (testa) e un'etica della cura (cuore) opererebbe allora insieme bilanciando il ragionamento con che e compassione. Di conseguenza, le idee di Palmer hanno alimentato la creazione della guida alla storia che accompagna le storie di costruzione della pace- Aprire i cuori aprire le menti

Palmer (1998) credeva anche che all'interno di ogni persona esistesse un desiderio di connessione che ha reso necessario collegare le anime di ogni persona, tutto sulla Terra e le stelle lontane. Questo desiderio innato era essenzialmente un riflesso del desiderio di un individuo di comunità con gli altri e incorporava la consapevolezza che ogni essere umano era parte integrante della grande rete della vita. Dialogo che ha permesso di "ascoltare con entrambe le orecchie ed essere addestrati a dar voce a entrambi i lati di un problema" (come promosso anche da Rosenberg in non violenta risoluzione dei conflitti programmi, Rosenberg, 2005), contribuirebbe al recupero dell'umanità humanity connessione (Palmer 1998, pp58&62). Ha aggiunto che questa conoscenza ha fornito il ponte necessario tra il bisogno della comunità e l'azione privata.

Purtroppo, Donald il Drake ha un solo argomento all'ordine del giorno. Incapace di vedere oltre o apprezzare che potrebbe esserci un altro aspetto del problema, non ha nemmeno idea di come la diffusione della paura avrà un impatto negativo sulla vita degli altri animali che vivono a Farmwell Farm. Incurante delle possibili conseguenze negative delle sue azioni, Donald permette alla paura di dettare i suoi pensieri e le sue conversazioni. È il suo pensiero allora che porta agli sfortunati eventi che accadono? Quali sono i cambiamenti nel pensiero suo e degli altri animali che possono ribaltare la situazione?

'L'uomo non tesse questa rete di vita, è solo un filo in essa. Qualunque cosa faccia al web, la fa a se stesso. Tutte le cose sono legate insieme. Tutte le cose si connettono.' – (Capo Seattle)

Speranza per il futuro

L'intenzione dell'autore è quella di condividere storie di costruzione della pace con adulti o bambini nelle case, nelle classi, ovunque il tempo e lo spazio consentano una discussione libera e aperta sui temi e sui finali alternativi forniti (Mason, 2016). Paulo Friere credeva che qualsiasi dialogo che cercasse di esplorare processi costruttivi e pacifici non potesse essere condotto in un clima di disperazione (Freire 1990, p80). Frank Hutchinson (1996) ha sostenuto che in questo mondo in rapida evoluzione e completamente interdipendente, globalizzazione ha avuto un impatto in varia misura non solo sulla vita quotidiana dei nostri giovani e bambini, ma anche sulla loro coscienza, influenzando le loro speranze, paure, aspirazioni e sogni (p20). Educare alla pace, secondo Hutchinson, ha comportato la decostruzione delle immagini dominanti e ingiuste del futuro colonizzatrici che hanno incorporato "l'educazione oltre il fatalismo" agli studenti che imparano abilità nel pensiero laterale e "immaginazione sociale" all'interno di un quadro pedagogico di speranza (Hutchinson 1996 , p81; Hutchinson 2002, p1) cioè sviluppare capacità di immaginazione, inventiva sociale e lungimiranza (p3). Pertanto, si propone (Mason, 2016) che la discussione sulle storie di costruzione della pace con i bambini possa portare a pensieri e azioni pieni di speranza e creativi in ​​relazione alla risoluzione dei problemi attuali ma anche all'immaginazione di un futuro pacifico. Ciò si basa sull'obiettivo principale durante le discussioni di prendersi cura e creare risultati positivi e pacifici piuttosto che sull'esame di possibilità negative che potrebbero infondere un senso di impotenza e disperazione. Si tratta di domande guidate che portano a prestare maggiore attenzione alla creazione di soluzioni positive piuttosto che al problema.

Guerra e pace

L'impatto delle azioni del personaggio Donald il Drake può essere direttamente collegato alle seguenti idee. Kevin Clements (2005, p57) ha proposto che il conflitto con le politiche politiche occidentali perpetui la paura e la vendetta. Ha aggiunto che la glorificazione della guerra o la promulgazione dei valori patriottici confondono lo scopo di... educazione alla pace in relazione all'incoraggiamento di nuovi modi di pensare ai sistemi politici, alle politiche e allo sviluppo di una cultura di pace. Altre storie di pace presentate a presented www.brownmousepublishing.com evitare deliberatamente di incitare a commenti politici o religiosi faziosi. Eppure in relazione alla storia Donald il Drake, il suo tema, la trama e i finali alternativi possono seminare una discussione aperta sugli eventi politici attuali. A differenza della storia di George Orwell Fattoria di animali (1945), non ci sono maiali affamati di potere nella fattoria nella storia di Donald il Drake. Il potere trasformativo della speranza e la convinzione che la pace sia possibile, si spera, prevalgono sulla necessità di contemplare tali associazioni, soprattutto come felici, win-win finali sono considerati possibili in tutte le storie di costruzione della pace (Mason, 2016).

Il linguaggio della pace

Anita Wenden (2007) ha espresso le sue preoccupazioni in relazione all'assenza in educazione alla pace programmi di conoscenza linguistica e abilità linguistiche critiche che supportano risoluzione nonviolenta dei conflitti. Quadri critici di educazione linguistica, quelli che possono essere utilizzati per organizzare educazione alla pace, sono stati sviluppati e studiati da lei (p3) e possono influenzare e modellare l'azione sociale, che come ha affermato “facilita la nostra transizione verso una cultura di pace” (p11). I concetti alla base delle sue strutture riguardano la consegna del materiale del corso, le conoscenze e le abilità da insegnare e le specifiche capacità di pace che ne derivano (p3). Le idee di Wenden indicavano l'importanza delle strutture linguistiche che fornivano l'impalcatura per lo sviluppo del ragionamento morale e un'etica della cura come proposto dalle voci su cui è stato fatto il commento precedente. Le parole considerate e poi intrecciate per creare storie di costruzione della pace sono state scelte di proposito dall'autore, che si sta sforzando di rispondere in modo positivo e costruttivo e incorporare le idee di Wenden. Le storie sulla costruzione della pace introducono i lettori al linguaggio della costruzione della pace. Sono evitate tutte le parole o le associazioni che possono eventualmente riempire i cuori e le menti dei bambini di paura o infondere un senso di disperazione e impotenza (Mason, 2016). Ma ci sono questioni reali e pertinenti alle quali i temi della storia possono essere collegati.

'Sii il cambiamento che desideri vedere nel mondo.' – (Mahatma Gandhi)

Eredità durature di costruttori di pace

Sebbene queste molte voci importanti abbiano notevolmente influenzato lo sviluppo dell'idea di storie di costruzione della pace e di come possono essere utilizzate, le voci molto potenti di Mahatma Gandhi, Nelson Mandella, Il Dalai Lama e Martin Luther King Jr., tutte chiedono azione nonviolenta, permeano anche temi e trame della storia. Ma un eccezionale pacificatore, la dottoressa Jane Goodall, il Messaggero di Pace delle Nazioni Unite, ha particolarmente smosso la mente e il cuore dell'autore. Dr Jane, la personificazione di che e compassione, viaggia costantemente per il mondo ispirando bambini e giovani ma anche persone di ogni provenienza, che ascoltano i suoi messaggi di Spero e pace. La sua intenzione (come così giustamente espressa nella canzone di Michael Jackson Jackson Guarisci il mondo) è creare un mondo migliore e fare la differenza (MAD – la filosofia alla base del suo programma per i giovani intitolato Radici e germogli). Magicamente intreccia le sue storie, condividendo la sua vita e il suo lavoro, scegliendo con cura ogni parola e assicurandosi di interagire personalmente con tutti coloro che hanno la fortuna di incontrarla. Ispirare azioni positive e costruttive che connettono le persone con gli animali e il nostro ambiente condiviso La dottoressa Jane può parlare usando solo le parole giuste che assicurano che questa connessione si verifichi, ad esempio usando parole filtrate dal suo cuore gentile e amante della pace e dalla mente incredibile, aperta e curiosa .

'Ognuno di noi è importante, ha un ruolo da svolgere e fa la differenza. Ognuno di noi deve assumersi la responsabilità della propria vita e, soprattutto, mostrare rispetto e amore per gli esseri viventi che ci circondano, specialmente gli uni con gli altri.' – Dott.ssa Jane Goodall, 2015

Conclusione

Il racconto Donald il Drake offre tre finali alternativi per una possibile discussione. L'autore invita i lettori a esplorare e creare altri possibili finali. Ma si spera che, essendo guidati dalle idee per la costruzione della pace fornite, qualsiasi ulteriore conclusione possa riflettere una comprensione e un apprezzamento per le idee significative per la costruzione della pace che sono alla base di tutti i suoi scritti. All'inizio del 21° secolo l'idea di trasformazione educazione alla pace era promosso dalle Nazioni Unite. Pertanto, riflettendo una comprensione degli elementi essenziali coinvolti in educazione alla pace, storie di costruzione della pace possono seminare conversazioni di speranza tra adulti e bambini sulla costruzione di un futuro che sia socialmente giusto, pacifico e sostenibile dal punto di vista ambientale seminando il loro pensiero critico, creatività e "immaginazione sociale"...

....e contribuire a guarire il mondo e renderlo un posto migliore per te e per me.

Le storie di costruzione della pace sono offerte come strumenti che possono essere facilmente utilizzati all'interno di aule, case e centri e diventare parte di qualsiasi educazione alla pace programma che si sta intraprendendo. La storia Donald il Drake è solo una storia di costruzione della pace che promuove la possibilità di essere felici, vinci finali e pensiero aperto in relazione alla creazione di un mondo pacifico e giusto.

La storia suggerisce i modi in cui gli individui possono affrontare le proprie paure. L'azione nonviolenta è un modo costruttivo per qualsiasi persona, che si sente arrabbiata o ha paura, di rispondere. Riconoscendo questi sentimenti e non agendo su di loro per causare danni, scelgono piuttosto di agire in modi utili e di pacificazione che trasformano i loro sentimenti in un potere che è benefico per se stessi e gli altri. L'autore invita tutti a pensare a modi di costruzione della pace per aiutare se stessi, i loro quartieri e le comunità, quelli che ci impediscono di vederci come un'unica umanità unita.

Infine, dopo aver letto la storia, si potrebbe riflettere su cosa realmente attende Donald, i suoi compagni di fattoria e il mondo al di là di Farmwell Farm. In che modo le storie di costruzione della pace possono davvero aiutare a creare un mondo migliore?

'La pace è un processo quotidiano, settimanale, mensile, che cambia gradualmente le opinioni, erodendo lentamente le vecchie barriere, costruendo silenziosamente nuove strutture. E per quanto poco drammatica sia la ricerca della pace, la ricerca deve continuare». – John F. Kennedy

"Al di là delle idee di cosa giusta e cosa sbagliata c'è un campo: ci vediamo lì." – Rumi, 13th Mistico e poeta del secolo

'La democrazia si piega quando cediamo alla paura…..Siamo vigili e non abbiamo paura.'' – Barack Obama nel suo discorso sull'eredità, 11 gennaio 2017

Il racconto Donald il Drake e la guida alla storia della costruzione della pace Aprire i cuori aprire le menti entrambi possono essere scaricati gratuitamente su www.brownmousepublishing.com

Referenze

Brock-Utne, B. (2000a) Educazione alla pace in un'era di globalizzazione. Revisione della pace; Vol.12, No.1, marzo 2000: pp131-138.

Brock-Utne, B. (2000b) Un'analisi degli studi sulla pace e sullo sviluppo e dell'educazione alla pace da una prospettiva femminista. Documento presentato in una sessione congiunta tra la Commissione per l'educazione alla pace e la Commissione per le donne e la pace alla 18a Conferenza generale IPRA. Tampere, Finlandia; 5-9 agosto 2000.

Calder, T. (2005) Kant e i gradi di torto. Il giornale di inchiesta di valore; 2005; 39: pp229-244.

Clements, KP (2005) Educazione alla pace: dopo l'9 settembre, Bali, Madrid, Beslan e Jakata. Nuovi orizzonti nell'istruzione; Vol.112, giugno 2005: pp56-68.

Duckworth, C. (2006) Insegnare la Pace: un dialogo sul Metodo Montessori. Giornale di Educazione alla Pace; Vol.3, No.1, marzo 2006: pp39-53

Freire, P. (1990) Pedagogia degli oppressi. New York, USA: The Continuum Publishing Co.

Galtung, J. (1995) Nonviolenza e cultura profonda: alcuni ostacoli nascosti. ricerca sulla pace; Winnipeg: Vol.27, Iss.3, agosto 1995: pp21-32.

Goodall, J. (2014) Semi di speranza: saggezza e meraviglia dal mondo delle piante. New York USA Little, Brown & Company

Goodman, JF e Lesnick, H. (2001) La posta in gioco morale nell'istruzione: premesse e pratiche contestate. Addison Wesley Longman, Inc: New York, Stati Uniti.

Harris, I. & Morrison, ML (2003) Educazione alla pace (2a ed.). North Carolina, USA: McFarland & Co. Inc.

Hutchinson, F. (1996) Educare oltre i futuri violenti. Londra, Inghilterra: Routledge.

Hutchinson, F. (2002) Pedagogie della speranza: educazione alla pace per la trasformazione della cultura della violenza e della guerra. ricerca per la pace- Winnipeg; novembre 2002; vol. 34, Iss. 2.

Jackson, M. (1991) Guarisci il mondo – testi Sony/ATV Music Publishing LLC, Warner/Chappell Music, Inc. Scaricato il 14/1/2017 http://www.bing.com/search?q=heal+the+world+lyrics&qs=AS&pq=heal+the+ mondo&sk=AS1&sc=8-14&cvid=8276F462F7F449D8821414FDA5FA1D62&FORM=QBRE&sp=3

Muratore, A (2017) Aprire i cuori aprire le menti. Pubblicazione del topo marrone. Adelaide South Australia

Montessori, M. tradotto da Lane, H. (1949) (1979) Educazione e Pace. Chicago, USA: Henry Regnery Company.

Cenni, N. (2003) Prendersi cura: un approccio femminile all'etica e all'educazione morale (2a ed.). Berkeley e Los Angelos, California, USA: University of California Press

Orwell, G. (1945) Fattoria di animali. Londra Inghilterra Penguin Books Ltd

Pagina, J. (2008) Educazione alla pace: esplorare i fondamenti etici e filosofici. Charlotte, North Carolina, USA: Pubblicazione dell'era dell'informazione.

Palmer, P. (1998) Il coraggio di Insegnare: esplorare i paesaggi interiori della vita di un insegnante. Jossey-Bass: San Francisco, USA.

Palmer, PJ (2004) un nascosto Interezza: il viaggio verso una vita indivisa. Jossey- Basso: San Francisco, USA.

Reardon, BA (1999) Educazione alla pace: una revisione e una proiezione. Rapporti sull'educazione alla pace n. 17. Malmo, Svezia: Dipartimento di Educazione e Ricerca Psicologica Scuola di Educazione.

Rosenberg, MB (2005) Parla di pace in un mondo di conflitti. Puddle Dancer Press: Encinitas, California USA.

Swift, A. (2006) Filosofia politica (2nd ed.). Stampa politica: Cambridge USA.

Wendon, A. (2007) Educare per una società civile criticamente alfabetizzata: incorporare la prospettiva linguistica nell'educazione alla pace. Giornale di Educazione alla Pace; Vol.4, No.2, settembre 2007: pp1-16.

 

Sii il primo a commentare

Partecipa alla discussione ...