(Nuova pubblicazione) Giornalismo nonviolento: un approccio umanista alla comunicazione

(Ripubblicato da: Pressenza - International Press Agency)

Dodici anni di successi e fallimenti, di sperimentazioni, alleanze, apprendimento attraverso il dialogo e il know-how di comunicatori, attivisti e amici del mondo accademico che ci hanno dato lo slancio per mettere nero su bianco i fondamenti e i principi, gli strumenti e suggerimenti che possano delineare un approccio nonviolento alla comunicazione e al giornalismo al servizio di chi può trovarlo utile.

Questo libro si propone di riflettere i primi dodici anni di impegno collettivo di un'organizzazione no-profit gestita da volontari provenienti dai campi del giornalismo e della comunicazione: Pressenza, un'agenzia di stampa internazionale con un approccio nonviolento. È sulla base di questo approccio e del processo di sviluppo dell'agenzia che siamo in grado di presentarvi queste pagine. Dodici anni di successi e fallimenti, di sperimentazioni, alleanze e apprendimenti attraverso il dialogo e il saper fare di comunicatori, attivisti e amici del mondo accademico che ci hanno dato lo slancio per mettere su carta i fondamenti e i principi, gli strumenti e suggestioni che possano plasmare un approccio nonviolento alla comunicazione e al giornalismo al servizio di chi può trovarlo utile. Il team che ha lavorato a questa produzione è stato con l'agenzia sin dal suo inizio. Abbiamo vissuto e respirato questo progetto, e questo porta senza dubbio vantaggi e svantaggi a questo testo, motivo per cui è bene che il lettore ne sia consapevole.

Come vedrete, questa produzione è a metà tra un libro e un manuale. Il motivo è semplice: abbiamo voluto esporre gli elementi alla base dell'approccio e fornire anche alcuni suggerimenti che ci hanno aiutato a metterlo in pratica e a identificarlo negli altri media affini. Troverete quindi esempi presi non solo da Pressenza ma anche da altri media. Non siamo e non aspiriamo ad essere i “proprietari” dei contenuti: abbiamo imparato da molte persone e in molti ambienti. Il nostro compito è integrare questi apprendimenti nel miglior modo possibile.

A chi pensavamo quando abbiamo scritto queste pagine? Soprattutto negli istituti scolastici dove si qualificano le nuove generazioni di comunicatori e giornalisti. Ci piacerebbe che questo libro fosse utile nelle aule universitarie, sia per i docenti che per gli studenti. Ma pensiamo anche ai professionisti del settore e agli attivisti di collettivi, movimenti e organizzazioni sociali le cui agende – caratterizzate anche dalla nonviolenza – possono trovare in questo approccio strumenti di diffusione.

Questa è la prima edizione. Ci riserviamo il diritto di migliorarla e, si spera, tra poco di pubblicare una seconda, una terza edizione, ecc. È quindi una pubblicazione viva.

A proposito del libro

Al momento in cui scrivo, il libro è stato pubblicato in 3 diverse edizioni in lingua spagnola in Cile, Ecuador e Colombia e anche in Italiano.

Lingua: ‎inglese
Brossura: ‎198 pagine
ISBN-13: 979-8218182892

Circa gli autori

Pia Figueroa Edwards (Cile)

Cilena, è laureata in Storia dell'Arte ed è esperta di ecologia. Dal 2008 ad oggi è stata condirettore di Pressenza, agenzia di stampa internazionale. Scrive regolarmente, è produttrice esecutiva di documentari televisivi e ha prodotto diverse monografie di ricerca. Ha pubblicato tre libri, che fanno parte della corrente di pensiero conosciuta come Umanesimo Universalista.

Nelsy Lizarazo Castro (Ecuador/Colombia)

di nazionalità colombiana ed ecuadoriana, ha una laurea post-laurea in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali e una laurea in Filosofia e Letteratura. Come comunicatrice ed educatrice, ha lavorato per dodici anni, in due periodi diversi, nell'ALER, Associazione Latinoamericana di Educazione Popolare e Comunicazione. È docente universitaria e fondatrice di Pressenza, nonché redattrice della redazione ecuadoriana e, da cinque anni, coproduttrice del programma radiofonico Cuatro Elementos [Quattro Elementi], che si concentra sull'analisi degli eventi internazionali.

Juana Pérez Montero (Spagna)

ha una laurea in giornalismo presso la Facoltà di Scienze dell'Informazione dell'Università Complutense di Madrid. Ha lavorato nella stampa scritta e in radio. Ha sviluppato la sua attività giornalistica collaborando con diversi gruppi, movimenti sociali ed espressioni spirituali. Il suo impegno per la creazione collettiva l'ha portata a partecipare alla produzione di documentari, libri e monografie, nonché alla costruzione di reti di attivisti che sostengono un reddito di base universale incondizionato, il disarmo nucleare, il dialogo e la riconciliazione tra individui e popoli.

Tony Robinson (Regno Unito)

Come attivista di Mondo senza guerre e senza violenza, ha preso parte alla prima Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza, che si batteva per l'eliminazione degli arsenali nucleari e di tutte le forme di violenza. Da allora Tony è stato prima scrittore, poi redattore e infine condirettore di Pressenza, agenzia di stampa internazionale. Nel 2019 ha prodotto il pluripremiato film documentario, L'inizio della fine delle armi nucleari, con il regista Álvaro Orús.

Javier Tolcachier (Argentina)

è ricercatore presso il Centro Mondiale per gli Studi Umanisti. È editorialista e membro del team fondatore di Pressenza, Agenzia di Stampa Internazionale. Le sue opere includono i libri Ricordi del futuroLa caduta del drago e dell'aquilaUmanizzare la storia ed tendenze, così come documenti, articoli, studi e monografie che tentano di applicare uno sguardo umanista a diversi campi dell'attività umana. È impegnato nel Movimento Umanista da quattro decenni e vive a Córdoba, in Argentina, la sua città natale.

Unisciti alla campagna e aiutaci a #SpreadPeaceEd!
Vi prego di inviarmi e-mail:

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Scorrere fino a Top