Il problema della rispettabile Giornata internazionale della donna: un appello a buoni guai (Giornata internazionale della donna 2021)

La pandemia ha messo a nudo le disuguaglianze strutturali e i sistemi sociali e politici disfunzionali creati per servire l'accumulo infinito di ricchezza di pochi (uomini) potenti, lasciando miliardi di persone in condizioni di povertà e disperazione.

L'idea di progresso ha cullato la conversazione in un'idea che dobbiamo solo accelerare: ora è chiaro che per arrivare all'uguaglianza dobbiamo cambiare rotta.

Questo articolo, scritto in collaborazione con una femminista africana, ci avverte della cooptazione del movimento delle donne che consente alle strutture di potere di resistere al cambiamento sostanziale e sistemico necessario per raggiungere l'uguaglianza umana.

Introduzione dei redattori: celebrare la Giornata internazionale della donna parlando della verità al potere

Questo saggio riprende alcuni dei temi precedentemente affrontati nel nostro Serie Connessioni Corona, in quanto individua inequivocabilmente punti significativi di resistenza alla giustizia di genere a cui è stato dato nuovo vigore dalla pandemia. Ogni punto di resistenza nominato è un punto di ingresso nella rivelazione delle strutture che mantengono lo squilibrio di potere che caratterizza il patriarcato globale, radicando la gerarchia di genere, razza e classe economica che ha un impatto maggiore sulle donne di colore.

Gli educatori alla pace potrebbero illuminare queste strutture attraverso un'indagine riflessiva su ogni caso di disuguaglianza che dimostri l'ingiustizia fondamentale dell'ordine di potere globale. Tale indagine potrebbe essere completata dallo studio di azioni politiche femministe come gli sforzi di pace delle donne africane (tra quelli delle donne in altre regioni). Questa indagine potrebbe essere basata sui recenti profili video di donne peacebuilder condivisi dalla Global Network of Women Peacebuilders (GNWP) nella loro campagna #10DaysofFemministGiving. Le indagini potrebbero anche essere sviluppate utilizzando i ricchi dati contenuti nei GNWP COVID-19 e Database delle donne, della pace e della sicurezza. Per un caso di studio nazionale, l'effettiva politica elettorale delle donne nere americane costituirebbe un'indagine produttiva.

Le domande di fondo in tutto sono: quali sono le strutture che devono essere cambiate per raggiungere l'uguaglianza e la sicurezza umana? Quali sono le alternative più promettenti attualmente proposte? Quali altri cambiamenti essenziali potrebbero essere previsti? Quali attuali movimenti per la pace e l'uguaglianza offrono possibilità per educare e persuadere la cittadinanza più ampia alla necessità di cambiamento? Quali potrebbero essere azioni efficaci a breve termine e strategie costruttive a lungo termine verso il raggiungimento di un'uguaglianza umana autentica e sostenibile?

Giornata internazionale della donna, 2021
Il problema della Giornata internazionale della donna rispettabile: un appello per il bene

Di Mwanahamisi Singano e Ben Phillips

(Ripubblicato da: Servizio stampa dell'Inter. 3 marzo 2021)

NAIROBI / ROMA, 3 marzo 2021 (IPS) – Il pericolo maggiore per l'efficacia della Giornata internazionale della donna è che sia diventata rispettabile. È tempo che sia di nuovo un giorno di guai.

È diventata una sorta di tradizione per i commentatori rispettabili della Giornata internazionale della donna ripetere tre punti di discussione dell'establishment: primo, che il mondo sta facendo progressi ma non abbastanza velocemente; secondo, un insieme di confronti tra gli uomini come unico gruppo (guadagnare di più, rappresentare di più, accedere di più) con le donne come unico gruppo (guadagnare di meno, rappresentare di meno, accedere di meno); e terzo, un appello a chi è al potere per rimediare.

Questa festa della donna dobbiamo distruggere tutte e tre queste tradizioni.

Dobbiamo smetterla di dire che il mondo sta facendo continui progressi sull'uguaglianza di genere. La crisi del COVID-19 sta vedendo i diritti delle donne andare in controtendenza.

I posti di lavoro delle donne si stanno perdendo a un ritmo molto più veloce di quello degli uomini; le donne si stanno assumendo la maggior parte dell'onere crescente dell'assistenza non retribuita per bambini e anziani; le ragazze sono state sottratte alla scuola più dei ragazzi; la violenza domestica è aumentata, ed è più difficile per le donne scappare.

E il fatto che non appena è scoppiata la crisi le donne sono state respinte così lontano mostra quanto insicuri e inconsistenti fossero i "bei tempi" - se ti è permesso continuare a tenere un ombrello solo fino a quando piove, allora non possiedi davvero quell'ombrello.

La pandemia ha messo a nudo le disuguaglianze strutturali e i sistemi sociali e politici disfunzionali creati per servire l'accumulo infinito di ricchezza di pochi (uomini) potenti, lasciando miliardi di persone in condizioni di povertà e disperazione.

L'idea di progresso ha cullato la conversazione in un'idea che dobbiamo solo accelerare: ora è chiaro che per arrivare all'uguaglianza dobbiamo cambiare rotta.

Dobbiamo andare oltre i confronti tra ciò che gli uomini e ciò che hanno le donne e parlare chiaramente delle disuguaglianze intersecanti di razza, nazionalità e classe che compongono l'esperienza delle donne.

Per fare un esempio, nel dicembre dello scorso anno i dati statunitensi mostravano 140,000 posti di lavoro persi. Poi è stato rivelato che tutte queste perdite di posti di lavoro erano donne (gli uomini avevano infatti guadagnato 16,000 posti di lavoro e le donne avevano perso 156,000).

Quindi, la storia era che le donne come gruppo stavano perdendo contro gli uomini come gruppo. Ma poi è stato rivelato che tutte queste perdite di posti di lavoro tra le donne potrebbero essere spiegate dai posti di lavoro persi dalle donne di colore - le donne bianche hanno guadagnato posti di lavoro netti!

Come ha notato James Baldwin, non tutto ciò che viene affrontato può essere cambiato, ma nulla può essere cambiato finché non viene affrontato.

Per fare un altro esempio, ogni anno si riunisce a New York (15-26 marzo 2021) l'incontro annuale delle Nazioni Unite sui diritti delle donne, la Commissione sulla condizione delle donne, e ogni anno c'è una rappresentanza enormemente sproporzionata di donne del Nord del mondo. e da donne che rappresentano le organizzazioni globali guidate dal Nord.

Ciò è aggravato dal fatto che, poiché l'incontro è a New York, l'onere dei costi di viaggio è molto più elevato per le donne del Sud del mondo e il governo degli Stati Uniti deve approvare chi può venire e rifiuta o non approva in tempo i visti per le donne del Sud del mondo in numero molto più alto rispetto alle donne del Nord del mondo.

E i visti per le donne dei paesi in via di sviluppo che il governo degli Stati Uniti approva meno spesso per il CSW e altri raduni di New York? Quelle di donne povere, donne delle campagne, donne che vivono negli slum, donne migranti, donne con malattie croniche, donne che sono state in conflitto con la legge, lavoratrici del sesso: più sono escluse socialmente, più è probabile che tu sia letteralmente escluso.

Al CSW dello scorso anno, la crisi di Covid ha visto questo raggiungere un picco, con solo rappresentanti con sede a New York permesso di partecipare. Al CSW di quest'anno, è diventato tutto virtuale – fantastico in teoria, ma rimane fisso solo su un fuso orario di New York, costringendo i partecipanti in Asia a partecipare durante la loro notte o a rinunciare.

L'anno prossimo è probabile che torni ad essere attivo e gli Stati Uniti potrebbero richiedere passaporti per i vaccini, cosa che 9 persone su 10 nel Sud del mondo non avranno perché gli Stati Uniti e altri paesi del Nord del mondo stanno impedendo alle aziende del Sud di produrre versioni generiche dei vaccini.

Ancora una volta, le donne del Sud del mondo saranno escluse dall'incontro sull'esclusione, non avranno uguaglianza nell'incontro su come vincere l'uguaglianza.

L'uguaglianza per le donne sarà realizzata solo quando tutte le forme di esclusione che trattengono le donne saranno messe in discussione. Quando diversi paesi africani hanno introdotto il coprifuoco notturno durante il COVID-19, hanno concesso esenzioni per le ambulanze private ma non hanno concesso indennità per coloro che utilizzano il trasporto privato informale verso l'ospedale - così la maggior parte delle donne incinte, che non possono permettersi ambulanze private, arrivarci.

Allo stesso modo, le donne che subiscono violenza domestica potrebbero uscire di casa di notte se vanno con la polizia, ma se non hanno il capitale sociale per poter farsi accompagnare dalla polizia (in altre parole, chiunque non sia agiato), e hanno cercato di farsi strada verso un rifugio, si sono ritrovati fermati dalle forze dell'ordine per essere fuori, illegalmente – infatti, molte donne hanno detto a Femnet di sfuggire alle percosse del marito per poi incontrare le percosse dei poliziotti.

Queste non erano sfide ben previste o pianificate da uomini e donne benestanti che dominano il processo decisionale.

Non basta che gli uomini al potere siano persuasi ad aprire una porta stretta nella fortezza del patriarcato, attraverso la quale un piccolo gruppo di donne più influenti o rispettabili può infilarsi per unirsi a loro.

Affinché tutte le donne nella loro diversità possano accedere a posti di lavoro dignitosi, pari diritti e pari potere, i muri devono essere abbattuti. Niente di tutto questo sarà dato, sarà solo vinto.

Come ha affermato Audre Lorde, il nostro compito è “fare causa comune con quegli altri identificati come al di fuori delle strutture per definire e cercare un mondo in cui tutti possiamo prosperare. È imparare a prendere le nostre differenze e farne dei punti di forza. Perché gli strumenti del padrone non smonteranno mai la casa del padrone». La rispettabilità non funziona. L'uguaglianza richiede buoni problemi.

Mwanahamisi Singano è responsabile dei programmi presso la rete femminista africana FEMNET; Ben Phillips* è l'autore di How to Combatti la disuguaglianza.

Sii il primo a commentare

Partecipa alla discussione ...