I gruppi religiosi invocano l'etica secolare per chiedere un'azione civica contro la violenza indotta dall'odio

Foto di Colin Lloyd on Unsplash

"Che ci alziamo tutti..."

Introduzione

È stato incoraggiante vedere le dichiarazioni di due grandi gruppi religiosi (pubblicate sotto) in risposta al massacro di Buffalo che ha causato la morte di dieci persone e il grave ferimento di altri tre, tutti afroamericani tranne uno, in un odio razzista deliberatamente ed elaborato. crimine. Lasciano agli altri la risposta religiosa di "pensieri e preghiere", poiché essi come cittadini esprimono richiami all'azione etici, civicamente imperativi e molto pratici, che rispettano pienamente il principio della "separazione tra Chiesa e Stato" e quindi di rilevanza sia per l'educazione alla pace basata sulla fede che per quella secolare.

Il Centro Interreligioso di New York e Piega l'arco, un'organizzazione ebraica per la pace, in dichiarazioni complementari a vicenda, fa punti di fondamentale interesse per tutti i cittadini e, quindi, per l'educazione alla pace come mezzo per imparare a impegnarsi in azioni di responsabilità civica. L'Interfaith Center di New York sostiene l'azione politica e sociale imparziale che ogni cittadino può intraprendere per rispondere a due dimensioni significative del crimine sconvolgente - alleviare la conseguente sofferenza umana ed eliminare gli elementi dei fattori causali - finanziando assistenza materiale per la comunità vittimizzata e lavorando per approvare una legislazione per vietare un tipo di arma così spesso usata per perpetrare questi massacri di persone sempre più frequenti basati sull'odio, presi di mira come membri di un gruppo razziale o religioso che i perpetratori sono stati indottrinati a temere come minacce ai loro stessi identità e benessere. Alcuni autori e i loro sostenitori dichiarano di rifiutarsi di essere "sostituiti" da coloro che non sono degni di uguaglianza.

Tutti questi fattori sollevano questioni che dovrebbero essere affrontate dall'educazione alla pace, in questo caso particolare di Buffalo, negli Stati Uniti, e nei casi di così tanti atti simili di "violenza dell'identità" in molti paesi del mondo in cui si sono verificati anche tali massacri . Esortiamo gli educatori alla pace a invitare gli studenti a leggere diversi resoconti del massacro del supermercato Buffalo e, nella discussione generale, a rivedere tutti i fatti del caso forniti dai vari resoconti. Con i fatti dell'evento come base, il gruppo di apprendimento dovrebbe quindi leggere e riflettere sui post del Centro interreligioso e di Bend the Arc, seguiti da un'indagine di gruppo che affronta le domande proposte di seguito.

Piega l'arco invita i suoi lettori a farlo "... insorgere contro le pericolose ideologie nazionaliste bianche che hanno ispirato questo violento attacco",

  • Perché è quello? ideologie si usa al plurale? Tra noi possiamo identificare diverse modalità di pensiero o strutture che definiremmo nazionaliste bianche?
  • Cosa ne pensi dell'affermazione usando la parola, fonte di ispirazione piuttosto che la parola, ha causato in riferimento a cosa ha portato all'attacco? Quale rilevanza potrebbe avere la parola scelta con la responsabilità? Che rilevanza ha l'intenzionalità dell'autore, come si evince dalla pianificazione dettagliata della strage, con la sua responsabilità individuale? Puoi descrivere una rete o una catena di responsabilità per questo e altri omicidi di massa? Quale potrebbe essere la posizione dei leader eletti e del pubblico in generale nella tua rete o catena? Cosa si potrebbe chiedere a ciascuno ora per eliminare questi crimini d'odio? Perché rispondere potrebbe richiedere "coraggio morale e forza politica?" Cosa potremmo aver bisogno di imparare per sviluppare quel coraggio e quella forza?

Il Centro Interreligioso di New York sostiene direttamente la legislazione statale per vietare i fucili d'assalto come proposto dal Governatore.

  • In che modo questa legislazione potrebbe mitigare la violenza di odio di massa? Credi che il divieto sia sufficiente per ridurre significativamente la violenza armata? Quale normativa aggiuntiva potrebbe essere necessaria?
  • Cosa potrebbe essere necessario per eliminare la diffusa proprietà personale di armi che è di proporzioni epidemiche negli Stati Uniti? Quali altre forme di violenza e di tragedie accidentali si verificano in conseguenza di tanti fucili in così tante mani? Sono queste le circostanze con cui la società ha bisogno di "convivere?" Se ritieni che la situazione debba/potrebbe essere cambiata, quale ruolo potrebbe svolgere l'educazione alla pace nel raggiungimento del cambiamento?

BAR, 5/18/22

Bend the Arc: Jewish Action – Newsletter del 17 maggio 2022

Soggetto: Buffalo, NY

(Guarda anche: Bend the Arc dichiarazione sul massacro dei suprematisti bianchi di dieci neri a Buffalo, New York)

Possano i ricordi di tutti e dieci i neri americani assassinati a Buffalo questo fine settimana essere una benedizione. E possiamo tutti insorgere contro le pericolose ideologie nazionaliste bianche che hanno ispirato questo violento attacco.

Questo fine settimana, ci è stata ricordata una vecchia e duratura verità: la supremazia bianca è la più grande minaccia al sogno di un'America democratica in cui ogni singola persona può essere al sicuro e prosperare.

Sia che stiamo varcando le porte dei supermercati, dei centri commerciali, delle sinagoghe, delle moschee o delle chiese della nostra comunità, ognuno di noi merita di essere al sicuro.

Sabato, un nazionalista bianco si è recato in macchina a Buffalo, New York, con l'intenzione di uccidere i neri, ucciderne dieci e ferendone altri. Ancora una volta, i nostri cuori sono dilaniati e siamo pieni di rabbia all'indomani di un atto di terrore suprematista bianco.

Preghiamo per la guarigione dei feriti e piangiamo le vittime: Celestine Chaney, 65 anni; Roberta Drury, 32 anni; Andre Mackniel, 53; Katherine Massey, 72 anni; Margus D. Morrison, 52; Heyward Patterson, 67 anni; Aaron W. Salter, 55; Geraldine Talley, 62 anni; Ruth Whitfield, 86 anni; e Pearly Young, 77.

Possano i loro ricordi essere una benedizione e possa la loro eredità essere azione. La nostra comunità ebraica multirazziale estende il nostro amore, solidarietà e sostegno alla comunità nera di Buffalo ea tutti coloro che stanno soffrendo.

Questo attacco non è stato casuale. Il presunto tiratore ha guidato diverse ore per prendere di mira questo quartiere - scegliendo un supermercato per cui i residenti di Black Buffalo hanno fatto pressioni per anni - con l'intenzione di uccidere il maggior numero possibile di neri.1

Il manifesto dell'assassino cita la pericolosa menzogna del "grande sostituto", una teoria del complotto razzista e antisemita secondo la quale gli ebrei sono dietro gli sforzi per sostituire i bianchi americani, spesso attraverso l'immigrazione o le elezioni. Questa stessa bugia è risuonata negli spari contro gli ebrei a Pittsburgh nel 2018 e gli immigrati a El Paso nel 2019.2,3

Questa non è una coincidenza. L'idea di "sostituzione" è vecchia, ora adattata per diffondere il panico bianco in un periodo di cambiamento demografico negli Stati Uniti.

Negli ultimi anni, questa bugia è passata dai margini del movimento nazionalista bianco alla corrente principale della retorica politica di destra. Un numero crescente di politici ed esperti di destra – da Tucker Carlson di Fox News alla rappresentante Elise Stefanik, la terza repubblicana di grado più alto alla Camera – stanno diffondendo questa bugia a un pubblico di milioni di persone.4,5

Ora, un sondaggio pubblicato la scorsa settimana mostra che quasi la metà degli elettori repubblicani concorda almeno in una certa misura con la "teoria della sostituzione", la stessa idea che ha ispirato il massacro di Buffalo.6

Questa è una strategia. Di fronte a un crescente movimento per la democrazia multirazziale, la liberazione dei neri e la libertà per tutti, questi politici ed esperti stanno alimentando cinicamente le lamentele dei bianchi per creare divisione e paura al fine di far crescere il loro potere, indipendentemente da chi viene ferito. Mirano a impedire a persone di tutte le razze e classi di lavorare su linee di differenza per vincere le cose di cui tutti abbiamo bisogno per prosperare.

Dobbiamo rispondere a questo momento con il pieno coraggio morale e la forza politica che richiede. Sconfiggere questa minaccia concertata alla sicurezza delle nostre comunità e alla democrazia del nostro paese deve essere la priorità numero uno delle nostre istituzioni ebraiche.

Insieme, costruiremo un paese in cui tutti possano vivere con libertà, sicurezza e appartenenza, indipendentemente dalla nostra razza, da come preghiamo o da dove veniamo.

In solidarietà,
Il team di Bend the Arc

PS Negli ultimi anni, Bend the Arc ha seguito questa teoria del complotto e ha lavorato per ritenere responsabili i politici e gli esperti che la diffondono. Abbiamo pubblicato un thread su Twitter con più fatti e video di cui hai bisogno per capire cosa sta succedendo ora. Si prega di leggere e condividere se siete interessati.

fonti

1. Il New York Times, Un uomo armato ha preso di mira il quartiere nero plasmato da decenni di segregazione
2. NPR, Cos'è il "Grande rimpiazzo" e come è legato al sospetto di sparatoria di Buffalo?
3. Il New York Times, In che modo gli scritti razzisti di Buffalo Suspect rivelano collegamenti ad altri attacchi
4. Madre Jones, Il manifesto del tiratore di Buffalo si basava sulla stessa cospirazione suprematista bianca promossa da Tucker Carlson
5. Il Washington Post, La rappresentante Elise Stefanik ha fatto eco alla teoria razzista presumibilmente sposata dal sospetto di Buffalo
6. Il Washington Post, Quasi la metà dei repubblicani è d'accordo con la "teoria della grande sostituzione"


Dichiarazione e risorse: il terrorismo interno contro i neri a Buffalo

Il Centro Interreligioso di New York

(vedere la dichiarazione originale qui)

L'Interfaith Center di New York porge le nostre più sentite condoglianze alle famiglie dei 10 residenti di Buffalo che hanno perso la vita a causa del terrorismo interno e dell'odio contro i neri lo scorso fine settimana. Le nostre preghiere sono anche per le tre persone ferite, per coloro che hanno assistito al massacro e per la comunità più ampia per la quale le sfide del razzismo strutturale erano già sostanziali prima che un suprematista bianco violento e radicalizzato aprisse il fuoco nel loro supermercato locale.

Questa sparatoria di massa si trova in una lunga serie di altre: 2012 all'Oak Creek gurdwara, 2015 a Mother Emmanuel, 2018 alla sinagoga dell'albero della vita, 2019 a El Paso Walmart, 2019 alle moschee di Christchurch, 2021 al piccolo di proprietà asiatica aziende ad Atlanta e troppi altri. In quanto grande omicidio anti-nero, tuttavia, questa sparatoria occupa un posto nella storia unica della violenza razzista negli Stati Uniti, che risale alla schiavitù, alla separazione familiare, al linciaggio e a Jim Crow.

In qualità di Vescovo Presiedente della Chiesa Episcopale e originario di Buffalo, Mons. Michael Curry afferma: “La perdita di vite umane è tragica, ma c'è stato un profondo odio razziale alla base di questa sparatoria, e dobbiamo abbandonare il sentiero mortale della nostra nazione ha camminato per troppo tempo”. Per la dichiarazione completa del vescovo Curry clicca qui.

In quanto organizzazione che cerca di rendere la nostra città al sicuro dal razzismo e dal bigottismo religioso, l'ICNY si unisce ai membri dello stato e alla più ampia comunità nel piangere queste morti prevenibili e le perdite devastanti. Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti per agire oltre la preghiera:

VoiceBuffalo ha servito la comunità di Buffalo per molti anni. Puoi donare entrambi per distribuzione di cibo e pannolini e prodotti per l'igiene qui. Li puoi trovare su Facebook 

Allo stesso modo, il Muslim Public Policy Council di Buffalo ha collaborato con le Chiese e la leadership della comunità per sostenere le vittime e le loro famiglie. La Comunità musulmana, attraverso Jami Masjid, ha istituito un fondo per “Tops Market Shooting Victims” per sostenere le famiglie delle vittime. Il denaro raccolto sosterrà le spese funebri e le spese mediche. Il collegamento è qui.

Il governatore Kathy Hochul proporrà un disegno di legge che estende il divieto esistente nello stato su alcune armi d'assalto. La sua proposta includerà anche modifiche che potrebbero essere apportate alle leggi di New York per affrontare un'attesa sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti che potrebbe abbattere le restrizioni di New York sul trasporto di armi nascoste. Fate conoscere al Governatore le vostre opinioni su queste proposte e contattare il Consiglio delle Chiese dello Stato di New York [email protected].

Cordiali saluti,

Rev. Dott.ssa Chloe Breyer
Direttore esecutivo
Il Centro Interreligioso di New York

 

close

Unisciti alla campagna e aiutaci a #SpreadPeaceEd!

Sii il primo a commentare

Partecipa alla discussione ...