Dialoghi di Educazione per la Pace ospitati dal Ministero Nazionale dell'Educazione a Cartagena, Colombia

(Ripubblicato da: Ministerio de Educación Nacional – Colombia. 30 settembre 2022)

Con oltre 150 partecipanti provenienti da diverse regioni del Paese, i dialoghi di Educazione alla Pace si sono svolti per due giorni. Ai dialoghi hanno partecipato insegnanti, direttori dell'insegnamento, funzionari delle segreterie dell'istruzione, studenti, rappresentanti degli istituti di istruzione superiore e organizzazioni sociali di diverse parti del paese.

Cartagena (Bolívar), 30 settembre 2022. ' Nuovi percorsi possibili' era il motto dell'Incontro di Educazione alla Pace, uno spazio il cui scopo era avviare dialoghi per raccogliere conoscenze, esperienze, sfide e proposte che consentano progressi nell'attuazione dell'educazione alla pace, alla convivenza e alla riconciliazione in Colombia.

Per due giorni, questo evento si è svolto a Cartagena con la partecipazione di insegnanti, direttori, Segretari dell'Educazione, organizzazioni sociali e il direttore dell'Istituto Internazionale di Educazione alla Pace (IIPE), Tony Jenkins, con lo scopo di analizzare il possibile percorso per incorporare le scommesse pedagogiche e didattiche nell'esercizio della cittadinanza e della pace.

Allo stesso modo, questo scenario è servito per la socializzazione delle raccomandazioni per l'educazione alla pace, alla convivenza scolastica e alla non stigmatizzazione. In diverse conversazioni e workshop, è stata discussa l'importanza di avere in modo esplicito un'educazione socio-emotiva, cittadina e di riconciliazione nei diplomi universitari, in modo che gli insegnanti se ne vadano con strumenti che consentano loro di presentare soluzioni e iniziative alle comunità.

È stata espressa l'importanza di formare una cultura di pace, con reti di sostegno, per bambini e adolescenti, tenendo conto del contesto sociale di appartenenza, per promuovere il concetto di pace nel proprio territorio, riconoscendo i bisogni degli studenti. e la loro partecipazione, per trasformare i contesti. Allo stesso modo, generare strategie basate sull'arte e sulla cultura che consentano di gestire le emozioni per la risoluzione pacifica dei conflitti e per la riconciliazione.

D'altra parte, è stata individuata la necessità di rafforzare la formazione dei direttori didattici e degli insegnanti per guidare le strategie pedagogiche e la costruzione di strategie e reti di apprendimento intorno alla pace e alla mitigazione della violenza al fine di garantire i diritti dei bambini. e giovani; oltre a sostenere progetti pedagogici incentrati sulla giustizia riparativa, la pace, la riconciliazione, i diritti umani e la convivenza, che devono essere trasversali.

Un altro punto affrontato riguardava la comprensione dei processi di autoeducazione, il rispetto della conoscenza delle comunità e la promozione della ricerca in classe. In questo modo la pace deve essere promossa dagli insegnanti di tutte le aree e l'impegno anche dei segretari dell'educazione perché possano generare azioni.

L'incontro regionale sull'educazione alla pace è stato organizzato dal Ministero dell'Educazione Nazionale e ha avuto il sostegno del Segretario per l'Educazione di Cartagena, l'Agenzia di cooperazione giapponese JICA, EducaPaz e il Consiglio norvegese per i rifugiati.

close
Unisciti alla campagna e aiutaci a #SpreadPeaceEd!
Vi prego di inviarmi e-mail:

Partecipa alla discussione ...

Scorrere fino a Top