Educazione all'Olocausto e al genocidio in Namibia

Ndapewoshali Ashipala (Foto: © USHMM)

(Ripubblicato da: UNESCO. 28 giugno 2018)

Intervista a Ndapewoshali Ashipala sull'educazione all'Olocausto e al genocidio in Namibia

Ndapewoshali Ashipala lavora per l'Associazione del Museo della Namibia. Insieme alla sua collega Memory Biwa, ha partecipato alla seconda Conferenza Internazionale sull'Educazione e l'Olocausto (ICEH), organizzata dall'UNESCO e dall'US Holocaust Memorial Museum nel dicembre 2017 a Washington, DC. Come risultato della loro partecipazione, hanno creato un progetto per promuovere l'educazione sull'Olocausto e sul genocidio in Namibia, inclusa la prima mostra namibiana sul genocidio del 1904 contro gli Herero e il Nama che sarà esposta in tutti i 14 stati della Namibia.

Perché è importante parlare dell'Olocausto in Namibia?

È importante perché la Namibia ha una storia simile all'Olocausto. C'è stato un genocidio in Namibia nel 1904 quando la Namibia era sotto l'occupazione coloniale tedesca. Ci sono molte somiglianze con il genocidio del popolo ebraico, compresi i campi di concentramento, la scienza razziale e l'ordine di sterminare un gruppo di persone. Ci sono più somiglianze anche nel modo in cui è stato compiuto il genocidio.

"Stiamo cercando di utilizzare l'insegnamento del passato come piattaforma per insegnare la tolleranza all'interno della comunità namibiana".

Il curriculum scolastico namibiano prevede insegnamenti sull'Olocausto, ma non sul genocidio in Namibia. Quindi vogliamo che gli studenti namibiani capiscano la storia, specialmente ora nel contesto dei negoziati di riparazione tra il governo namibiano e il governo tedesco. Vogliamo che gli studenti conoscano questa storia, perché il namibiano medio non sa molto di questo genocidio – alcuni non sanno nemmeno che è successo. Poiché gli studenti hanno una certa comprensione delle atrocità perpetrate dalla Germania nazista, vogliamo collegare le lezioni sul genocidio in Namibia all'Olocausto, aiutando gli studenti a capire meglio cosa è successo in Namibia nel 1904 e cosa sta succedendo oggi.

Per noi questo significa anche insegnare altre forme di discriminazione, razzismo e tribalismo che sono state molto presenti anche in Namibia, a causa del nostro passato coloniale, specialmente durante il governo dell'Apartheid, un regime che ha enfatizzato le barriere etniche. Avevamo un sistema di classi basato su razze ed etnie. Anche tra i neri, eravamo divisi in tribù ed etnie in un modo che considerava certi gruppi “più vicini ai bianchi”. Più eri considerato "vicino al bianco", più privilegi ottieni. Questo ha influenzato la tua situazione di vita, il lavoro che potresti avere e il tipo di istruzione che potresti ricevere. Tutto questo è ancora, anche 28 anni dopo l'indipendenza della Namibia, molto diffuso nella nostra società. Il sistema [coloniale] è riuscito a convincere le persone, che erano più o meno le stesse e avevano vissuto insieme, che avrebbero dovuto odiarsi a vicenda e che alcuni di loro erano migliori di altri.

Questo è sempre stato un problema di fondo in Namibia. Di recente, due membri del parlamento sono stati licenziati dalle loro posizioni a causa di commenti tribali e c'è stata un po' di violenza, violenza legata alle tribù, nel sud della Namibia. Sta diventando un grosso problema anche all'interno della comunità namibiana. Sta ricominciando a eruttare.

Quindi con la nostra mostra, intitolata "The Namibian Genocide – Learning from the Past", stiamo cercando di insegnare l'Olocausto e il genocidio [in Namibia] per dimostrare che questo è ciò che può accadere se continui a spingere la narrativa di "noi contro di loro".

Che ruolo può giocare l'istruzione nell'affrontare episodi difficili e violenti nella storia della Namibia? Cosa potrebbe essere migliorato in questo senso nel sistema educativo namibiano?  

Il curriculum nazionale namibiano non include molto sul genocidio in Namibia, ma copre i crimini della Germania nazista. Fino al decimo anno la storia è una materia obbligatoria, ma è molto generale e più fattuale, sulla falsariga di “questo è successo quel giorno”. È solo nelle classi 10 e 11, dove la storia è facoltativa, che il curriculum diventa più dettagliato, coinvolge gli studenti e richiede una riflessione più critica della storia.

Nel sistema educativo namibiano, ci concentriamo molto su materie STEM come scienza, tecnologia e matematica. Questo è il modello che il nostro Paese ha seguito per darci l'indipendenza economica. Per questo motivo, la storia è vista come quel tipo di argomento che solo quei bambini prendono e che non possono entrare nelle materie STEM. La storia è spesso l'ultima scelta di molti studenti; solo pochissimi stanno facendo la storia nelle classi 11 e 12 e sono istruiti sul nostro passato violento. Tuttavia, queste lezioni si concentrano principalmente anche sulla nostra lotta per l'indipendenza e meno sull'Olocausto o sul genocidio in Namibia.

Con il nostro team ICEH, stiamo cercando di integrare il curriculum di storia. Ecco perché stiamo lavorando con diverse entità come il National Institute for Education and Development (NIED), che sono responsabili dello sviluppo del curriculum namibiano. Stiamo lavorando con loro per sviluppare la nostra mostra da qualcosa che è "solo" visitato in qualcosa che è incorporato nelle aule.

Quali passi stai intraprendendo con il tuo team ICEH 2017 per contribuire al progresso dell'istruzione sull'Olocausto e sul genocidio in Namibia?

Il team namibiano che ha partecipato all'ICEH 2015 ha già sviluppato una mostra. Quello che stiamo facendo ora è rivederlo, perché ora abbiamo ricevuto il contributo del governo. Poiché è un momento e un argomento così delicati, dobbiamo assicurarci di utilizzare una terminologia appropriata e che la mostra sia conforme ai requisiti legislativi del governo e dei nostri donatori. Abbiamo appena tenuto un seminario con le persone che stanno sviluppando il curriculum e i responsabili dell'istruzione provenienti da tutto il paese e hanno esaminato il contenuto. Ci sono stati alcuni cambiamenti, quindi stiamo lavorando per adattarli e poi ristampare la mostra.

Abbiamo fondi dal Ministero delle Relazioni Internazionali e della Cooperazione, per far viaggiare la nostra mostra nel paese, insieme alla mostra "Deadly Medicine: Creating the Master Race" dal US Holocaust Memorial Museum. Ci sarà un lancio ufficiale per ciascuna delle 14 regioni della Namibia. Avremo insegnanti e studenti che verranno a visitare la mostra. Ogni insegnante che visiterà la mostra riceverà una guida, che include una versione stampata della mostra e domande aggiuntive per le discussioni in classe. La guida sarà resa disponibile anche per i dipartimenti educativi regionali e servirà a integrare il curriculum attuale fino a quando i nostri materiali didattici non saranno incorporati nel curriculum ufficiale. Alla fine, la mostra tornerà probabilmente alla Museum's Association of Namibia, dove la presteremo per eventi specifici. Ma prima, il nostro obiettivo è portarlo in tutte le regioni, e abbiamo un paese molto grande, quindi ci vorranno circa due anni.

In che modo l'iniziativa congiunta dell'UNESCO e dell'USHMM è stata utile allo sviluppo del vostro progetto?

Il genocidio del 1904 è un argomento molto delicato da sollevare in pubblico, soprattutto ora nel contesto dei negoziati tra il governo namibiano e la Germania. A causa delle discussioni in corso, avevamo bisogno di tempo per creare la mostra. Il sostegno e il patrocinio dell'UNESCO e del USHMM (Link esterno)hanno contribuito a dare legittimità internazionale alla mostra e ora stiamo ricevendo il sostegno ufficiale del governo della Namibia per esporla.

Cosa speri di ottenere con questo progetto?

Il nostro progetto e la nostra mostra si chiamano “Imparare dal passato” ed è proprio quello che speriamo di ottenere. Stiamo cercando di utilizzare l'insegnamento del passato come una piattaforma per insegnare la sensibilità e la tolleranza all'interno della comunità namibiana. E non solo la tolleranza sulla razza, ma anche altre questioni che vengono discusse nelle nostre comunità, come la violenza di genere, il sessismo, l'omofobia e qualsiasi tipo di “–ismo” o fobia. Stiamo cercando di risanare una comunità molto divisa sui temi religiosi e tradizionali. Ecco perché stiamo cercando di costruire una comunità che vede se stessa come una, piuttosto che divisa in "noi contro loro", che vede la bellezza della diversità invece di esagerare le differenze. Stiamo cercando di costruire una comunità multiculturale, in cui tutti svolgano un bel ruolo. In questo contesto, parlare di insegnare la "tolleranza" è anche un po' mite, è più insegnare ad apprezzare l'altro per le sue differenze e ad amare le sue differenze piuttosto che vederle come qualcosa da temere o odiare.

(Vai all'articolo originale)

Sii il primo a commentare

Partecipa alla discussione ...