AFRICA Educazione alla Pace: uno strumento per la non violenza in Africa

Dada, 15 anni, e sua figlia Hussaina a casa in una comunità di accoglienza a Maiduguri, nello stato di Borno, in Nigeria. Dada aveva 12 anni quando Boko Haram prese lei e una sorella maggiore. (FOTO: UNICEF/Ashley Gilbertson VII)

(Ripubblicato da: Diplomazia moderna. 19 maggio 2021)

By Tamseel Aqdas

In tutto il mondo, il cambiamento della società verso il progresso e la pace sostenibile è associato a rivoluzioni violente. Sebbene l'argomentazione sia in una certa misura accurata, le pratiche non violente hanno la capacità di produrre un risultato simile. La pratica non violenta aspira a modificare gradualmente la mentalità degli individui, determinando la risoluzione o la trasformazione dei conflitti prevalenti nella società. In questo modo si ottiene un'efficienza aggiuntiva, poiché si evitano sofferenze su larga scala.

Nel caso dell'Africa, gli stati postcoloniali si sono trovati immersi in conflitti che vanno dalla crisi intranazionale alle schermaglie interetniche e interregionali. Di conseguenza, l'Africa è stata soggiogata alla distruzione economica e infrastrutturale, insieme alla devastazione sociale e mentale per gli individui. Di conseguenza, sono emerse enormi cifre di rifugiati e sfollati interni che necessitano di riparo, protezione e sostentamento, con implicazioni globali. Tali fattori hanno proiettato l'esigenza di un sostegno critico per la comunità africana vulnerabile, sfollata ed emarginata. Nonostante ciò, per limitare lo spargimento di sangue e la sofferenza della comunità africana, i passi previsti sono stati non violenti.

Per aggiungere all'argomento non violento, l'acclamata educatrice Maria Montessori una volta ha giustamente affermato: “stabilire la pace è il lavoro dell'educazione. Tutto quello che la politica può fare è tenerci fuori dalla guerra”. Implica come l'educazione sostanzialmente alteri la mentalità degli individui e apra un percorso verso la pace. Incorporare l'educazione per garantire una società pacifica rientra nella categoria delle pratiche non violente e questo stesso concetto è stato adattato da vari stati dell'Africa. Come, nel giugno 2004, l'Associazione per lo sviluppo dell'istruzione in Africa (ADEA) ha ospitato una riunione di una conferenza ministeriale sugli stati postbellici e fragili. Nell'incontro è stato firmato un comunicato tra 20 stati africani ed è stato formato il Nodo Inter-Paese di Qualità sull'Educazione alla Pace (ICQN-PE). In base alla quale, i ministri dell'istruzione negli stati africani erano tenuti a far evolvere i loro sistemi educativi in ​​agenzie di forze, per promuovere la costruzione della pace, la prevenzione dei conflitti, la risoluzione dei conflitti e la costruzione della nazione. Di conseguenza, ICQN Peace Education ha sviluppato un piano strategico per fungere da agenzie centrali per coltivare valori, attitudini, conoscenze e abilità; tutto ciò contribuirà allo sviluppo di una pace sostenibile attraverso la nonviolenza per gli individui africani e lo sviluppo nella regione dell'Africa.

Detto questo, ICQN ha classificato i suoi obiettivi in ​​categorie distinte. In primo luogo, ICQN Peace Education mira ad avviare scambi e dialoghi intraafricani, con conseguente incoraggiamento per lo sviluppo sostenibile attraverso il dipartimento dell'educazione. Allo stesso modo, hanno ambizioni per la formulazione, il rafforzamento e l'attuazione di politiche e strategie di educazione alla pace. Successivamente, sarà assicurata l'attuazione, il monitoraggio e la valutazione di successo dei programmi di educazione alla pace. Inoltre, l'obiettivo dell'ICQN Peace Education è quello di avviare capacità di educazione alla pace a tutti i livelli della comunità africana; che alimenteranno partenariati strategici interdisciplinari, interregionali e multisettoriali e la cooperazione con numerose parti interessate. Di conseguenza, sarà generata una ricerca efficace, che porterà a un'efficace produzione di conoscenza. Ciò condurrà allo sviluppo di politiche informate, con conseguente effettiva attuazione dell'Educazione alla Pace.

Il passaggio verso il raggiungimento di questi ampi obiettivi richiederà le seguenti attività da parte dell'ICQN Peace Education. Inizialmente, le attività di dialogo politico saranno condotte tra i ministri designati dell'istruzione e tutte le altre parti interessate provenienti da aree di conflitto e di crisi. In questo modo devono essere condotte analisi di ricerca, documentazione e diffusione efficaci di pubblicazioni e risorse. Di conseguenza, sorgerà una comprensione più profonda dei conflitti e saranno promosse pratiche promettenti per la costruzione della pace attraverso l'educazione. Inoltre, le iniziative di rafforzamento delle capacità saranno dirette utilizzando pubblicazioni e risorse affermative, che saranno incorporate come strumenti per l'attuazione di politiche e pratiche efficaci dell'educazione alla pace. Inoltre, saranno facilitati gli scambi intra-africani di competenze sulla pace nell'istruzione, con la creazione di una rete di attori dell'istruzione che trasportano competenze in materia di educazione alla pace provenienti da paesi colpiti da conflitti. Infine, gli attori della società civile saranno consultati e coinvolti nel processo di dialogo politico, per garantire che siano colmati i divari tra la politica e l'esperienza sul campo. Nel complesso, questi passi garantiranno un'efficace educazione alla pace per una pace sostenibile in Africa attraverso la non violenza.

L'input dell'ICQN per l'educazione alla pace può essere analizzato attraverso i suoi lavori in Nigeria. Essendo lo stato più popoloso del continente africano, la Nigeria affronta diverse sfide che penetrano sotto forma di conflitti, che vanno dalle tensioni politiche ai conflitti violenti religiosi e tribali. Questi fattori costitutivi hanno influenzato negativamente lo sviluppo del Paese; in quanto sono stati lasciati in gran parte incustoditi. Di conseguenza, il verificarsi di conflitti è stato infine adattato come parte della loro cultura nazionale. Di conseguenza, l'attuale generazione ha accettato i conflitti o ha poche conoscenze su come risolverli. Pertanto, l'integrazione dell'educazione alla pace nei programmi di studio della Nigeria è stata fondamentale per cambiare e sviluppare la mentalità e le azioni conseguenti degli individui e per stabilire una società coesa e pacifica attraverso la non violenza.

La sfida più critica riguardante la Nigeria può essere considerata come le attività terroristiche di un gruppo religioso senza volto noto come "Boko Haram" nel nord della Nigeria, e gruppi di militanti come "Niger Delta Avenger" e "Oodua People's Congress" nella regione meridionale dello Stato nigeriano. Nel complesso, questi gruppi hanno influito sul benessere generale dei cittadini della Nigeria. Il terrorismo ha portato alla radicalizzazione dei giovani, al basso tasso di alfabetizzazione, alla disoccupazione, alla distruzione delle infrastrutture e a un'economia in declino. Quindi, c'era un disperato bisogno di incorporare l'ICQN Peace Education come parte del curriculum nazionale; poiché, ciò comporterebbe l'empowerment della prossima generazione riguardo alle competenze necessarie per risolvere i problemi sociali e l'astensione dall'adesione a organizzazioni estremiste. Nel sistema educativo nigeriano, Educazione alla Pace formerà le persone sull'evitamento e la gestione di conflitti violenti, sull'instaurazione di migliori relazioni con i propri simili, sull'unità e sulla cooperazione tra le varie tribù. Di conseguenza, i pregiudizi, gli stereotipi e l'odio per i gruppi che si alterano devono essere eliminati, con conseguente coesistenza pacifica/non violenta.

Nel diciannovesimo secolo, Harris e Morison (2003) hanno affermato che il fondamento di base per il cambiamento e la riforma sociale è stato indotto da scuole, chiese e gruppi comunitari. Quindi, con l'educazione, aumenterà la speranza nella disponibilità degli studenti a contribuire positivamente allo sviluppo della società, così come il loro disprezzo per la violenza e le guerre. È stato condotto che, aumentando le conseguenze della guerra, gli studenti avrebbero sviluppato la capacità di risolvere i conflitti in modo non violento. Inoltre, il programma ICQN Peace Education è molto richiesto nelle scuole primarie e secondarie nigeriane. In questo modo, gli studenti verranno catturati giovani e il loro spirito di tolleranza aumenterà. Ciò consentirà ugualmente ai bambini di acquisire la necessaria conoscenza della pace e le capacità per affrontare i problemi senza ricorrere alla violenza. L'insegnamento dell'Educazione alla Pace consentirà ai giovani di diventare buoni cittadini che agiscono positivamente per la nazione.

Nel sistema educativo nigeriano, le cose principali incorporate secondo i principi non violenti dell'ICQN Peace Education sono le seguenti. In primo luogo, agli studenti viene insegnato a rispettare tutti i diritti e la dignità degli altri esseri umani. Questo include tutte le religioni, culture, etnie e razze. La speranza sovrastante è quella di risolvere i conflitti religiosi, etnici e culturali all'interno dello stato. Rispettare i diritti di ogni individuo nella società, indipendentemente dal suo background, può ridurre i conflitti. Inoltre, si promuove la non violenza e si ottiene giustizia attraverso il convincere e la comprensione. Attraverso la giustizia, gli individui in Nigeria non avranno motivo di provocare conflitti o di aggravarli. Inoltre, viene promossa la condivisione e lo sviluppo di attitudini e competenze per vivere insieme in armonia, che porrà fine all'esclusione e all'oppressione di alcuni individui nella società nigeriana, con conseguente coesione. Agli studenti viene insegnato ad ascoltare e comprendere fornendo a tutti la possibilità di apprendere e condividere con il libero flusso di informazioni. Ciò insegnerà agli studenti la tolleranza e la solidarietà e apprezzeranno e riconosceranno che tutti gli individui nella società sono unici e diversi a modo loro e che ognuno ha qualcosa da contribuire alla comunità indipendentemente dalla propria etnia, lingua, religione o cultura. Inoltre, viene insegnata l'uguaglianza tra uomini e donne, garantendo un posto uguale per uomini e donne nella costruzione dello stato. Di conseguenza, i conflitti che penetrano verso la discriminazione di genere saranno riconosciuti e andranno verso la risoluzione. Infine, agli studenti viene insegnato che hanno voce in capitolo nel processo decisionale del governo e della comunità in cui risiedono. In questo modo, devono impegnarsi nella promozione della tolleranza e della pace nella società; come, arriveranno al fatto che il loro contributo sarà importante. Per raggiungere l'obiettivo dell'Educazione alla Pace, è necessaria una fornitura strumentale orientata allo sviluppo degli elementi di base dell'Educazione alla Pace insieme alle conoscenze, abilità e valori che accompagnano la promozione della cultura generale della pace negli studenti. Ciò si tradurrà nella creazione di una cultura di pace tra le persone.

Sebbene la Nigeria sia lontana dall'ottenere la sua giusta quota di pace e coesistenza nella società, la pratica non violenta dell'Educazione alla Pace ha garantito passi in questa direzione.

Sebbene la Nigeria sia lontana dall'ottenere la sua giusta quota di pace e coesistenza nella società, la pratica non violenta dell'Educazione alla Pace ha garantito passi in questa direzione. Se l'educazione alla pace dell'ICQN viene attuata efficacemente in tutte le regioni della Nigeria, l'obiettivo finale sarà raggiunto. Tuttavia, alcune raccomandazioni per catalizzare il processo sono le seguenti. In primo luogo, occorre intensificare la formazione e la riqualificazione degli insegnanti. In questo modo, gli insegnanti saranno messi in grado di acquisire le competenze e le conoscenze necessarie per l'uso di tecniche e metodi appropriati, che insegnino e promuovono efficacemente l'Educazione alla Pace dell'ICQN. Inoltre, il contenuto del curriculum di studi sociali dovrebbe essere ridotto e dovrebbe essere adottato un approccio di ristrutturazione. Questo perché Educazione alla Pace può sovraccaricare il contenuto del curriculum di Studi Sociali. Pertanto, gli adeguamenti in altri contenuti dovrebbero essere apportati di conseguenza. Infine, dovrebbe essere rivisto il contenuto del curricolo di Studi Sociali fin d'ora nelle scuole secondarie. Questo perché i concetti che si attengono ai concetti di Educazione alla Pace dovrebbero essere riflessi e identificati. Inoltre, i concetti che contraddicono questi stessi principi dovrebbero essere rimossi dal corso. Come, le contraddizioni potrebbero confondere gli studenti; con conseguente educazione alla pace efficace.

In conclusione, l'Associazione per lo sviluppo dell'educazione in Africa (ADEA) ha istituito il Nodo di qualità internazionale sull'educazione alla pace (ICQN-PE), nella speranza di avviare iniziative non violente per portare pace, coesistenza, e sviluppo nella regione dell'Africa, che è piena di conflitti intrastatali, riguardanti religione, etnia, religione, ecc. Uno degli stati che hanno effettivamente avviato l'educazione alla pace dell'ICQN in Nigeria e ha compiuto passi sostanziali per cambiare le menti dei prossimi generazione, per renderli più tolleranti e pacifici. L'obiettivo principale era quello di alterare la società senza ricorrere alla violenza, in base alla quale la Nigeria e altri stati africani hanno avviato passi verso quel percorso.

Sii il primo a commentare

Partecipa alla discussione ...