U Futuru hè Avà: Un Imperativu Pedagogicu per l'Educazione per a Pace

Da Tony Jenkins, PhD *
Introduzione di i Redattori.  in stu Cunnessione Corona, Tony Jenkins osserva chì COVID-19 rivela una necessità urgente di educatori per a pace per portà una maggiore enfasi pedagogica per prevede, cuncepisce, pianificà è custruisce futuri preferiti.

Rimarche date à u 4th E-Dialogu Internaziunale - "Educazione per a Pace: Custruisce un Futuru Ghjustu è Pace", ospitu da Gandhi Smriti & Darshan Samiti (Centru Internaziunale di Studii Gandhiani è Ricerca di Pace, New Delhi) u 13 d'Agostu 2020.

Quandu u prufessore Vidya Jain si hè avvicinatu per esplorà temi per questu dialogu elettronicu, eramu attratti da l'idea di fà cunnessioni trà l'educazione per a pace è a pandemia. Hè ovviamente vitale per noi di cunsiderà u rolu è u putenziale trasformativu di l'educazione per a pace per affrontà e numerose ingiustizie correlate, è ostaculi sociali, pulitichi è ecunomichi à a pace manifestati è aggravati da COVID-19. À u listessu tempu, hè imperativu chì guardemu sottu à a superficia. U coronavirus, in a maiò parte di i casi, face solu visibile quellu chì esiste dighjà. I ricercatori di a pace anu illuminatu per decennii a viulenza strutturale di u neoliberismu chì lascia i più vulnerabili à a so seguita. L'impattu sproporziunatu chì u virus hà avutu nantu à populazioni vulnerabili era tristemente prevedibile. Avà, benintesa, l'educazione per a pace deve cuntinuà à ripiglià stu mantellu d'inchiesta critica. Duvemu indagà nantu à i sistemi di putenza è e visioni di u mondu chì ci anu purtatu sin'à induve ci truvemu oghje. Pedagogicamente, sapemu chì facilità l'educazione critica per a pace hè essenziale per illuminà i mudelli è i sistemi di viulenza è ingiustizia. Inoltre, l'educazione critica per a pace hè un cumpunente chjave di un prucessu d'apprendimentu olisticu necessariu per cultivà una cuscenza critica - di diventà "svegliatu" - è sfidà e nostre assunzioni di visione di u mondu nantu à cume sò e duvianu esse e cose.

In u grande schema di e cose, quandu si tratta di implementà una educazione critica per a pace, andemu relativamente bè. Sò statu piacevolmente sorpresu di vede a terminulugia cum'è a viulenza strutturale è u razzismu strutturale aduttate da e fonti di i media principali in a so analisi di COVID-19 è di e recenti rivolta intornu à a viulenza di a pulizza contr'à i neri in i Stati Uniti. Pensu chì l'efficacia relativa di l'educazione critica per a pace sia accresciuta da u fattu chì a scola formale faci ragionevolmente bè à sviluppà alcune di e capacità cognitive chì sò basate - in particulare a prumuzione di u pensamentu analiticu, è in una misura un pocu menu, u pensamentu criticu. In altre parolle, l'educazione critica per a pace hè rinfurzata da u fattu chì tira da alcune di e forme pedagogiche positive pusate in risaltu in a scola tradiziunale. L'educazione critica per a pace ùn richiede necessariamente l'introduzione di i studienti à una forma radicalmente nova di pensamentu è di apprendimentu.

Benintesa, ci sò avvertenze principali per questa analisi rosa. Pensamentu criticu, in sti primi decennii di u 21st seculu, un periodu chì u mo cullega Kevin Kester (2020) descrive cum'è una era post-verità, hè statu profondamente cooptatu. "Verità" hè diventata muddled. Invece di fà un'inchiesta prufonda è esaminà parechje fonti è prospettive nantu à una questione, parechji cercanu semplicemente articuli d'opinione - o sò alimentati articuli da algoritmi di social media - chì affermanu u so pregiudiziu di visione di u mondu preesistente. In più aghjunghjendu à stu dilema ci sò certe figure pulitiche chì si trovanu senz'altru cum'è una strategia intenzionale per dà forma à l'agende pulitiche. Sapenu chì uttene a bugia davanti à a verità significa chì controllanu l'agenda; chì stabilisce a verità serà più difficiule chè sbulicà a bugia. Cù a cuscenza di l'era post-verità chì campemu, avemu bisognu di sviluppà ulteriormente e capacità di i studienti per u pensamentu criticu - per sfidà l'ipotesi di a visione di u mondu - per andà al di là di e dichjarazioni "Credu" - per sustene e nostre idee cù a ricerca - è impegnà i nostri pari in dialogu apertu. Mentre vulemu per i nostri studienti avè cunvinzione in e so credenze, duvemu ancu aiutà à inculcarle l'importanza di rimanere sempre aperti à u cambiamentu riflettendu è sfidendu e so credenze è assunzioni di visione di u mondu.

Un altru ostaculu maiò da affrontà hè chì l'educazione critica per a pace sonda e strutture è fundazioni sociali, ecunomichi è pulitichi assai chì a scola formalizata cerca di sustene è riproduce - fundazioni chì sò guvernate da pulitiche stabilite principalmente da elite economiche è sociali. Parechji funziunarii di u guvernu anu vulsutu fà turnà e cose "à a normalità" u più prestu pussibule. In effetti, assai persone - in particulare quelli chì eranu vulnerabili per cumincià - soffrenu sottu a costrizione di mandati cruciali di salute publica. I pedichi ecunomichi, suciali è di salute mentale di a pandemia sò stupefacenti. Ma u "ritornu à a normalità" hà da fà una differenza à quelli chì stavanu dighjà patendu in cundizioni "normali" precedenti?

Una quistione chì si pone - è chì pensu chì ùn avemu ancu trattatu adeguatamente pedagogicamente - hè ciò chì duverebbe esse "Novu nurmale", o cumu duverebbe esse u mondu chì vulemu vultà quandu a pandemia cala?

Questu hè un tema prominente di "Cunnessioni Corona, "Una seria d'articuli chì aghju editatu per a Campagna Globale per l'Educazione per a Pace chì pone a quistione di cume pudemu stabilisce u"nova normale. " Torna di maghju, avemu publicatu u Manifestu per una Nova Normalità,  una campagna prumossa da u Cunsigliu Latinoamericanu per a Ricerca per a Pace (CLAIP), chì ci hà aiutatu à mette à u focu sta lente impurtante per l'educazione per a pace. CLAIP hà rimarcatu chì "u virus ùn uccide micca (quant'è) quant'è a perversa normalità à a quale ci sforzemu di vultà". O più chjaramente, u "virus hè un sintimu di a nurmalità malata in a quale avemu campatu".

lu Manifestu per una Nova Normalità offre di più cà solu una critica: prupone ancu una visione etica è ghjusta di una nova nurmalità per noi di sforzassi. U più impurtante, illumina una parte di u pensamentu chì pò esse necessariu per amparà u nostru modu di libertà è per fughje u pensamentu culunizatu è a visione di u mondu di l'acquiescenza à a viulenza strutturale furmata da a normalità precedente.

Vecu u Manifestu per una Nova Normalità cum'è un quadru potenziale di apprendimentu adattu à nutre una visione cosmopolita di a pace è di l'educazione à a cittadinanza globale. Alcune di e richieste ch'ellu prisenta ci aiutanu à cunsiderà un quadru eticu per u standard di vita duvemu aspirà, quale duveria gode, è cumu pudemu ottene lu.

Una cosa u Manifestu rende assai chiaru chì l'educazione per a pace hà bisognu di purtà più enfasi à u futuru - più specificamente, per prevede, cuncepisce, pianificà è custruisce futuri preferiti. A grande maggioranza di u nostru apprendimentu mette in risaltu u passatu. Hè retrocedente, piuttostu ch'è avanti. Esaminemu criticamente ciò chì si pò misurà è empiricu, ciò chì pudemu vede, ciò chì hè è hè statu - ma prestemu poca attenzione à ciò chì pò è deve esse.

L'educazione per a pace deve purtà un accentu più grande à l'avvene - più specificamente, per prevede, cuncepisce, pianificà è custruisce futuri preferiti.

In un mondu induve u realisimu puliticu hà una presa fermamente solida nantu à i regni di a sucietà, u pensamentu utopicu hè cunsideratu cum'è fantasia. Tuttavia, e visioni utopiche anu sempre avutu un rolu impurtante in a prumuzione di cambiamenti suciali è pulitichi. Elise Boulding, prominente ricercatore per a pace è educatore hà parlatu di cume l'immagine utopica serve duie funzioni: 1) satirizà è criticà a sucietà cume hè; è 2) per descrive un modu più desiderabile di urganizà l'affari umani (Boulding, 2000).

Betty Reardon (2009) presenta u valore di l'imaging utopicu in una vena simile:

«L'utopia hè un'idea incinta, furmata in a mente cum'è una pussibilità versu a quale pudemu sforzassi, è in u sforzu amparà cumu realizà u cuncettu, per rializà lu. Senza cuncepimentu, a nova vita, in a sucietà umana cum'è in l'esseri umani, ùn pò esse diventata realità. L'utopia hè un cuncettu, l'idea germinale da a quale a nova vita in un novu ordine suciale pò germinà in un scopu puliticu fattibile, natu in un prucessu di pulitica è d'amparera chì puderia maturà in un ordine suciale trasfurmatu; forse ciò chì simu ghjunti à chjamà una cultura una pace, una nova realità mundiale. In assenza di u cuncettu germinale, ci hè poca pussibilità per un mondu megliu di evoluzione da una pussibilità à una realità ".

Permettimi di ripete l'ultima linea perchè pensu chì capisce una grande parte di a sfida à noi per noi:

"In assenza di u cuncettu germinale, ci hè poca pussibilità per un mondu megliu di evoluzione da una pussibilità à una realità ".

Dunque, cù u pocu tempu chì mi ferma, vogliu veramente immersione in l'occasioni è e sfide per cume l'educazione per a pace ci pò spostà pedagogicamente in sta direzzione futura.

Cuminciamu cù scumpressà un dilema psicologicu. L'imaghjini chì tipicamente tenemu di l'avvene sò radicate in a nostra esperienza presente di u mondu è in e nostre interpretazioni di u passatu. In altre parole, a nostra percezione di ciò chì u futuru tene hè spessu una proiezione lineare, una profezia autocumplente. Ogni pessimisimu ch'è no tenimu in u mumentu presente, chì hè arradicatu à sperienze storiche assai vere, ci porta à prughjettà futuri "probabili", chì sò continuazioni di basa di e traiettorie passate.

Stu pensamentu hè catturatu è cimentatu in a nostra immaginazione per mezu di a predominanza di rumanzi distopici è media destinati à i ghjovani adulti. Avà ùn mi sbagliate micca, mi piace un bellu rumanzu o filmu distopicu, offre un avvertimentu di ciò chì hà da vene se ùn cambiemu u corsu. Tuttavia, i media distopici ùn ci aiutanu micca à spustà u nostru pensamentu nantu à u futuru da u "prubabile" (ciò chì hè prubabile basatu annantu à a nostra strada attuale) - à u "preferitu", u futuru ghjustu chì vulemu veramente. Quandu guidu attelli di futuri cù studienti - o adulti - sta trappula di penseru si presenta cum'è un ostaculu maiò. Quandu ci hè dumandatu di riflette à un eserciziu induve i studienti sò stati invitati à pensà è à descrive un mondu futuru preferitu, una risposta cumuna hè chì "hè veramente difficiule!" o "Ùn pudia micca smettere di pensà à ciò chì pensu chì accadrà" o semplicemente "mi sentu irrealistu" di articulà una maghjina più utopica di l'avvene.

Hè impurtante per noi di capisce chì l'esseri umani custruiscenu a realtà in a so mente prima di agisce nantu à ella esternamente, cusì cumu pensemu à u futuru modella dinò l'azzioni chì femu in u presente. Dunque, se tenemu una visione negativa di l'avvene, simu assai improbabile di cambià u nostru corsu attuale. D'altra parte, se tenemu immagini positive di futuri preferiti, simu più propensi à piglià azzioni positive in u presente.

Hè qualcosa chì u storicu è futuristu olandese Fred Polak hà esaminatu (traduttu è riferitu da Boulding, 2000). Hà scupertu chì, à traversu a storia, e sucietà chì anu tenutu immagini positive di u futuru sò state abilitate à piglià azzione suciale, è quelle sucietà chì mancavanu di immagini pusitive sò cascate in decadenza suciale.

Una parte di a sfida hè chì a nostra educazione ùn capaciteghja micca adeguatamente i studienti in metudi è modi di pensà à l'avvene. Pensà è custruisce futuri preferiti richiede imaginazione, creatività è ghjocu. Dunque benintesa ùn duveria micca surprende chì parechji di i nostri pensatori utopichi più prufetichi sò stati furmati in arti creative. Ogni curriculum o sughjettu scolasticu chì puderia abbraccià tali forme di pensamentu - arti, musica, scienze umane - hè statu nantu à u pezzu di e riforme di l'educazione neoliberale da decenni. Tali curricula ùn sò micca cunsiderati essenziali per a participazione di i studienti à l'ordine ecunomicu attuale. Probabilmente parechji di noi quì ci anu dettu à un certu puntu di a nostra vita: "Ùn pudete micca uttene un impiegu cù stu diploma."

Per apriteci à pensà à i futuri preferiti richiede, almenu temporaneamente, chì ci alluntanemu da u pensamentu raziunale è abbracciemu i nostri modi intuitivi è affettivi di pensà, sapè è esse. Ci hè assai modi chì pudemu fà questu.

Elise Boulding (1988) hà messu in risaltu u ghjocu mentale è l'imaghjini cum'è strumenti per liberà l'imaginazione. In quantu à u ghjocu mentale, cita Huizinga chì hà dettu chì "u ghjocu ci face sapè chì simu più cà esseri raziunali, perchè ghjucemu è sapemu ancu chì ghjucemu - è sceglite di ghjucà, sapendu chì hè irrazionale" (p. 103 ). L'Adulti ghjucanu, ma in modi assai ritualizati. Avemu persu a libertà di ghjocu chì hè inerente à a ghjuventù. Dunque a recuperazione di u ghjocu in l'adulti hè di primura per a nostra ripresa di l'imaginazione suciale.

L'imaging hè ancu un altru strumentu per liberà l'imaginazione. Per cità a mo collega Mary Lee Morrison (2012):

"Avemu tutti l'imaghjini. In u profondu di noi purtemu impressioni, frammenti, ritratti, miraculi, soni, odori, sentimenti è credenze. Certe volte quessi riprisentanu eventi reali o imaginati di u nostru passatu. A volte puderebbenu riprisentà e nostre speranze è sogni per l'avvene. A volte, queste immagini venenu à noi in sogni mentre dormemu. Calchì volta in sunnii. Certe volte ste maghjine facenu paura. Certe volte micca ".

Ci sò parechji metudi diffirenti di imaging, cumpresu a fantasia flottante libera (una forma di ghjocu), sunniarità escapista, riformulazione cusciente di i sogni di dorme, è in educazione futura usemu assai imaging focalizatu di futuri persunali è suciali (Boulding, 1988). Quest'ultima forma s'appoghja nantu à tutte l'altri in modu focalizatu è intenzionale. Questa hè a basa di un mudellu di attelli futuri preferiti sviluppati da Warren Zeigler, Fred Polak è Elise Boulding chì eventualmente si sò trasformati in un attellu chì Elise hà cunduttu regolarmente in l'anni 1980 nantu à "Imaging un mondu senza armi nucleari".

Parechji educatori per a pace, in particulare quelli chì travaglianu in l'istruzione superiore, ponu sentirsi scomodi aduprendu alcune di queste metodulugie creative è ludiche in u so insegnamentu. Si capisce chì questu hè u casu. A maiò parte di noi sò stati duttrinati à crede chì ùn hè micca cusì chì l'apprendimentu accade in l'istruzione superiore. Insegnemu ancu in istituzioni accademiche chì validanu un scopu limitatu di modi di sapè è di esse. I nostri coetanei puderebbenu fighjà nantu à noi, o, cum'è spessu per mè, simu incontrati cù sguardi sconcertati da i nostri culleghi mentre passanu davanti à a nostra classe è vedenu studienti impegnati in teatru di l'attività oppresse, ridendu, sculpendu i so corpi in metafore di l'oppressione, o di ghjucà à ghjochi. Mentre l'accettazione da i nostri pari accademici pò esse critica per a nostra sicurezza di u travagliu in l'accademia, ùn duvemu micca lasciallu piantà in u modu di fà un apprendimentu significativu è significativu chì furnisce à i studienti a cunniscenza, e cumpetenze è a creatività per cuncepisce un futuru più pacificu.

Mentre u ghjocu è l'imaghjini sò critichi per scatenà l'imaginazione, avemu ancu bisognu di situà questi modi di cunnosce è esse in un quadru pedagogicu più cumpletu per u cambiamentu suciale. Qualchì annu fà, Betty Reardon (2013) articulava trè modi d’inchiesta riflessiva adatti à una pedagogia di l’impegnu puliticu. Queste modalità 3 - critiche / analitiche, morali / etiche, è contemplative / ruminative - ponu travaglià inseme cum'è un ponteggio per una prassi d'apprendimentu chì pò esse applicata à l'apprendimentu formale è non formale per a pace è u cambiamentu suciale.

Riflessione critica / analitica hè un approcciu generalmente sinonimu di l'educazione critica per a pace chì aghju descrittu prima. Supporta u sviluppu di una cuscenza critica chì hè necessaria per disturbà i presupposti di a visione di u mondu essenziali per u cambiamentu persunale è l'efficacità pulitica.  Riflessione morale è etica invita à cunsiderà una serie di risposte à un dilema suciale alzatu durante a riflessione critica / analitica. Invita u studiente à cunsiderà una risposta etica / murale adatta.   Cuntemplativu / ruminativu a riflessione furnisce una orientazione futura, invitendu l'apprendente à prevede un futuru preferitu radicatu in u so universu eticu / murale.

Aghju adattatu questi modi d'inchiesta riflessiva cum'è quadru pedagogicu sia in u mo insegnamentu formale sia in furmale (Jenkins, 2019). A mo sequenza hè simile, ma cù alcune dimensioni aghjunte. Inizio cù una riflessione critica / analitica per supportà i studienti in l'indagine di u mondu cume hè. Passaghju dunque à a riflessione etica, invitendu i studienti à valutà se u mondu cume esiste hè alliniatu cù i valori chì tenenu è e so orientazioni morali è etiche. Questa hè una grande opportunità per portà in quadri etichi esistenti. Incuraghju assai l'usu di u Manifestu per una Nova Normalità per via di a so pertinenza à u mumentu. Per quelli chì anu interessatu, a Campagna Globale hà digià sviluppatu è publicatu alcune inchieste per u so usu (vede: "Rivedendu a nostra Pedagogia in Camminendu u Caminu per una Nuova Normalità"). Puderete ancu pensà à aduprà altri quadri normativi cum'è a Carta di a Terra, a Dichjarazione Universale di i Diritti Umani, è a Dichjarazione di e Nazioni Unite è u Prugramma d'Azione nantu à una Cultura di Pace chì stabilisce un inseme di "valori, attitudini, tradizioni è modi di cumpurtamentu è modi di vita »chì puderebbenu praticamente serve da fundamentu à un ordine mundiale pacificu. Assumendu chì i studienti trovanu u mondu attuale disalliniatu cù questi quadri è i so propii valori, da quì portu opportunità di riflessione contemplativa è ruminativa, chì tipicamente facciu facilità per mezu di prucessi creativi chì favurizeghjanu a previsione di ciò chì hè preferitu, è di ciò chì puderia esse. È infine, per sustene l'empowerment di i studienti per agisce nantu à ste visioni, li incuraghju ancu à cuncepì e pruposte future, à impegnassi in una valutazione di pari, è à stabilisce piani per mette in ballu strategie pedagogiche è pulitiche per purtà a visione à a realtà.

A mo speranza è a mo intenzione di sparte qualchì intuizione pratica è pedagogica da a mo sperienza persunale, hè di stimulà qualchì riflessione nantu à a speranza è a prumessa di l'educazione per a pace cum'è strumentu per custruisce un avvene ghjustu è pacificu. A mo preoccupazione hè chì l'educazione per a pace, senza una orientazione futura, ferma pocu più cà una attività in pensamentu criticu, raziunale. Cum'è educatori per a pace, ci hè presentatu una serie di sfide pedagogiche assai vere in educazione per u stabilimentu di culture di pace. Avè una cunniscenza critica di u nostru mondu significa pocu sì ùn truvemu ancu manere di nutre pedagogicamente e cunvinzioni interne chì sò i fundamenti per e forme d'azione pulitica esterna nonviolente chì sò necessarie per custruisce è custruisce un futuru più preferitu.

Quandu u novu annu scolasticu hè in traccia di principià, almenu per quelli di noi in l'emisferu nordu, incuraghju i educatori à cunsiderà l'integrazione di alcune di queste richieste essenziali per pensà, prevede, pianificà è stabilisce a "nova normalità" di un post COVID -19 mondu in i so curricula.

Mi piacerebbe cunclude cun una citazione di a mo amica è mentore Betty Reardon (1988), chì ci ramenta chì "se vogliu educà per a pace, sia i prufessori sia i studienti anu bisognu di avè una certa nuzione di u mondu trasfurmatu per quale stemu educendu . " Per l'educazione per a pace, hè imperativu chì l'avvene hè avà.

Grazie.

Prupòsitu di lu Author

PhD di Tony Jenkins hà 19+ anni di sperienza in a direzzione è a cuncezzione di a custruzzione di a pace è di prugrammi è prughjetti educativi internaziunali è di leadership in u sviluppu internaziunale di studii di pace è di educazione per a pace. Tony hè attualmente Lettore in u Prugramma di Studii di Ghjustizia è Pace à l'Università di Georgetown. Dapoi 2001 hà servitu cum'è Direttore Generale di l'Istitutu Internazionale per l'Educazione per a Pace (IIPE) è da 2007 cum'è Coordinatore di a Campagna Globale per l'Educazione per a Pace (GCPE). A ricerca applicata di Tony hè focalizata annantu à l'esaminazione di l'impatti è di l'efficacia di i metudi di educazione per a pace è di e pedagogie in a nutrizione di cambiamenti è trasfurmazioni persunali, suciali è pulitichi. Hè ancu interessatu à a cuncezzione è u sviluppu educativu formale è non furmale cù un interessu particulare in a furmazione di l'insegnanti, approcci alternativi à a sicurezza globale, cuncepimentu di sistemi, disarmamentu è genere.

Riferimenti è Risorse

Sianu the first to comment

Unisce a discussione ...