Rispondendu à a Situazione COVID di Quelli chì sò à u Fondu di a Scala Economica

A Cungregazione di a Mamma di Carmel Sr. Merin Chirackal Ayrookaran dà maschere à i travagliadori migranti in u statu sud-occidentale indianu di Kerala. (Foto: furnita à GSR)

Introduzzione di l'Edituri

cù sta Cunnessione Corona, offre una altra lettura utile da Rapportu Global Sisters (un prugettu di Reporter Cattolicu Naziunale). GSR offre rapporti unichi di prima manu nantu à una serie di prublemi è prublemi trattati da l'educazione per a pace, cù descrizioni ispiratrici di a tenacità è di l'impegnu di parechje religiose cattoliche in u so travagliu per superà l'inghjustizie fundamentali chì danu origine à i prublemi. GSR hè un tesoru di studii di casu per l'educazione per a pace.

Sottu truverete una ripustazione di l'articulu GSR di u 13 di lugliu 2020 "E suore indiane aiutanu i travagliadori migranti bloccati in via di casa durante u chjosu"Precedutu da una introduzione per aiutà i educatori di a pace à custruisce e dumande pertinenti.

 

Rispondendu à a Situazione COVID di Quelli chì sò à u Fondu di a Scala Economica

"E suore indiane aiutanu i travagliadori migranti ... " hè unu di i numerosi rapporti vivi, publicati da Rapportu Global Sisters. GSR hè una fonte di descrizzioni strettamente vividi di e realtà di a sofferenza umana imposte da e ingiuste strutture ecunomiche mundiali chì COVID-19 rivela, cume li aggrava (vede ancu: A Scala Economica hè Codificata per Culore.)

Questa storia racconta alcuni di i modi creativi chì e donne di a sucietà civile, in questu casu e sorelle cattoliche, rispondenu à a situazione di i poveri, in questu casu i travagliadori migranti indiani, chì portanu u pesu di a pandemia. Hè un altru esempiu di azzione diretta da e donne in terra in situazione di crisa, per fà avanzà a sicurezza umana. Tale azzione cum'è presentata in a serie GCPE di a settimana scorsa, Aggiornamenti nantu à a Pace è a Sicurezza di e Donne.

Avemu vistu cumu queste monache cattoliche aiutanu i migranti senza travagliu è senza casa. L'assenza di abitazione chì li mettenu in periculu d'arrestazione per violazione di u strettu chjosu di l'India, ùn avianu più rimediu chè di vultà, assai à pedi, in i so paesi nativi. Di novu, vedemu l'efficacità di l'azione immediata è lucale quandu i guverni ùn agiscenu micca, è e grande organizzazioni naziunali sò troppu ingombranti per compiti urgenti. Circostanze tali cume ispiravanu e pruposte per Piani d'Azione di i Populi è l'idee presentate in u post GCPE: Manifest Alpi-Adriaticu: Nuvella pulitica per u Mondu Post COVID. A risposta riluttante è inadegwata di i Stati à tante minacce planetarie, cum'è quella chì avemu sperimentatu in a pandemia, a puvertà glubale, l'armi nucleari è a crisa ecologica, rende l'azione lucale più urgente è mette in risaltu e responsabilità è u putenziale di a sucietà civile per guidà a strada à a Novu Normale.

- BAR, 7/20/2020

E suore indiane aiutanu i travagliadori migranti bloccati in via di casa durante u chjosu

Loreto Srs., Da sinistra, Nirmala Toppo, Sawanti Lakra, Jiwanti Tete, Rajini Lugun è Gloria Lakra aspettanu in calore ardente cù pacchetti alimentari per i travagliadori migranti in muvimentu in una fermata di l'autostrada naziunale. (Foto: furnita à GSR)

By Jessy Joseph

(Ripostatu da: Rapportu Global Sisters. U 13 di lugliu di u 2020.)

NEW DELHI - Sujata Jena ùn pudia dorme dopu avè vistu una foto di una zitella cù una pesante carica in capu in un missaghju WhatsApp. "U so visu macchiatu, bagnatu di lacrime, mi perseguitava", hà dettu u membru di u Sacri Cuori di Ghjesù è Maria hà dettu à Global Sisters Report.

A foto era in circulazione per illustrà a situazione di centinaia di migliaia di persone chì anu colpitu l'autostrade di l'India dopu à una chjusura naziunale per cuntene a pandemia di coronavirus.

Cum'è Jena hà vistu nantu à e piattaforme di e social media ritratti è video da tutta l'India, l'avucatu è a religiosa di 38 anni si sò messe à aiutà i migranti à rientre in casa. Un video clip hà mostratu 10 travagliadori ammassati in una stanza in Kerala, un statu indianu suduvestu. L'omi dicenu chì u so patronu li avia chjusi è chì avianu bisognu disperatamente d'aiutu per ghjunghje in i so paesi in Odisha, più di 1,000 miles nordeste.

Mentre u chjude l'ha cunfinata à u so cunventu in a capitale Odisha di Bhubaneswar, Jena u 17 di maghju si hè aderita à una rete suciale chì aiuta i migranti bluccati.

Da u 24 di ghjugnu, più di 300 migranti, inclusi i 10, bluccati in i stati indiani meridionali ghjunghjenu à i so paesi nativi in ​​stati cum'è Bihar, Chhattisgarh, Odisha è West Bengal in India orientale, grazie à I sforzi di Jena.

Jena face parte di centinaie di religiose cattoliche chì sò in prima linea quandu a chjesa ghjunghje à i travagliadori migranti affettati da u primu ministru di chjusura di 21 ghjorni u Primu Ministru Narendra Modi impostu à 1.3 miliardi di persone in India da a mezzanotte di u 25 di marzu cù solu quattru ore di preavvisu .

U lockdown, cunsideratu u tentativu più grande è più duru di u mondu per cuntene a pandemia, hè statu allargatu cinque volte cù vari gradi di rilassamentu finu à u 31 di lugliu.

U bloccu hà resu di colpu milioni di travagliadori migranti senza travagliu in cità.

"Quand'elli anu persu u travagliu, ùn avianu micca un locu per stà, nè rivenuti nè sicurezza", dice u Salesianu Fr. Joe Mannath, secretariu naziunale di u Cunferenza di l'India Religiosa, l'associu di l'omi è di e donne religiose superiori maiò in u paese.

Quandu u bloccu hà arrestatu u sistema di trasportu publicu indianu, i travagliadori migranti in cità hanu svultulatu autostrade è strade in pochi ghjorni. A maiò parte caminava è certi andavanu in bicicletta finu à i so paesi nativi, à centinaie di chilometri di distanza.

Mannath dice chì a paura di a fame è di cuntrae u coronavirus hà purtatu à un "caoticu esodu»Di i travagliadori di e cità.

I gruppi di a chjesa sò trà quelli chì cercanu di aiutà questi travagliadori.

U 6 di ghjugnu, Caritas India, l'agenzia d'aiutu di i vescovi indiani, hà infurmatu a Webinar chì a chjesa hà raghjuntu più di 11 milioni di persone durante u periodu di chjusura, cumprese assai travagliadori migranti.

Mannath, chì coordina i più di 130,000 religiosi indiani, cumprese quasi 100,000 donne, afferma chì a maiò parte di stu serviziu hè stata fatta da i religiosi.

E donne è l'omi religiosi anu scontru i travagliadori bloccati nantu à e strade, in case di riparu è in gruppi di baraccopoli in diverse parti di u paese. Cù i doni diocesani, di a congregazione è di l'agenzia d'aiutu, anu datu à i travagliadori riparu, cibu è soldi per ghjunghje in casa soia.

Mannath afferma chì i religiosi cattolici anu fattu "un travagliu fantasticu per i più bisognosi in tuttu u chjosu". U prete salesianu dice ancu chì ciò chì i religiosi anu fattu hè "assai più" di ciò chì pare in ogni raportu.

"Quandu aghju dumandatu à i principali superiori un raportu rapidu nantu à ciò chì si facia, avemu ricevutu più di 750 rapporti. Mostra u vastu serviziu chì i religiosi stanu prestendu ", hà dettu à GSR à a fine di ghjugnu.

Mannath spiega chì i religiosi cattolici di l'India anu decisu di ùn avè micca un pianu coordinatu centralmente per aiutà i travagliadori, ma finanzia i individui è e congregazioni chì li servenu.

Unu di questi religiosi hè Loreto Sr. Punitha Visuvasam in Doranda vicinu à Ranchi, capitale di u statu indianu orientale di Jharkhand è in casa di migliaia di migranti.

Quandu i travagliadori cuminciavanu à ghjunghje in camiò è autobus, e suore Loreto u 23 di maghju andavanu à l'autostrade in Jharkhand cun pacchetti di alimenti. E suore anu trovu parechje persone chì caminavanu per a longa strada di casa. "Avemu aiutatu à imbarcà in autobus per i so paesi", hà dettu Visuvasam à GSR per telefunu. *

Ella hà dettu ch'elli anu trovu i travagliadori famiti, sete è stanchi è accucchiati cum'è animali in i camiò. Durante settimane, e so surelle anu alimentatu da 400 à 500 persone in transitu ogni ghjornu.

Anu collaboratu ancu cù altre congregazioni, cum'è a Missionarii di Carità, è a ghjuventù cattolica per distribuisce cibu sottu a direzzione di l'arcidiocesi Ranchi.

Un'altra congregazione in Ranchi, u Ursuline Sisters of Tildonk, ghjunse à i migranti da u 3 d'aprile. E religiose l'anu riparate in a so scola di Muri, à circa 40 chilometri à l'est di Ranchi.

"Li avemu furnitu tutti i bisogni di basa cum'è alimentariu, vestiti è kit di sicurezza", hà dettu à GSR u 17 di ghjugnu Sr Suchita Shalini Xalxo, pruvinciale Ranchi di a congregazione.

Xalxo hà dettu chì i migranti eranu in "cundizioni patetiche" quand'elli ghjùnghjenu à u so centru. «Parechji avianu marchjatu per dui o trè ghjorni senza manghjà. Certi sò stati battuti da a pulizza mentre passavanu da un statu à l'altru ", dice Xalxo.

L'urganizazione di i trasporti per i migranti era a primurosa preoccupazione per e persone cum'è Sr Tessy Paul Kalapparambath. Ella Surelle Missionarie di l'Immaculata** in Hyderabad, capitale di u statu Telangana in u sudeste di l'India, hà furnitu cibu è medicinali à i migranti in muvimentu.

A so casa di noviziati, situata vicinu à una autostrada, hà distribuitu alimenti cotti è acqua potabile à circa 2,000 migranti. A so squadra hà ancu distribuitu pacchetti alimentari in e stazioni di ferrovia.

"Hè straziatu di vede millaie famiti è sete durante sta statina", hà dettu à GSR Kalapparambath, secretariu di a Cummissione Laborista di u Cunsigliu Episcopale Cattolicu Telugu.

In Hyderabad, Sr. Lissy Joseph di u Surelle di Maria Bombina Andò à e stazioni di autobus è di ferrovie à l'iniziu di aprile mentre i media anu narratu a situazione di i migranti. Hà scontru travagliadori di Assam, Jharkhand, Odisha, Uttar Pradesh è Bengala Occidentale - accucchiati in gruppi senza cibu, soldi o rifugiu.

"Hè stata una scena disturbante", disse Joseph à GSR.

Un gruppu hà dettu à Ghjiseppu chì u so patrone hè sparitu dopu avè cunduttu in un camionu versu Karimnagar in u vicinu Telangana. Hanu sappiutu truvà un altru camionu per andà in Hyderabad, più di 100 miles à sudu. Ghjiseppu li hà scontru dopu chì a pulizza li abbia dumandatu di vultà duv'elli eranu venuti. "A prima cosa chì avemu fattu hè stata di organizà l'alimentu per elli", disse Joseph.

A monaca hè andata dopu à a pulizza, chì hà rifiutatu d'aiutà i travagliadori, dicendu ch'elli ùn appartenenu micca à a so ghjuridizione.

Cum'è Jena, Ghjiseppu hà adupratu a rete di l'attivisti suciali per circà aiutu per i migranti. Ghjiseppu hà circulatu a foto di i travagliadori nantu à e rete suciale è una donna avucata hà presentatu un casu contr'à a pulizza è hà trasmessu u ritrattu à u cullettore di u distrettu.

"A spartera di e pene di sti poviri migranti in e rete suciale aiuta assai. E cose si sò tramutate è l'uffiziu di u travagliu di u Statu m'hà contactatu ", spiega Joseph. Un ufficiali junior hà purtatu i travagliadori in un rifugiu tempurale è hà organizatu dui autobus per purtalli à Odisha.

Alcune religiose in Kerala sò state preparate per trattà i prublemi di i travagliadori migranti. A Cungregazione di a Mamma di u Carmelu avia principiatu in u 2008 u CMC Muvimentu di i Travaglianti Migranti per aiutà quelli chì fughjenu a viulenza anti-cristiana in Odisha quellu annu. Dopu hè statu allargatu per aiutà i travagliadori di altri stati.

Sr. Merin Chirackal Ayrookaran, chì coordina u muvimentu, hà dichjaratu chì anu organizatu campi medichi, telecounseling è pass per i travagliadori bloccati per andà in casa.

In Delhi, Sacru Cuore Sr. Celine George Kanattu face parte di quelli chì aiutanu i migranti bloccati. Hà cuminciatu à aiutà i travagliadori dopu chì certi travagliadori domestichi sò venuti à buscassi per manghjà. Cù u sustegnu di i benefattori è di a so congregazione, a so squadra hà furnitu cibu, vestiti, maschere è disinfettanti à circa 600 migranti.

Unu di i beneficiari di Kanattu hè Jameel Ahmed, un musulmanu chì cunduce un taxi in triciclo. U babbu di quattru figlioli dice chì a so famiglia sarebbe morta di fame se e religiose cattoliche ùn li avianu micca furnitu di alimenti.

Sentimenti simili sò stati detti Surella Anne Ghjesù Maria, direttore di un centru di sviluppu in Jashpur, una cità di u statu di Chhattisgarh in u centru di l'India.

Ella hà dettu chì qualchì volta i migranti li strappavanu pacchetti di cibu da e mani è li manghjavanu subitu. "Dopu diceranu:" Signora, pudemu avà andà avanti. Speremu di truvà più persone cum'è voi in u nostru viaghju avanti ", hà dettu a GSR a monaca franciscana Missionaria di Maria.

Parechji travagliadori anu mantenutu i so ligami cù e suore dopu avè ghjuntu in casa.

Jena hà creatu un gruppu WhatsApp cù quelli chì hà aiutatu. «Usanu u mo numeru cum'è linea d'aiutu. Aghju tante telefonate. À le volte, possu andà à dorme solu dopu à 2 ore è mezu di matina assicuru u ritornu sicuru di quellu chì vole andà in casa ".

Hà publicatu dinò a foto di a zitella chì pienghje cum'è a so stampa di WhatsApp. "A mantene finu à chì l'ultimi travagliadori migranti ghjunghjenu in casa", afferma ella.

[Jessy Joseph hè un scrittore freelance in New Delhi. Sta storia face parte di una cullaburazione trà GSR è Hè impurtante l'India, un portale di nutizie basatu in New Delhi chì si cuncentra nantu à e nutizie suciale è religiose.]

 

Sianu the first to comment

Unisce a discussione ...