Comunicatu di stampa dopu a visita di u Vice-Segretariu Generale di l'ONU è u Direttore Esecutivu di l'ONU Women in Afganistan

Introduzione di u Redattore

Stu postu, una dichjarazione risultatu da una delegazione di l'ONU di altu livellu in Afganistan, face parte di una seria nantu à l'editti di dicembre di i Talibani, chì pruibiscenu e donne di a scola universitaria è l'impieghi in l'ONG chì furnisce servizii essenziali à u populu afganu (vede quì per una copertura supplementaria).

Certi lettori / membri di a Campagna Globale anu firmatu lettera chì dumandava l'annullamentu di sti pruibizioni iniziatu da l'urganisazioni di fede è umanitarii indirizzate à i Talibani è l'urganisazione musulmana mundiale. A lettera di a sucità civile cumplementa l'appellu di l'anzianu Ministru di l'Affari Esteri Svedese Wallstrom per una delegazione di u Cunsigliu di Sicurezza per scuntrà i Talibani è una dichjarazione di Jan Egelund, u capu di l'aiutu straneru di Norvegia, nantu à e terribili cunsequenze ecunomiche naziunali di a continuazione di e prohibizioni.

Claramente, tutti i settori di a cumunità internaziunale sò impegnati in questa violazione grossa di i diritti umani. Ma l'ingaghjamentu ùn hà micca risultatu in l'inversione di i pruibizioni.

Vi urgemu, mentre leghjite sta dichjarazione di l'ONU, à cunsiderà modi in quale a sucietà civile puderia sustene è avanzà l'ubbiettivi pruposti, è, se ne necessariu, impulse l'ONU versu misure più definitive. Chì pudete fà voi è e vostre urganisazione per ottene a reversione? (BAR, 1/26/23)

Comunicatu di stampa dopu a visita di u Vice-Segretariu Generale di l'ONU è u Direttore Esecutivu di l'ONU Women in Afganistan

(Ripostatu da: ONU Donne. 23 di ghjennaghju di u 2023)

"Ciò chì succede in Afganistan hè una grave crisa di dritta di e donne è una sveglia per a cumunità internaziunale. Mostra quantu rapidamente decennii di prugressu in i diritti di e donne ponu esse invertiti in pochi ghjorni. E donne di l'ONU sò cun tutte e donne è e donne afgane è continueranu à amplificà a so voce per ricuperà tutti i so diritti ".

A delegazione d'altu livellu di l'ONU guidata da u Vice-Segretariu Generale chjama à l'autorità talibane di facto di l'Afghanistan per annunzià u cursu annantu à i recenti decreti chì limitanu i diritti di e donne è di e donne, dice chì l'Afghani ùn devenu micca esse abbandunati.

data: 

KABUL, Afganistan - In nome di u Sicritariu Generale, u Vice-Segretariu Generale, Amina Mohammed, u Direttore Esecutivu di l'ONU Women, Sima Bahous, è u Segretariu Generale Assistente di u Dipartimentu di l'Affari Politici, di l'Affari di Pace è di l'Operazioni di Pace, Khaled Khiari, anu finitu. una visita di quattru ghjorni in l'Afghanistan per valutà a situazione, impegnà l'autorità de facto è sottumette a sulidarità di l'ONU cù u populu afganu.

In riunioni cù l'autorità de facto in Kabul è Kandahar, a delegazione hà trasmessu direttamente l'alarma annantu à u recente decretu chì pruibisce e donne di travaglià per organizzazioni non governative naziunali è internaziunali, una mossa chì mina u travagliu di numerosi urganisazioni chì aiutanu milioni di afgani vulnerabili.

L'autorità di facto si sò ancu spustate recentemente per chjude l'università à i studienti femine in tuttu u paese finu à un novu avvisu, è anu impeditu à e ragazze di frequentà a scola secundaria, limitatu a libertà di muvimentu di e donne è di e donne, escludendu e donne da a maiò parte di a forza di travagliu è pruibite e donne. da l'usu di parchi, palestre è bagni publichi.

"U mo messagiu era assai chjaru: mentre ricunnoscemu l'impurtanti esenzioni fatte, queste restrizioni presentanu à e donne è e ragazze afgane un futuru chì li cunfina in e so case, violendu i so diritti è privandu e cumunità di i so servizii", hà dettu a Sra Mohammed.

"A nostra ambizione cullettiva hè di un Afghanistan prusperu chì hè in pace cun ellu stessu è i so vicini, è in una strada per u sviluppu durevule. Ma avà, l'Afghanistan si isola, in mezzu di una terribile crisa umanitaria è una di e nazioni più vulnerabili di a terra à u cambiamentu climaticu ", disse. "Avemu da fà tuttu ciò chì pudemu per colma sta lacuna".

Durante a so missione, a Sra Mohammed è a Sra Bahous si sò scontri cù e cumunità affettate, i travagliadori umanitarii, a sucità civile è altri attori chjave, in Kabul, Kandahar è Herat.

"Avemu assistitu à una resistenza straordinaria. E donne afgane ùn ci anu lasciatu dubbitu di u so curagiu è u rifiutu di esse sguassati da a vita publica. Continuaranu à favurizà è à luttà per i so diritti, è avemu l'obbligo di sustene li à fà cusì ", hà dettu a Sra Bahous.

"Ciò chì succede in Afganistan hè una grave crisa di dritta di e donne è una sveglia per a cumunità internaziunale. Mostra quantu rapidamente decennii di prugressu in i diritti di e donne ponu esse invertiti in pochi ghjorni. E donne di l'ONU sò cun tutte e donne è e donne afgane è continueranu à amplificà a so voce per ricuperà tutti i so diritti ".

L'ONU è i so partenarii, cumprese l'urganisazioni non governamentali naziunali è internaziunali, aiutanu più di 25 milioni d'Afghans chì dependenu di l'aiutu umanitariu per sopravvive, è restanu impegnati à stà è à furnisce.

I decreti più recenti emessi da l'autorità di facto chì pruibiscenu e donne di travaglià per l'ONG anu furzatu parechji partenarii à mette in pausa l'operazioni chì ùn ponu più esse furnite in modu sicuru è significativu. Mentre l'esenzioni recenti à a pruibizione introdotta da l'autorità de facto aprenu spazii per l'umanitarii per cuntinuà - è in certi casi ripiglià - operazioni, queste restanu limitate à pochi settori è attività.

"A consegna efficace di l'assistenza umanitaria hè basata nantu à i principii chì necessitanu un accessu cumpletu, sicuru è senza ostaculi per tutti i travagliadori di l'aiutu, cumprese e donne", a Sra Mohammed hà dettu.

A visita in Afganistan hà seguitu una seria di cunsultazioni d'altu livellu nantu à l'Afghanistan attraversu u Golfu è l'Asia. A delegazione hà scontru cù a dirigenza di l'Organizazione di a Cooperazione Islamica (OIC), u Bancu Islamicu di Sviluppu, gruppi di donne afgane in Ankara è Islamabad è un gruppu di Ambasciatori è Inviati Speciali in Afganistan basatu in Doha.

A delegazione s'hè riunita cù i capi di u guvernu di a regione è i capi religiosi per favurizà u rolu cruciale è a piena participazione di e donne è un sustegnu à u populu afganu.

Durante e visite, i paesi è i partenarii anu ricunnisciutu u rolu criticu di l'ONU in a custruzzione di ponti per truvà suluzioni durevuli, è ancu l'urgenza di furnisce un supportu salvatore è mantene un impegnu efficace, guidatu da a Missione d'Assistenza di e Nazioni Unite in Afganistan (UNAMA).

Hanu dumandatu chì i sforzi sò intensificati per riflette l'urgenza di a situazione è anu sottolineatu l'impurtanza di una risposta unificata da a cumunità internaziunale.

A necessità di un percorsu puliticu rivitalizzatu è realistu hè stata constantemente evidenziata è tutti sò stati fermi nantu à i principii fundamentali, cumpresi i diritti di e donne è di e donne à l'educazione, u travagliu è a vita publica in Afganistan. Ci era un largu cunsensu chì a regione è a dirigenza di l'Organizazione di a Cooperazione Islamica in questi temi era critica.

A pruposta di una cunferenza internaziunale nantu à e donne è e donne in u mondu musulmanu durante u mese di marzu 2023 hè stata ancu cunsiderata è accettata in principiu.

I contatti di i media:

Per più infurmazione, cuntattate puru:

ONU Donne: media.team@unwomen.org
Uffiziu di u Portavoce di u Sicritariu Generale di l'ONU: Farhan Haq: haqf@un.org
UNAMA: portavoce-unama@un.org

Unisciti à a Campagna è aiutaci #SpreadPeaceEd!
Per piacè mandami e-mail:

Lascia un Comment

U vostru indirizzu email ùn seranu micca publicatu. campi nicissarii sò marcati *

Libru di Top