U dialogu apertu in e scole hè u primu passu per luttà contr'à l'estremisimu viulente

U dialogu apertu in e scole hè u primu passu per luttà contr'à l'estremisimu viulente

Da u duttore Anantha Duraiappah

(Articulu originale: U Guardianu. U 10 d'ottobre 2016)

L'ultimu annu u mondu hà vistu attacchi da l'estremisti viulenti in Gaziantep, Turchia, Bruxelles, Orlando, Nizza è troppu altri.

Ùn sò più questi incidenti isolati; sò minacce glubali per a vita è per a libertà di spressione, di muvimentu è di scelta. Luttà contr'à u focu cù u focu ùn hè chjaramente una suluzione fattibile. A necessità di a pace per mezu di u dialogu, u rispettu è a capiscitura ùn hè mai stata più acuta.

E scole sò un bonu postu per cumincià. U secretariu generale di l'ONU hà identificatu l'educazione cum'è un strumentu centrale in a lotta contr'à l'estremisimu viulente. Ma u tippu d'educazione hè criticu se a lotta deve esse vinta.

Un recente indagine glubale da l'Istitutu Mahatma Gandhi per l'Educazione per a Pace è u Sviluppu Sostenibile (MGIEP) à l'UNESCO ùn hà trovu alcuna differenza significativa in attitudini di cumpassione è empatia in i gruppi chì anu avutu è ùn anu sperimentatu l'educazione per a pace.

A 2015 log realizatu da l'ONG di u Bengaluru Muvimentu di i zitelli per a Cuscienza Civica, chì copre circa 10,000 studenti di u liceu è di l'università di 11 cità di u paese, hà trovu più di u 65% di i ghjovani chì pensavanu chì i masci è e donne di sfarenti sfondi religiosi ùn devenu micca esse permessi di assucià cù l'altri. Peggiu, più di 40% di i masci sò stati d'accordu chì e donne ùn avianu altra scelta cà accettà un certu gradu di viulenza.

Hè particularmente scioccante chì ciò accada in un paese chì hà avutu elementi di educazione per a pace in i so curricula per almenu l'ultimi 30 anni.

U fattu triste hè chì i currenti curricula nantu à a pace, a morale è a cittadinanza ùn funzionanu micca solu, è i novi approcci anu da esse aduprati se vogliamo affrontà a tendenza crescente di intolleranza è estremisimu.

Semplicemente parlà à i ghjovani di i mali di l'estremisimu viulente ùn basta micca. Ciò chì hè necessariu hè un mudellu d'educazione olistica chì mette l'accentu nantu à u dialogu, favurisce abilità di pensamentu criticu, inculca u rispettu di a diversità è dà à i studienti e cumpetenze socio-emotive è comportamentali chì aiutanu à decostruisce a messaggistica usata per prumove a violenza.

À u core di un mudellu apparentemente utopicu ci hè a necessità di spaziu in aula per un dialogu liberu, onestu è "senza limiti" cù i pari è cusì criticu, cun sè stessu.

Neuroscientist Dr Marilee Bresciani Ludvik è i so culleghi à l'Università di Statu di San Diego sustene l'incorporazione di a nuzione di "auturità propria»; chjamanu à includere u tempu per i studienti in aula per riflette nantu à e relazioni cù l'altri è stessi chì portanu à u sviluppu di u so propiu valore è sistemi di credenze.

In a lotta contr'à l'estremisimu viulente, un dialogu apertu pò esse u primu passu per interrugà è riflette nantu à e proprie credenze, assunzioni è cuntribuisce significativamente à capisce i fattori di spinta è di pull di a radicalizazione.

A bona nutizia hè chì mentre aspettemu chì i sistemi educativi evolucioninu, Internet presenta una opportunità immediata di scambià idee in modu apertu è senza restrizioni trà barriere geografiche è ideologiche.

U MGIEP hà cunclusu pocu fà un vastu dialogu in ligna per prevene l'estremisimu viulente chì dura da sei settimane è impegna circa cinque milioni di giovani Facebook e Twitter.

L'eserciziu hà ricevutu più di 1,000 cummenti dettagliati da tuttu u globu, dimustrendu cumu i ghjovani percepenu u so rolu in a prevenzione di l'estremisimu viulente.

In ricunniscenza di a necessità di tali spazii "sicuri" per esiste per u dialogu nantu à e prublemi critichi per continuà, Unesco MGIEP sviluppa una piattaforma dedicata à u dialogu per i ghjovani à scambià idee nantu à prublemi critichi.

À u flagship di MGIEP, Talking Across Generations on Education, tenutu u mese scorsu in New Delhi, un ghjovanu psicologu di Francia hà offertu sta visione rivelatrice: "Quandu unu hè continuamente soppressu, l'estremisimu viulente diventa una forma di cumunicazione".

Avemu da furnisce à i ghjovani l'assicuranza chì ci hè una alternativa; chì esiste un spaziu (in linea è fora di linea) induve ponu cumunicà i so punti di vista, frustrazioni è rabbia; un spaziu induve e differenze è a diversità sò rispettate è a viulenza ùn hè micca una lingua.

U duttore Anantha Kumar Duraiappah hè direttore di l'Unesco Mahatma Istitutu Gandhi di Educazione per a Pace è u Sviluppu Sostenibile in New Delhi, India

(Andà à l'articulu originale)

1 Comment

Unisce a discussione ...