COVID-19: Alcuni 23.8 Milioni Di Più Bambini Lasceranu a Scola

Secunnu e Nazioni Unite, circa 23.8 milioni di zitelli è ghjovani in più (da u pre-primariu à u terziariu) ponu abbandunà o ùn avè micca accessu à a scola l'annu prossimu per via di l'impattu ecunomicu di COVID-19 solu. Creditu: Umer Asif / IPS

(Ripostatu da: Serviziu Stampa Inter, 7 d'Agostu, 2020)

Di Samira Sadeque

Alcuni 23.8 milioni di zitelli è ghjovani in più (da u pre-primariu à u terziariu) ponu abbandunà o ùn avè micca accessu à a scola l'annu prossimu per via di l'impattu ecunomicu di a pandemia solu.

NAZIONI UNITE, 7 d'Agostu 2020 (IPS) - I paesi cun bassu sviluppu umanu si trovanu di fronte à u pesu di i chjusi di a scola, cù più di 85 per centu di i so studienti fora di scola da u secondu trimestre di u 2020, secondu un briefu di pulitica di e Nazioni Unite nantu à l'impattu di COVID-19 nantu à l'educazione.

À u lanciu, u Segretariu Generale di l'ONU, António Guterres, hà dettu chì a pandemia "hà purtatu à a più grande perturbazione di l'educazione mai avutu".

Sicondu u riassuntu, e chjusure di e scole da a pandemia anu toccu 1.6 miliardi di studenti in più di 190 paesi.

In u Regnu Unitu, ci hè una differenza in ciò chì tocca i studienti è ciò chì tocca i genitori è i prufessori., Secondu a prufessora Anna Mountford-Zimdars, chì insegna a mobilità sociale à l'Università di Exeter. Cù i studienti chì avà assistenu à e scole à distanza, hà dettu, i genitori, i prufessori è i tutori prioritizanu questioni cume a sicurezza, u benessere è a nutrizione - micca e successi educativi. Tuttavia, i studienti sò "assai preoccupati per a so realizazione è a so progressione è cume questu affetta e so prospettive future".

Mountford-Zimdars hà parlatu cù IPS dopu a liberazione di u briefu di pulitica di l'ONU. In maghju, u so ufficiu in u direttore cumunu di l'Università di u Centru per a Mobilità Sociale hà publicatu i risultati di un'inchiesta nantu à cume i chjusi di e scole affettanu i genitori è i studienti in u Regnu Unitu.

"I studienti anu segnalatu un sensu di" perdita di putenza "in quantu à furmà i so prossimi passi cum'è u quadru di ottenimentu è opportunità per a furmazione ulteriore", Mountford-Zimdars hà dettu à IPS marti.

Sicondu u riassuntu, "circa 23.8 milioni di zitelli è ghjovani in più (da u pre-primariu à u terziariu) ponu abbandunà o ùn avè micca accessu à a scola l'annu prossimu per via di l'impattu ecunomicu di a pandemia solu".

A pandemia aggrava i prublemi digià esistenti in u campu, impedisce l'apprendimentu per quelli chì campanu in zone povere o rurali, ragazze, rifugiati, persone cun disabilità è spiazzati per forza.

"Perda di putenza"

"In i sistemi d'educazione i più fragili, sta interruzzione di l'annu sculare averà un impattu sprupurziunamente negativu annantu à i sculari più vulnerabili, quelli per i quali e cundizioni per assicurà a continuità di l'apprendimentu in casa sò limitate", leghje u brevi.

Hà signalatu chì a regione Sahel hè specialmente suscettibile à alcuni di l'effetti chì u bloccu hè venutu quandu parechje scole in a regione eranu dighjà chjuse per via di una serie di questioni cum'è sicurezza, scioperi, preoccupazioni climatiche.

Sicondu u raportu, u 47 per centu di i 258 milioni di zitelli fora di scola (u 30 per centu per via di cunflitti è d'emergenza) campavanu in Africa subsahariana prima di a pandemia.

Intantu, cù i zitelli chì fermanu oghje in casa à tempu pienu pò significà sfide per i genitori, è puderia ancu "complicà a situazione ecunomica di i genitori, chì devenu truvà suluzioni per furnisce cura o cumpensà a perdita di i pasti sculari".

Questu hè presente ancu in i risultati di Mountford-Zimdars. Ella disse à IPS chì e so ricerche mostranu chì i genitori percepenu a situazione attuale cum'è "scola di crisa" è micca cum'è "educazione in casa" o apprendimentu à distanza.

Fodera d'argentu

Ci hè quantunque qualchì fodera d'argentu. Di fronte à a pandemia è u bloccu, l'istituzioni educative anu rispostu cun "innuvazione rimarchevuli" per affruntà a lacuna, u briefu hà dettu. Hà ancu datu à l'educatori l'occasione di riflette nantu à cume i sistemi d'educazione in avanti ponu esse "più flessibili, equi è inclusivi".

COVID-19 hà datu à l'educatori l'occasione di riflette nantu à cume i sistemi d'educazione in avanti ponu esse "più flessibili, equi è inclusivi".

Mountford-Zimdars hà dettu chì a so indagine in particulare hà mostratu chì i studienti cù bisogni d'educazione speciale "prosperanu di più in a scola furzata in casa chè in e scole principali".

"Ci sò lezioni da amparà nantu à i fattori chì facenu l'educazione in casa una scelta megliu per certi zitelli - cumpresa l'opportunità di adattà materiale à l'interessi è i bisogni individuali, piglià pause è divertirsi inseme in famiglia", hà dettu.

Ricunnoscendu chì spessu a scola hè un spaziu sicuru per parechji zitelli, aghjunse, "Avemu dinò bisognu di ricunnosce chì ci sò esperienze divergenti di a chjusura di a scola è ci sò ancu zitelli è famiglie chì sperimentanu questu cum'è un'occasione per ripensà cumu è perchè sò facendu a scola cume sò ".

Andendu avanti

U riassuntu di l'ONU hà discusitu in più di e misure per piglià in contu i passi avanti - sia per u so ritornu in aula sia per migliurà l'insegnamentu digitale. U riassuntu raccomanda soluzioni pensate intornu à e questioni di una connettività uguale per i zitelli è cumpensà e so lezioni perse.

Mountford-Zimdars hà aghjustatu à sta lista dui elementi impurtanti: un spaziu sicuru per i studienti di sparte a so sperienza in casa, è riflessioni nantu à cume anu trattatu a pandemia.

"Hè impurtante di creà spazii sicuri per i ghjovani à parlà di e so sperienze d'esse in casa educazione", hà dettu, aghjunghjendu chì per parechji studienti ùn hè stata una sperienza pusitiva, per via di circustanze famigliali, mancanza d'accessu à nutrimentu , risorse è tecnulugia ecunomiche, suciali o culturali.

"Avà hè una occasione di furnisce spazii per parlà per queste sperienze è, se ne necessariu, offre un supportu specializatu supplementu", aghjunse. "Saria immensamente benefiziu per un sustegnu di salute mentale per esse dispunibule, largamente publicitatu, è apertu per autoreferenza da i ghjovani stessi è da quelli chì travaglianu cun elli in e scole".

Inoltre, hà dettu, i genitori è i prufessori devenu guidà i studienti à riflette nantu à e lezioni positive da a chjusura di a scola.

"Vogliu cunsigliu vivamente chì invece di cunsultà solu nantu à l'apprendimentu persu di curricula particulari, chì a riapertura di a scola abbia da esse accumpagnata da un periodu di riflessione. Chì anu amparatu i studienti? Cumu hè d'aiutu per l'avvene? " aghjunse.

Sianu the first to comment

Unisce a discussione ...