Colonialismu, puvertà è corruzzione: Alcuni penseri nantu à l'educazione per a pace per affruntà questi mali durante a pandemia COVID19 (Puerto Rico)

Stu saggiu di Anita Yudkin hè basatu annantu à rimarche date durante u webinaru di u 13 d'aprile 2020, "L'educazione per a pace è a pandemia: prospettive glubali".  Pudete truvà un video cumpletu da u webinar quì. Stu saggiu face ancu parte di u nostru "Connessioni Corona: Imparà per un Mondu Rinnovatu"Serie chì esploranu a pandemia COVID-19 è e so manere in relazione cù l'altri prublemi di educazione per a pace.

Da Anita Yudkin *, Portu Riccu

Parechji anni fà Efrén Rivera Ramos, stimatu cullega è prufessore di dirittu à l'Università di Puerto Rico, hà identificatu dui temi generali chì devenu esse cunsiderati in quantu à i diritti umani in Portu Riccu: culunialisimu è puvertà[1]. Sò sicuramente d'accordu chì, per affrontà e implicazioni di l'attuale pandemia COVID19 per l'educazione per a pace, duvemu tene questi mali in u centru di a nostra analisi.

Diverse altre realità ci anu assediatu in l'ultimi anni chì devenu esse cunsiderati cum'è un telone di fondu per a pandemia COVID19 è i so effetti nantu à u populu di Portu Riccu. Prima, hè u crollu di e strutture guvernamentali è u smuntamentu di i servizii publichi, in particulare i sistemi di educazione è di salute. Questu in cunseguenza di una crisa ecunomica è pulitica in corso, l'imposizione di pulitiche neoliberali di privatizazione da un guvernu federale americanu nominatu Cunsigliu di Cuntrollu Fiscale, è inettitudine è corruzzione di u guvernu lucale.

Secondu, a devastazione causata da l'uraganu María di settembre 2017, da a quale ùn avemu micca ripigliatu cumpletamente nè in termini d'infrastrutture, d'ecunumia, nè d'emuzione [2]. Maria ci hà mustratu chì u nostru sistema di salute ùn pudia micca gestisce un gran numeru di persone chì si ammalavanu in listessu tempu, è chì l'istitutu forensicu governamentale ùn pudia micca, è ùn s'interessa micca, ancu cuntà u numeru di morti risultanti da a risposta inadeguata à un micca cusì disastru naturale [3]. Eppuru, Maria hà ancu lasciatu a piazza à l'urganizazione di a cumunità, è à a realisazione crescente chì avemu bisognu l'uni di l'altri per sopravvivere è passà dopu à sta tragedia.

In terzu, durante l'estate di 2019 avemu campatu un schernu publicu senza precedente è manifestazioni massicce chì anu purtatu à a demissione di u guvernatore Ricardo Roselló allora è à a presa di funzione di a so secretaria di ghjustizia, Wanda Vázquez, cum'è prossimu in fila. I manifestanti anu dinunziatu u disprezzu generale è l'insuffisanza di e misure per trattà l'emergenza, a corruzzione evidente in a gestione di i fondi publichi, è u favuritismu puliticu chì benefica pochi collaboratori stretti [4].

Cusì, à u mumentu di i primi casi di COVID19 sò stati segnalati in Portu Riccu, eramu di fronte à servizii di salute altamente privatizati chì sapiamu chì eranu fragili, à fiancu à effetti decennii longu di tagli di u bilanciu è una risposta inadeguata à i disastri naturali chì anu influenzatu gravemente i più poveri è settori vulnerabili di a pupulazione [5]. Eppuru, aviamu acquistatu cunniscenze sperienziali chì portanu à una mancanza di fiducia in e pulitiche guvernamentali è risposte à sta nova crisa. U più impurtante, aviamu studiatu l'idea chì forse l'avvene puderia esse diversu, chì forse pudemu fà fronte à l'insuffisenzi pulitichi chì ci anu trascinatu dapoi tantu tempu.

A misura principale presa per affruntà a pandemia COVID-19 da u guvernatore Wanda Vázquez è u Dipartimentu di a Salute di Puerto Rico hè stata un rigore di chjude è coprifu, chì à u mumentu chì scrivu stu saggiu hè nantu à a so quinta settimana di implementazione. A risposta hè stata assai militarizata è sia a pulizza lucale sia u persunale di a Guardia Naziunale sò i principali infurzatori di ste misure. Finu à u puntu chì i tanki, i camiò è i travagliadori di a Guardia Naziunale pattuglianu e zone cummerciale cù altoparlanti annuncendu chì tutti devenu stà in casa. L'ufficiali di pulizza anu fattu più arresti per via di viulazione di curfew durante e prime settimane di u lockdown cà u numeru di test COVID19 amministrati. Finu à avà, e misure d'isulamentu suciale parenu avè avutu l'effettu di mantene u numeru di cuntagioni bassu, chì hè di sicuru un sviluppu pusitivu. E in termini generali a grande maggioranza di e persone seguitanu queste misure, ancu se qualchì volta l'ordini specifici sò stati cambiati ogni settimana. Eppuru, u guvernu hà fiascatu in l'urganizazione è l'amministrazione di un numeru adeguatu di testi, tenendu traccia di i dati epidemiologichi assai necessarii, è traccia di i casi. Cusì ùn simu micca sicuri di ciò chì hè a vera portata di sta malattia trà a pupulazione.

Inserite l'usu puliticu di i mass media per rinfurzà u curfew, sustene e candidature per l'elezzioni imminenti, è calma ogni pussibule interrugazione o dissentimentu à e pulitiche stabilite. E cunferenze di stampa di u guvernatore sò state assai messe in scena, è poche dumande sò trattate seriamente. À mezu à a pandemia, hà fattu fronte à a rimozione di un Sicritariu di Salute per incumpetenza, è à a demissione di un altru Sicritariu in relazione à un scandalu di corruzzione riguardu à l'acquistu di test COVID. Hà numinatu un terzu Sicritariu di Salute chì pare infine assume e serie responsabilità necessarie per affruntà a crisa sanitaria. U Guvernatore hà numinatu dinò una "task force di salute" chì à l'iniziu era un'iniziativa assai accolta datu chì hè cumposta da prufessiunali medichi altamente qualificati. Eppuru dui di i so membri, cumpresu u presidente di u gruppu di travagliu, sò stati attaccati da u scandalu di e prove. A so risposta à e dumande critiche poste da a stampa hè stata di dubbità di e so intenzioni, è in un casu ùn li include mancu tuttu trasmettendu un prugramma registratu in precedenza cù moderatori selezionati.

Allora, chì pò furnisce l'educazione per a pace datu questu scenariu cumplessu? Aghju prupostu alcune idee per affruntà a pandemia COVID 19 basata nantu à i principii generali di educà per a pace, in a so interrelazione cù i diritti umani è a sustenibilità.

  1. Capite a pandemia COVID 19 da una prospettiva larga, multidisciplinaria. L'educazione per a pace prevede a capienza di prublemi umani cumplessi, in particulare quelli chì sò affettati da forme strutturali di violenza. Duvemu circà di capisce a pandemia COVID19 è a risposta à stu virus, da una prospettiva olistica multidisciplinaria, una chì permette una comprensione approfondita di u fenomenu, cumpresu cumu u culunialismu, a puvertà è a corruzzione sò arradicate in l'effetti è a risposta à sta crisa sanitaria. .
  2. Assumite valori è principi chjave di dignità umana è di non discriminazione. I diritti umani sò à u core di ogni sforzu per educà per a pace. I principii inerenti à i diritti umani di a dignità umana è di a non discriminazione furniscenu un fundamentu per esaminà cumu a pandemia COVID19 affetta ogni persona in ogni locu. Assumendu questi principii in u nostru sforzu educativu hè chjave per furnisce una attenzione più ghjusta è equa à u prublema.
  3. Adopte un paradigma di sicurezza umana in contraposizione à a visione militare / polizia di a sicurezza. L'educazione per a pace mette in discussione u militarisimu è a cultura di a guerra chì raprisenta. Assume chì in a custruzzione di una cultura di pace, duvemu esse "liberi da a paura" è "liberi da a mancanza", in mira per a sicurezza umana induve e nostre garanzie sanitarie, alimentarie, economiche, ambientali, persunali è cumunali sò garantite. Questu furnisce un paradigma alternativu da quale capisce cumu tendemu à sta pandemia glubale.
  4. Educà per a sustenibilità in a produzzione lucale è di l'energia L'educazione per a pace è l'educazione per a sustenibilità sò intrecciate cum'è mezi necessarii per affruntà i prublemi lucali è glubali attuali. Cum'è l'avemu amparatu in crisi precedenti in Portu Riccu, duvemu sustene l'alimentu lucale è a produzzione d'energia pulita, riducendu a nostra dipendenza da i beni impurtati per sopravvivere non solu sta pandemia, ma dinò e gravi conseguenze di u riscaldamentu globale è di u cambiamentu climaticu.
  5. Prumove u pensamentu criticu è l'alfabetizzazione critica in i media. L'educazione per a pace deve favurisce a comprensione di i principii demucratici basati nantu à i diritti umani, è dinò u rolu di a participazione di i cittadini à difende a demucrazia, cumpresu u dirittu di prutestà, a libertà di spressione è l'accessu à l'infurmazioni. Questu richiede competenze di pensamentu criticu, è alfabetizazione critica in i media per chì a manipulazione di l'opinione publica è l'azzioni sò messe in discussione è superate. Include ancu una pedagogia di interrogazione è indagine nantu à a problematica suciale, cume sta pandemia chì porta à azzione nonviolente in a cunfrontazione di politiche ingiuste.
  6. Adopte una prospettiva Freireana in denunzia a situazione attuale, annunzendu modi per affruntalla è creà futuri alternativi[6]. Sò cunvintu chì l'educazione per a pace deve aduttà una prospettiva freireana chì hà per scopu di prumove a comprensione di a realtà mentre emergenu da quella realtà in un altru mondu pussibule. Freire prupone di denuncià l'inghjustizie, di annunzià, sunnià è perseguì un avvene guvernatu micca da l'etica di u mercatu, ma da un'etica di cura versu u bè cumunu. L'educazione per a pace ci pò certamente guidà versu prevede tali futuri alternativi.

April 21, 2020

Noti / Riferimenti

[1] Rivera Ramos, E. (2014, 23 di dicembre). Los otros derechos. U Novu ghjornu, p.61.

[2] Bonilla, Y. & LeBrón, M. (2019). Riporti di disastru: Portu Riccu prima è dopu a timpesta. Chicago, IL: Libri Heymarket.

[3] Centru di Periodismu Investigativu (CPI). (2018, 14 di settembre). I morti di Maria [serie]. http://periodismoinvestigativo.com/2018/09/los-muertos-de-maria/

[4] Colón Morera, J. (da vene). El "verano boricua": Claves preliminares da a mirada di i diritti umani. En A. Yudkin Suliveres & A. Pascual Morán (Eds.) Descolonizà a pazzia: Entramatu di sabre, resistenze è pussibilità. Antulugia conmemorativa del 20 anniversariu di a Catara UNESCO di Educazione per a Paz. San Juan, Portu Riccu: Università di Portu Riccu.

[5] Martínez Arabona, A. (2017, 7 di dicembre). Justicia ambiental, desigualdad y pobreza in Puerto Rico. Informe ante a Cummissione Interamericana di Diretti Umani. https://noticiasmicrojuris.files.wordpress.com/2018/05/final-informe-cidh-audiencia-pr-dic-2017.pdf

[6] Freire, P. (2004). Pedagogia di l'indignazione. Boulder, CO: Editori di Paradigma.

Circa l'Autore *

Anita Yudkin hè Coordinatore di a Catedra UNESCO in Educazione per a Pace, è Prufessore à u Dipartimentu di e Fundazioni Educative, Università di Portu Riccu. Hè una educatrice chì cerca di prumove pedagogie critiche è trasformative, i diritti di i zitelli, i diritti umani è l'educazione per a pace. Ella travaglia à u sviluppu prufessiunale di i prufessori, à l'iniziative educative cù l'ONG, è participeghja à a Rede di e Catedre UNESCO per i Diritti Umani. Hà publicatu assai è hè stata invitata à parlà in Portu Riccu, in America Latina è in i Stati Uniti. Detene un Ph.D è un MA in Psicologia Educativa, è un BA in Educazione da l'Università di Michigan.

chiudi

Unisciti à a Campagna è aiutaci #SpreadPeaceEd!

Sianu the first to comment

Unisce a discussione ...